A DANGEROUS METHOD vs. PRENDIMI L’ANIMA

Dibattito in pizzeria. Abbiamo visto insieme il film di Cronenberg e poiché solo mia moglie e io conosciamo il film di R. Faenza (2003) dobbiamo raccontarlo agli altri 4.

  • In PRENDIMI L’ANIMA c’è molta azione e pochi discorsi. Sabine Spielrein è sempre al centro della scena: tenta ripetutamente il suicidio, si masturba, si rotola nel fango, tenta di contagiare l’intera clinica con la sua vena anarchica (do you remeber IL NIDO DEL CUCULO?), fa sesso con Jung (che poi la molla), diventa psicanalista e torna in Russia, dove sarà maltrattata dagli sgherri di Stalin e poi uccisa da quelli di Hitler. Tutto ciò è ricostruito da due giovani studiosi nella Russia di oggi. Attori: Emilia Fox (bravina), Iain Glen (fiacco) come Jung.
  • Tutto il contrario in A DANGEROUSecc. Si parla tantissimo e c’è poca azione. Al centro della scena c’è il dissidio tra Freud e Jung: il Padre e il Figlio che si ribella (poi verrà Adler a completare la Trinità…). S. Spielrein parla poco e digrigna molto i denti (e comunque ha poche battute, in confronto agli altri due). Freud la tratta bene, sicuramente meglio di quell’altro… A proposito, lo sapevate che Jung era un donnaiolo (ebbe più di un’amante, a parte i 5 figli che fece fare alla pazientissima moglie)?
  • Quale dei due è meglio? Ai lettori l’ardua sentenza. A me piace più Prendimi l’anima, ma forse a far pendere la bilancia è il brutto modellino di transatlantico usato nel raccontare la “trasferta americana”. Sembra di rivedere quei vecchi film sul Titanic, con la nave che galleggia in una piscina di Hollywood…

Published in: on ottobre 10, 2011 at 8:41 am  Comments (8)  
Tags: , , , , , , , ,

PRENDIMI L’ANIMA, film di Roberto Faenza

Un film del 2003. Non proprio un film memorabile, ma merita di essere visto.

Anzitutto perché si basa su una storia vera, ben nota agli studiosi di psicanalisi.

Sabina Spielrein, figlia di un ricco rabbino russo, fu davvero ricoverata in una clinica di Zurigo nel 1904 e guarita da Carl Gustav Jung. Si laureò in medicina (sempre a Zurigo) e diventò psicanalista. I suoi rapporti con Jung non erano soltanto professionali, per cui lo stesso Freud da Vienna ordinò a Jung di lasciarla tornare in Russia. A Mosca la Spielrein fondò un asilo prescolare, talmente moderno nella sua concezione pedagogica da riuscire sospetto alla burocrazia staliniana. Costretta a chiudere l’Asilo Bianco, si trasferì a Rostov dove venne uccisa dai nazisti nel 1942.

Tutto ciò viene raccontato da due studiosi, una francese e uno scozzese, che ricostruiscono la sua vita con i documenti ritrovati negli archivi della Russia attuale.

Una scena particolarmente commovente: i due studiosi ritrovano un vecchio, ultimo superstite dei bambini dell’Asilo Bianco, che racconta tra le lacrime di essere stato guarito dalla Spielrein (soffriva di una forma di autismo).

Interessante anche la visita che Sabina e il dottor Jung fanno (mano nella mano) a un museo di Zurigo. Davanti a un quadro che rappresenta Giuditta che decapita Oloferne, lei esclama: “Lo ha ucciso perchè lo amava!”  Non sono un esperto del ramo, perciò non posso valutare questa ipotesi. Mi sa un po’ di sadomaso.

Quanto al personaggio di Giuditta (al di fuori della psicanalisi) segnalo http://allemanda.blog.kataweb.it/2009/06/30/modello-giuditta/