Indifferenziata (incubo notturno)

Lo confesso.

Ho mancato ai miei doveri di differenziatore.

L’altra sera, approfittando delle fitte tenebre, ho stivato nel cassonetto “indifferenziata” un sacchetto contenente tovaglioli di carta, due bicchieri di plastica e un tappo di sughero.

Nella notte la mala coscienza mi ha fatto comparire davanti Socrate, Abramo Lincoln, Madre Teresa di Calcutta, Vlad Dracul (i vampiri, si sa, sono ecologisti molto scrupolosi) e Maximilien de Robespierre.

Morale: se volete dormire serenamente separate la carta dalla plastica ecc

P.S. Chi mi sa dire dove va stivato il polistirolo?
socrateresaabramvladyrobes

Published in: on agosto 28, 2018 at 11:14 am  Comments (12)  
Tags: , , ,

incontro ravvicinato con uno strano tipo

LUI (puntandomi il coltello alla gola) “Cos’è questa storia che io sarei SOPRAVVALUTATO?”

Io (deglutendo) “Non credere a quello che ti hanno detto, amico! Tu sei un grande, un grandissimo…”

LUI “Grandissimo cosa?”

Io (recuperando in parte il mio equilibrio mentale) “Un grandissimo eroe! Un eroe leggendario! Vendono magliette con la tua faccia in tutto il mondo! E poi quella cosa del sopravalutato l’ha detta Socrate, non io!”

LUI (allontanando di qualche centimetro il coltello dalla mia carotide) “Chi sarebbe questo Socrate? Un comunista?”

Io (respirando quasi normalmente) “E’ un poveraccio… sai, sposato con una rompiballe…”

LUI “Allora qualche attenuante c’è l’ha… Solo quelli che non si sposano si mantengono sani: io, Gesù Cristo, Beethoven… non so di preciso chi sia Beethoven, ma ne ho sentito parlar bene…”

Io (respirando normalmente) “E’ un tedesco, morto due secoli fa”

LUI (rimettendo il coltello nella fondina) “Adesso ascoltami, vecchio babbeo. Ho saputo che hai elencato i film più belli degli ultimi anni. Io non ci sono in quella lista, ma non me ne frega niente. Mi dispiacerebbe MOLTO, invece, vedere il mio nome nella lista dei PEGGIORI, che stai per pubblicare…”

Io (risvegliandomi dall’incubo) “Non ci sei, John, ti assicuro che non ci sei! Ci sono alcuni tuoi imitatori come Riddick, il Monnezza e Alex l’Ariete…”

Beh, era solo un sogno. Comunque la LISTA DEI PEGGIORI c’è e la pubblicherò molto presto. John Rambo non compare unicamente perché non ho mai visto nessun suo film.rambo

Published in: on dicembre 8, 2013 at 2:01 pm  Comments (4)  
Tags: , , ,

Mi è apparso Socrate, figlio di Sofronisco… (mi ha parlato di SOPRAVVALUTATI)

Sto andando a giocare un terno secco sulla ruota di Atene.

Ho sognato Socrate (mi dettava 3 numeri)
socrateCome vedete dalla foto qui accanto, scattata da Platone (che poi me l’ha mandata via mail), stava per provare un cocktail alla cicuta. Faccio notare che il dito puntato verso il cielo è l’indice, non il medio.

-O Saggio tra i Saggi- dissi -mòstrati all’altezza della tua fama e illùminami con la tua luce, possibilmente senza rompermi le pall  senza appesantire il tuo eloquio con un numero infinito di parole (che poi mi tocca di tradurre); possa tu dimezzare quel numero infinito…-

-O stolto tra gli stolti- rispòsemi -non sai che la metà di un numero infinito è sempre un numero infinito? E comunque sono entrato nella tua mente per una questione molto importante. Voglio dare il mio voto a Manuela Arcuri, nel senso che la ritengo degna del titolo di Massima tra le cagne del cinema italiano!-

-O Maestro degli ignoranti, consentimi una domanda. Perché mai giudichi Manarcuri più cagna di Valmarini?-

-Che palle! Sappi, o petulante pòstero, che Valeria è mia lontanissima discendente per via di una bis-nipote di Santippe che emigrò nella Magnagrecia al séguito di re Pirro. Una gran troia, detto tra noi…-

-Non occorre aggiungere altro, o Sublime Vetta di Sapienza. Mi rendo conto che, in passato come oggi, l’importante è essere parente di Qualcuno!-

-Vedi che ci arrivi anche tu, zucca vuota? Non è mai stata una questione di merito ma di agganci! Ora dimmi, sprovveduto bloggatore: perché non hai ancora dedicato un post a Matt Damon? Non ti sembra degno di attenzione?-

-Al contrario, Splendido Faro della Maieutica: Matthew Damon è uno dei miei attori preferiti! Lo considero superiore a tanti altri, al momento più pagati di lui. Sto raccogliendo le idee per istituire un’Accademia dei Sopravvalutati…

-Non farti il nido con le paglie altrui, come dicono al Pireo! L’idea dell’Accademia dei Sopravvalutati è già venuta a Woody Allen: in MANHATTAN è Mary che ne parla a Isaac. Personalmente ci metterei Harrison Ford, James Cameron, Mel Gibson, Silvester Stallone, Liam Neeson, Pierce Brosnan, Arnold Schwarzenegger, Matteo Renzi…-

A quel punto l’ho piantato lì e sono andato di corsa a giocare il terno. Socrate è un buon ragazzo, ma quando comincia non la finisce più…
ryan

Published in: on dicembre 6, 2013 at 8:42 am  Comments (8)  
Tags: , , , , , , ,

DIALOGO SOCRATICO, in cui si discetta sull’incontro ITALIA-BRASILE e si rivela il motivo per cui l’autore di questo bloggaccio ha FINORA evitato di parlare di attori con più di 50 anni

In un pub, presso il Teatro di Dioniso.

