Largo ai giovani? Boh…. se i giovani sono questi… (ovvero, chi è più cane tra SCAMARCIO e VAPORIDIS?)

Finora ho proposto “attori” over 40 (Bova, Calà, De Sica e Fabiovolo).

Oggi metto a confronto 2 grandi interpreti, nati uno nel ’79 e uno nell’81.

Forse non hanno ancora dato il peggio di sé. Comunque ricordo che Orson Welles aveva meno di 26 anni quando realizzò CITIZEN KANE e Marlon Brando era Marco Antonio a 29 anni e Terry Malloy (FRONTE DEL PORTO) a 30.

Ma chi sono mai Welles e Brando, di fronte a questi due giganti?
scamarciovaporidis
NICOLASVAPORETTO(Roma, 22dicembre1981): se fosse nato 20 anni prima sarebbe comparso in innumerevoli filmetti sexy, sbavante per infermiere di notte, insegnanti e dottoresse del distretto militare.

Invece eccolo qui, miracolato da NOTTE PRIMA DEGLI ESAMI (successo al botteghino non più ripetuto).

Si stenda un pietoso velo su IAGO, grottesco tentativo di rivisitare Shakespeare e di proporre un Vaporidis cattivo.

RICCARDOSCAMARCIO (13novembre1979) è nato in Puglia; sette città si contendono l’onore di essergli madri, come fu di Omero.

Ogni pugliese sogna di essere la reincarnazione di Rodolfo Valentino, il bel tenebroso. Direi che a quei tempi (non dovendo parlare) Scamarcio avrebbe fatto la sua figura.

Miriadi di ragazzine hanno il suo poster attaccato al muro. Pare piaccia anche alle signore.

Recentemente l’ho visto in IL ROSSO E IL BLU. Come insegnante insegna poco, ma potrebbe approfittare della presenza di Herlitzka per imparare come si recita.

Elogio dei brutti

La popolazione italiana si divide in 2 categorie antropologiche: i belli e i brutti.

I belli sono quelli che vediamo negli spot pubblicitari. Impeccabili, inamidati, con i capelli (preferibilmente biondastri) sempre in ordine, ugualmente inespressivi se sorridono, fingono di litigare o prendono un aperitivo.

Qualche volta recitano (beh, insomma…) in film o fiction televisive.

I brutti sono quelli che incontro quotidianamente per strada, in autobus, al supermercato ecc. Sono (anzi, siamo) grassottelli, calvi o pettinati alla carlona, pieni di rughe e di brufoli, con le borse sotto gli occhi…

Nel cinema del passato hanno spesso riempito la scena. Era un cinema migliore (che ve lo dico a ‘fa…) e qui voglio citare 3 (forse 4) esempi di quella meravigliosa stagione.

Se non conoscete i film in questione, affrettatevi a colmare la lacuna. Poi mi ringrazierete.

  • Carlo Pisacane – E’ famoso per il ruolo di Capannelle in I SOLITI IGNOTI; ma ha lavorato in decine di film, da GLI ONOREVOLI a C’ERA UNA VOLTA… (dove interpreta una strega), fino al capolavoro assoluto della commedia italiana: L’ARMATA BRANCALEONE
  •  Tiberio Murgia – Nei SOLITI IGNOTI c’era anche lui (era “Ferribotte”, il fratello di Claudia Cardinale); tra i tanti filmuzzi in cui è comparso voglio ricordare LA GRANDE GUERRA e LA RAGAZZA CON LA VALIGIA
  • Annunziata Pica (in arte Tina Pica) – Grandissima attrice, cresciuta nella scuola di Edoardo De Filippo; per me, il suo ruolo migliore è stato quello di aiutante del capostazione Totò in DESTINAZIONE PIOVAROLO, ma molti la ricordano come “Caramella” al servizio del maresciallo Vittorio De Sica; lo stesso De Sica che, dirigendo IERI, OGGI, DOMANI, le diede la parte della nonna del seminarista sconvolto da Sophia Loren.

Dopo le immagini ritornerò sul tema, riferendomi a due attori del presente. Uno piacione, l’altro rappresentante della categoria BRUTTONI DI CLASSE.

gemmamurgiatin
Ho già parlato di BIANCA COME IL LATTEecc. La storia non è male, ma il personaggio del prof sognatore (interpretato da Luca Argentero) fa semplicemente cagare.

Ben altra figura di prof ha impersonato Roberto Herlitzka in IL ROSSO E IL BLU. Alla sua bruttezza, in conclusione, dedico un applauso.
brutto

Conferenza stampa su IL ROSSO E IL BLU

Sabato sera la ballotta si è riunita al cinema Rialto per il film di Giuseppe Piccioni.

Poi di corsa da Titì (crescentine, salumi e lambrusco). In attesa del rancio abbiamo giocato alla conferenza stampa.

La prima domanda è per Alessandro (il mio ex-preside).

Pasqualina Ientile, della Gazzetta del Mezzogiorno. Signor preside, come giudica il personaggio di Giuliana? Voglio dire, secondo la sua esperienza, è realistico che la dirigente di un liceo vada in palestra a raccogliere i palloni fuori posto? Non spetta ai bidelli?-

-Infatti è un personaggio fuori dalla realtà. Io ho passato anni a litigare con quelli del Comune… e poi c’erano i rapporti col quartiere, con la rappresentanza sindacale, con le USL… non avrei avuto neanche mezzo minuto per ispezionare la palestra… e quanto all’alunno ricoverato all’ospedale è ancora più inverosimile… mi è successo qualche volta di chiamare personalmente un’ambulanza a scuola, ma portare i fumetti e una torta all’ospedale NON ESISTE PROPRIO-buy

Una domanda per me.

-Mario Garosi, del Giornale di Vicenza. Professor Frangini, lei si vede più nel personaggio di Fiorito o nel prof  Prezioso?-

-Nessuno dei due. Forse, se non avessi sposato Paola, sarei diventato un vecchio disilluso, acido e sarcastico come Fiorito…-

(breve applauso per la galanteria)

-Comunque, il personaggio in cui mi riconosco è il marito di Giuliana. Solo che non mi ispiro al “Cucchiaio d’Argento” come lui: sono un cuoco molto banale…-gene

-Paola Barbieri, del Resto del Carlino.  Prof. Alessandro, lei come giudica il supplente,  prof Prezioso?-

-E’ alle prime armi, gli si possono perdonare molti errori… ma come si fa a farsi prestare una biro da un’alunna e poi fare una figura di merda così? Un docente senza penna è come una sentinella senza fucile… comunque il film piacerà alle ragazze: chissà quante sogneranno di avere un bel faccino come Scamarcio in cattedra…-

Stanno arrivando le crescentine e bona lé. Basta parlare di scuola e altre tristezze.

Post scriptum. Roberto Herlitzka, CHE GRANDE ATTORE!!!!!!

attore

Published in: on settembre 24, 2012 at 8:52 am  Comments (4)  
Tags: , , ,