I BACI MAI DATI, di Roberta Torre

Mi chiedevo, il 26 ultimoscorso, perché i nostri produttori non puntano su attrici/attori giovanissimi.

Per la verità qualche eccezione a questa regola c’è.

Nel 2003 Virzì ha potuto scegliere come protagonista di Caterina va in città la giovane Alice Teghil (all’inizio delle riprese non aveva ancora 14 anni) e il botteghino ha risposto bene. Poi la Teghil non ha avuto altrettanta fortuna.

Ecco, mi sono tornati in mente quel film e quella attrice vedendo I BACI MAI DATI.

Una storia un po’ esile ma interessante, interpretata da Carla Marchese con Donatella Finocchiaro (la madre della protagonista), Giuseppe Fiorello (il padre), Piera Degli Esposti (un’inquietante parrucchiera-cartomante) e Pino Micol (il parroco).

TRAMA. Vita grama, quella della giovane Manuela: famiglia disastrata, madre e sorella che gareggiano in zoccolaggine… Ma si sparge la voce che Manuela ha sentito la voce della Madonna. Tutto il quartiere si mette in fila per chiedere grazie grandi e piccole (“fa’ morire mio marito, tesoro…”), arrivano notorietà e soldi. Manuela si stanca presto di essere un fenomeno da baraccone, litiga di brutto con la mamma, poi fanno pace… e il botto finale (se proprio volete conoscerlo) ve lo racconto dopo il video.

Intanto lodo alcune trovate della regista. Nella sequenza iniziale un velo sull’obbiettivo ci fa intravedere una piccola folla (con tanto di sindaco) in una piazza. Solo dopo un po’ lo spettatore capisce che il velo copriva gli occhi dell’inauguranda statua della Madonna. E poi viene descritto il quartiere di Catania dove tutto si svolge: colori vivaci, sguardi tristi, droga.

Azzeccate le figure di contorno. Soprattutto il parroco, scettico sulle “rivelazioni” ma utile nel consigliare il look giusto alla protagonista (non si può andare in televisione con la minigonna..) e le clienti della bottega della Degli Esposti, siliconate dalle tette ai piedi. Non manca l’onorevole sporcaccione, ma non si dice di che partito è.

Conclusione. Proprio quando Manuela ha deciso di troncare tutto, una cieca ritrova la vista (grazie a chi? boh, vai a sapere…) e mi sa che stavolta andranno tutti a PORTA A PORTA.

Auguri comunque all’esordiente Carla Marchese, che nel frattempo ha compiuto 15 anni (il film è stato girato un anno fa). Le auguro altre parti, magari con battute più significative di “un conto è sperare, un conto è essere presi per il culo…”

Genitori e figli…

Una commediola leggera leggera, ma può piacere.

Un prof litiga di brutto col figlio 19enne, che se ne va di casa. La mattina seguente il prof infligge alla sua quinta ginnasio il seguente TEMA: “genitori e figli, istruzioni per l’uso” (in due ore? ti bastano appena per impostare una traccia… oppure butti giù delle banalità).

Una delle alunne racconta dei suoi genitori separati (si riconcilieranno nel finale, al funerale della nonna, ma durerà?) del fratellino violento e razzista, di come lei ha perso la verginità con un coetaneo (un cretino: non usa il preservativo e -di fronte alla possibilità di una gravidanza- non sa pensare altro che al nome da affibbiare all’eventuale bebè). Quattro facciate di foglio protocollo che forse otterranno un bel voto, ma sicuramente bastano a riempire il film. Intanto il figlio del prof è tornato a casa e ricomincia a litigare col padre.

Morale della favola? BOH….

Diciamo che si salva il BUON SENSO delle madri. Una (la moglie del prof, interpretata da Margherita Buy) ripete inutilmente che si può parlare ai figli senza urlare, l’altra (la madre dell’alunna, interpretata da Luciana Littizzetto) consiglia alla figlia di non copulare col primo che passa (solo perchè è di moda), ma di farlo solo con una persona con cui si voglia VERAMENTE costruire qualcosa di solido.

Ripeto. Questo film non cambierà la storia, ma è un prodotto gradevole, ben recitato da attori di qualità.

Si basa sulla ormai collaudata formula di NOTTE PRIMA DEGLI ESAMI: attori giovani (non giovanissimi: l’alunna dovrebbe avere 15 anni scarsi, ma l’attrice ne ha 25 e si vede) che si affiancano ad attori maturi; la differenza è che in Notte prima degli esami i “grandi” erano Faletti e Valeria Fabrizi (e non riempivano la scena), qui sono Michele Placido, Margherita Buy (brava, ma sacrificata dal copione al ruolo di “moglie sottomessa”), Silvio Orlando (professionale ma non bravissimo), Luciana Littizzetto (molto brava, proprio perchè non vuole strafare) e l’intramontabile Piera Degli Esposti.

In una gara simile, i “giovani” partono strabattuti. E aggiungo che non sono un granchè. Andrea Fachinetti ha di buono la muscolatura (si denuda in una scena in piscina che le ragazzine in sala hanno apprezzato rumorosamente) e nient’altro. Chiara Passarelli (la venticinquenne di cui sopra) ha un bel faccino e poco più. Gli altri non li ricordo neppure.

Abbastanza inutile la scena al campo dei Rom… Secondo alcuni maligni l’hanno inserita per appiccicare un’etichetta di IMPEGNO SOCIALE, che permette di ottenere sgravi fiscali dal ministero.

PRINCIPESSA, film di Giorgio Arcelli

Se tu sei di Piacenza (o bàzzichi la zona collinare tra i fiumi Trebbia e Tidone) questo film ti interesserà. Altrimenti no.

Trama. Una giovane dalla vita sentimentale incasinata (per non parlare dei genitori che si ritrova) è assai poco entusiasta di ritrovarsi incinta. Infatti vuole abortire. Ma nel frattempo (per un curioso scherzo del destino) la corteggia un blasonato archeologo trentenne, figlio di un’arcigna marchesa facile alle arrabbiature (difatti le verrà un infarto, ossia coccolone). Non aspettatevi il lieto fine: non è una favola.

Attori:

  • Piera degli Esposti (la marchesa): sempre molto brava.
  • Morena Salvino (la protagonista): dà il meglio di sè quando è nuda; quando deve pronunciare le battute l’incanto svanisce.
  • Michele Riondino (un tipaccio): bravino; ha la faccia giusta (vedi foto).
  • Vanessa Gravina (pittrice amica della prot): brava; peccato che compaia per poco più di un minuto.
  • Riccardo Lupo (l’archeologo): peccato che compaia per moltissimi minuti.

riondino
Giorgio Arcelli, regista, è alla sua opera prima. Perciò va incoraggiato. PUOI SOLO MIGLIORARE, GIORGIO; peggiorare sarebbe impossibile.

Comunque, per mia moglie e per me, è stato divertente vederlo. ERAVAMO SOLO NOI DUE NELLA SALA e commentavamo ad alta voce: “Che boiata di film… Guarda, c’è il castello di Rivalta… il campanile di Verdeto… il castello della Boffalora… la rocca di Agazzano…”

Ultima osservazione: il film è stato girato (presumo in pochissimi giorni) nella primavera del 2007. Hanno avuto il coraggio di distribuirlo solo due anni dopo.

Se ti capiterà di vederlo, capirai il perchè.