CALLICLE – Sono lieto di vederti, o Socrate!

SOCRATE – Se dicessi la stessa cosa, o Callicle, sarei insincero.

C – Dimmi, o Socrate, vedrai la partita Italia-Brasile? La trasmettono su Raiuno…

S – Come potrei vederla, o Callicle? La televisione non è stata ancora inventata. E, anche se lo fosse, non proverei alcun interesse per quei miliardari in mutande.

C – Eppure, o Socrate, sarà una trasmissione molto seguita. Avrà certamente un’audience di molti milioni di spettatori!

S – Su questo non ho dubbi, o Callicle. Ma ora voglio farti una domanda.
socrate

C – Dimmi, o Socrate.

S – La Rai trasmette generalmente programmi di alta cultura, come le tragedie di Eschilo e le commedie di Aristofane?

C – Generalmente no, o Socrate. Trasmette più spesso programmi alquanto banali, come VOYAGER, CHI L’HA VISTO? e I FATTI VOSTRI.

S – Secondo te, o Callicle, per quale ragione alla Rai e alle altre reti preferiscono la banalità alla cultura?

C – Tiro a indovinare, o Socrate. Forse è la pubblicità che induce i programmatori a scegliere in tal modo.

S – Per Zeus Olimpio, o Callicle, questa volta hai detto qualcosa di sensato! Senza la pubblicità la televisione non avrebbe tanta importanza nella nostra vita, né i suoi dirigenti intascherebbero stipendi così cospicui. E ora dimmi: i messaggi pubblicitari a chi sono diretti?

C – Sono rivolti a tutti, o Socrate.

S – In questo ti sbagli. Sono diretti a gente particolarmente scema, che viene persuasa dagli spot a comprare questo detersivo invece di quello. Chi sa usare il proprio cervello, o Callicle, decide da solo se comprare un’auto o andare in crociera, se pagare in contanti o usare una carta di credito. Perciò i messaggi pubblicitari farciscono i programmi da encefalogramma piatto, puntando a un target di donne e uomini che, invece di ragionare su cose concrete (come lo sviluppo sostenibile, la lotta agli sprechi, lo strapotere della malavita organizzata), vivono in una caverna piena di ombre e di sogni.

C – Tu parli come un mitingaio, o Socrate, e io non ti capisco.

S – Su questo mito della caverna, o Callicle, devo ancora lavorare. Ma ora ti faccio una domanda più facile: per quale motivo il bibliofilo autore di questo blog ha finora dedicato tanto spazio agli attori e alle attrici under 50?

C – Boh, o Socrate? Forse egli ritiene che siano migliori.

S – Questa volta, o Callicle, l’hai proprio fatta fuori del vaso! Hugh Jackman e Joseph Fiennes migliori di Jack Nicholson, Morgan Freeman e Anthony Hopkins (nati tutti nel 1937)? In realtà il bibliofilo è (come ben sappiamo) un pigrone e preferisce postare su star che abbiano interpretato un numero assai limitato di ruoli!

C – Vedo che stai andando via, o Socrate.

S – Infatti ho da fare, o Callicle. Ma rispondi a quest’ultima domanda. Se un filosofo e un cretino stanno parlando e il filosofo se ne va, chi rimane?

C – Rimane il cretino, o Socrate.

S – Ti saluto, o Callicle.

Published in: on marzo 21, 2013 at 9:29 am  Comments (5)  
Tags: , , , , , ,

Premio SCIACQUONE D’ORO 2009….

Come ho postato nell’altro blog http://un-paio-di-uova-fritte.blog.kataweb.it/2009/06/09/quasi-tre-milioni-di-italiani/ le masse non sempre scelgono in modo intelligente.

Questo è il grande limite della democrazia.

Non dimentichiamo che i cittadini di Atene mandarono in esilio Aristide e condannarono a morte Socrate (era una giuria di 500 cittadini, non un gruppetto di rancorosi), che Hitler fu nominato cancelliere in seguito a una vittoria elettorale e che G.W.Bush fu rieletto nel 2004.

Dopo questa solenne premessa, sono ancora qui a chiedermi come mai un film a cui il grande Stefano attribuisce il premio SCIACQUONE D’ORO 2009 abbia incassato in meno di un mese quasi 18 milioni di euro.

E parlo di un mese quasiestivo (dal 13 maggio ad oggi) in cui le sale sono mezze vuote e gli incassi (in genere) calano vistosamente.

Provo con qualche ipotesi di lavoro:

  1. si parla molto di preti (papi -ma non quello- cardinali e monsignori) e agli italiani DA SEMPRE piacciono i temi clericali e anticlericali (in fondo, se ci pensate, è la stessa cosa)
  2. si parla del CERN (dove si dovrebbe essere controllati dalle telecamere in ogni momento e invece la gente entra ed esce come se fosse un ministero italiano), del bosone, dell’antimateria; insomma argomenti di cui quasi nessuno capisce una mazza, ma comunque sono di moda
  3. c’è un bel po’ di morti ammazzati (tipo Indiana Jones) e questo tira sempre, date le tendenze sadiche degli adolescenti in sala
  4. varie ed eventuali

Vabbè… Per oggi mi fermo qui, ma dulcis in fundo (come disse il capitano Dulcis affondando con la nave) inserisco un filmato su COME ERAVAMO.

Poi, nei prossimi post, mi lascerò andare all’operazione nostalgia e rievocherò gli anni (mica tanto felici) della scuola elementare.

Quando anch’io cantavo in coro ARRIVA IL DIRETTOR.