Sono stata in prigione e sul trono, ho guardato dall’alto in basso Shakespeare e James Bond; Elisabeth Bennet mi ha messa alla porta

Judi Dench ha interpretato molti ruoli, in teatro e al cinema.

Di parecchi ruoli, però, non so dire una beata cippa.

NON HO VISTO come se la cava nei panni di M (il capo dei servizi segreti), essendo affetto da bondfobia.

Ho saputo che Lady Dench appare brevemente nell’ultimo film dei Piratideicaraibi, ma non ho visto neanche questo (devo sentirmi in colpa?).

Elenco perciò i ruoli che conosco:

  • CAMERA CON VISTA (1985; Eleanor è una gentildonna molto anticonvenzionale nella Firenze di fine Ottocento)
  • ENRICO V (1989; la signora Quickly, proprietaria di una locanda-bordello, ci informa piangendo della morte di Falstaff)
  • SHAKESPEARE IN LOVE (1998; la regina Elisabetta I sale sul palcoscenico del Globe e sentenzia che l’attrice che ha interpretato Juliet è un uomo, il che tronca ogni discussione in merito; premio OSCAR)
  • UN THE CON MUSSOLINI (1999; Arabella dipinge e restaura affreschi in Toscana; nel finale difende coraggiosamente le Torri di San Giminiano dai tedeschi in ritirata)
  • CHOCOLAT (2000; Armande affitta un appartamento alla cholatier Vianne e l’aiuta a superare molte difficoltà; l’amore per la cioccolata le costerà la vita, ma ne valeva la pena; nomination all’Oscar)
  • IRIS – UN AMORE VERO (2001; la scrittrice Iris Murdoch è invecchiata e il marito l’accudisce con commovente tenerezza; nomination all’Oscar)
  • L’IMPORTANZA DI CHIAMARSI ERNEST (2002; la terribile lady Bracknell si oppone con ogni mezzo ai matrimoni della figlia e del nipote; cambia idea quando si accorge che ci sono i soldi)
  • ORGOGLIO E PREGIUDIZIO (2005; l’altezzosa Lady Catherine de Bourgh cerca di intimidire Lizzy Bennet, socialmente molto più in basso di lei; troverà pane per i suoi denti)
  • LADY HENDERSON PRESENTA (2005; Laura Henderson apre un teatro a Soho alla vigilia della seconda guerra mondiale; le ballerine nude alzano il morale dei civili e delle truppe; nomination all’Oscar)
  • DIARIO DI UNO SCANDALO (2006; Barbara è un’insegnante amareggiata dalla vita; la sua amicizia con una collega più giovane avrà conseguenze spiacevoli; nomination all’oscar)
  • JANE EYRE (2011; la signora Fairfax accoglie con molta simpatia la protagonista a Thornfield Hall; come finisce la storia lo sapete, no?)
  • MARILYN (2011; Sybil Thorndike era al culmine della sua gloriosa carriera quando le offrirono una parte in THE PRINCE AND THE SHOWGIRL accanto a Laurence Olivier e Marilyn Monroe)
  • J. EDGAR (2011; Anne Marie Hoover è la madre del protagonista; definirla una rompicoglioni è un eufemismo)
  • MARIGOLD HOTEL (2012; Evelyn, da poco vedova, parte per l’India: sarà colpita dalla freccia di Cupido, si farà una vita lì; è brava anche a bloggare; la produzione promette un sequel)

denchteaqueen

Come farsi lasciare in 10 giorni

Film del 2002, diretto da Donald Petrie e interpretato (così così) da Kate Hudson (la figlia di Goldie Hawn).

L’ho rivisto l’altra sera su Raidue. Non è un capolavoro, ma mi è sembrato utile rivederlo per una ragione che vi dirò poi.

Intanto ecco la TRAMA.

LEI scrive su un settimanale di NY e dà consigli alle giovani lettrici: come si fa a NON essere mollate? Per dare conferma alle sue ipotesi attua il seguente progetto: farà innamorare alla grande il primo che passa e (nel breve termine di 10 giorni) FARA’ TUTTO QUELLO CHE NON SI DEVE FARE AL PROPRIO UOMO, causando quindi il rigetto. LA PRIMA FASE si svolge senza intoppi: LUI si innamora in pochi secondi. Poi la fase 2: un’escalation implacabile di comportamenti orrendi e di azionacce. Ma, nonostante tutto, lui non la scarica. Perché? Perché ha fatto una scommessa (cospicua): conserverà la sua bellona ad ogni costo. Se la perde, perde un premio molto importante. Come va a finire non ve lo dico, tanto lo indovinerebbe un bimbo delle elementari.

L’interesse del film (ripeto, non trascendentale) consiste proprio nell’elenco delle COSE DA NON FARE.

  • ostacolare con crescente perfidia le passioncelle sportive di lui (in questo caso, il basket NBA); posso confermarlo con la mia picciola esperienza: anche Romeo si sarebbe stufato di Giulietta se questa gli avesse sistematicamente impedito di vedere la partita in TV (in mancanza di TV, se gli avesse chiesto di non andare a caccia)
  • indurlo ad indossare camicie, magliette ecc dai colori impossibili DAVANTI A TERZE PERSONE
  • costringerlo a coesistere con animali o animaletti (in questo caso, un cagnetto di inusitata bruttezza) a meno che lui non sia già iperzoofilo
  • prendere costantemente l’iniziativa in fatto di sesso; una volta può essere divertente, due o tre passi, dalla quarta volta in poi fa scattare il segnale d’allarme…
  • intrufolarsi nelle riunioni (più o meno periodiche) con gli amici, sabotandone il regolare svolgimento. Questo è l’asso di briscola, credetemi: conosco uomini che sono attaccati agli amici più che a mamma e papà e se LEI profana con la sua invadenza questo ambito non c’è passione che resista!

IN CONCLUSIONE, se tu vuoi convivere serenamente con il tuo LUI evita con cura i comportamenti sopra elencati e (aggiungo io) dimostragli che gli vuoi bene davvero NONOSTANTE I SUOI INEVITABILI DIFETTI.

Quanto a Kate Hudson, penso che andrò a vedere il suo ultimo film, una commedia iperstroncata dalla critica. Hai visto mai.

Prima però bisogna proprio che veda CORALINE E LA PORTA MAGICA di cui sento dire un gran bene.

Published in: on giugno 23, 2009 at 8:40 am  Comments (5)  
Tags: , , , ,