Cinema d’agosto – continuazione e fine

Concludo la rassegna dei film agostani iniziata 6 giorni fa.

  • TRANSYLVANIA HOTEL 3 – Non dite che è roba da bambini. In sala eravamo tantissimi over 40 a ridere. Nei film d’animazione c’è l’aspetto infantile (non muore nessuno) ma c’è anche un tema serio: l’accettazione del diverso. E non potrebbero essere più diversi di così agli occhi dell’implacabile Van Helsing… che però alla fine fa pace con l’antico nemico – Giudizio sintetico Al di sopra del BAH

transy

  • MARY SHELLEY. UN AMORE IMMORTALE – Potrei trovare un link col film precedente nel personaggio del dottor Victor Frankenstein di Ginevra, creato dalla protagonista M. Shelley in una specie di gara tra amici (era l’estate del 1816, quando Mary aveva 19 anni). Potrei, ma sarebbe una sciocchezza: del dr. Frankenstein e della sua Creatura si parla poco in questo film, dedicato in realtà all’amore, irrefrenabile quanto infelice, tra Mary e il poeta romantico Percy B. Shelley… a proposito, lo sapete che un antenato di mons. Viganò accusava Shelley di non andare in chiesa la domenica? – Giudizio sintetico Al di sopra del BAH

mary

Annunci
Published in: on settembre 1, 2018 at 9:12 am  Comments (2)  
Tags: , ,