RITORNO IN BORGOGNA, di C. Klapish

Un bel film, credetemi.

Non è necessario essere devoti al dio Bacco per apprezzarlo. Al limite può piacere anche agli astemi, perché il tema centrale non è il vigneto ma la famiglia.

Dopo l’immagine, se proprio insistete, vi riassumo la storia.
https://i.ytimg.com/vi/Bq5xtzcoYmk/maxresdefault.jpg
C’è questa azienda vitivinicola, che traballa ma non molla. Morto il patriarca i 3 eredi hanno molti problemi.

  • Jean era andato via dalla Borgogna 10 anni prima; ha girato il mondo, è finito in Australia dove possiede un vigneto e ha lasciato Alicia e un figlio di 5 anni; vuol vendere tutto e tornare là
  • Juliette non vuol vendere un bel niente; legatissima alla bella casa e soprattutto alle vigne, non si è mai mossa di lì e non si è sposata; è un tipo tosto: bisogna vederla quando si fa obbedire dallo squadrone dei vendemmiatori
  • Jeremie, il più giovane, è sposato e ha sulla groppa uno suocero piuttosto ingombrante

Come andrà a finire?

NO SPOILER!!!!!

Andate a vederlo (merita davvero) e lo saprete.

Published in: on ottobre 24, 2017 at 6:49 am  Lascia un commento  
Tags: , , ,

ciao, Francesco

Come insegna Ferruccio Gianola, bloggando è bene non parlare di cose private. Gli eventuali lettori potrebbero obiettare “ma perché ci vieni a raccontare ‘ste cose?”

Ma lasciatemi scrivere qualche riga su Francesco Lambertini, bolognese.
lambertini

Era un brav’uomo, simpatico e intelligente. Con una gran passione per le viti (intese come piante).

Ora lo immagino nel paradiso dei viticoltori, dove ogni annata è sempre ottima e il vino non sa mai di tappo.

Published in: on novembre 12, 2014 at 10:38 am  Comments (1)  
Tags: ,