a pensarci bene c’è QUALCHE differenza tra A QUALCUNO PIACE CALDO e AMICI COME PRIMA

Ho avuto un incubo (troppa peperonata ieri sera)

Ho sognato che progettavano il remake italiesco di SOME LIKE IT HOT, il capolavoro diretto da Wilder, in cui Marilyn fa risplendere la sua incredibile bellezza e un miliardario assatanato (Joe E. Brown) corteggia Daphne (Jack Lemmon travestito).
some

“Vediamo un po’… Marilyn non ce la possiamo permettere (non possiamo permetterci neanche Marion Cotillard)… anche le sparatorie tra i gangster costano troppo… però ci possiamo mettere un riccone (Boldi) che sbava per un travestito (De Sica)”
sica

Nessun produttore italiano è stato maltrattato durante la stesura di questo post; anche se la tentazione era forte.
hot

Published in: on dicembre 28, 2018 at 1:01 am  Comments (1)  
Tags: , , , ,

Emmaus, romanzo mal riuscito

La prima domanda è: com’è un “sorriso ben fatto“?

Un sorriso può essere cordiale, gelido, franco, aperto, malizioso, a denti stretti, accattivante, caldo, allusivo, complice, luminoso, spontaneo o costruito, eccetera. Ma un “sorriso ben fatto” non me lo so figurare. Forse vuol dire che i denti ci sono tutti?

Se incontrerò Alessandro Baricco (d’ora in poi semplificato in AB) in un’altra vita glielo chiederò.

Premesso ciò, avevo letto frettolosamente EMMAUS mesi fa: non mi era piaciuto.

Adesso, in queste ovattate mattine di fine anno, me lo sono riletto con molta cura. E mi piace ancora meno. Senza rancore, AB, puoi fare di meglio.

TRAMA. Un quartetto di 18enni di non eccelsa condizione sociale (il padre di Luca esce di casa alle 7 e mezza per andare in ufficio) entra in contatto con una cerchia di ricchi atei. Gente che non crede in niente, se la spassa tra feste, tornei di tennis e puttane. I quattro si imputtaniscono. Uno si uccide, l’altro si buca, il migliore finisce in galera.

Tutto ciò è narrato in prima persona da uno dei 4, che non dice come si chiama. Vuol dire che AB prova a calarsi nelle brache di un 18enne.

E questo è il difetto principale di EMMAUS: il narratore è in realtà un 50enne amareggiato e scettico (AB, appunto) che frequenta gente ricca, si intende di alpinismo e (presumo) di travestiti.

Ma non conosce veramente gli adolescenti e il loro modo di esprimersi. Voi conoscete un 18enne capace di scrivere “nel sordo strisciare di un simile fallimento, non troviamo il tempo di riflettere, né la luce di una ribellione: solo l’immobilità sorda della colpa…”? Forse, a cercare col lanternino, qualcuno ci sarà… ma io conosco giovani più laconici.

E non conosco giovani DAVVERO CONVINTI DELLE LORO SCELTE (i 4 protagonisti si dedicano alla parrocchia e al volontariato, puliscono poveri vecchi smerdati, ecc) che deraglino così per questioni di sesso.

Una scopata è facilmente perdonata per un cattolico: tre pateravegloria, ego te absolvo…

I giovani non perdono la fede per questioni di mutande (so di cosa parlo), ma per la scandalosa condotta di certi pretacci.

Comunque tanti auguri, AB: sei un bravo scrittore, nel 2010 farai qualcosa di meglio.