in memoria di Pier Paolo Pasolini

Voglio scrivere poche righe su Pasolini, morto 40 anni fa sul litorale di Ostia.
funereNon tutto quello che ha detto e fatto mi ha convinto. Ad esempio quello schema studentiborghesi contro celeriniproletari era, appunto, troppo schematico.

Già nel ’68 concetti come proletariato e borghesia andavano bene solo a scuola per un’interrogazione bignamesca su Marx. Figurati oggi.

Ma su altri temi PPP era veramente un profeta.

2 esempi.

A proposito della tv. Qualcuno brontolava, negli anni 60 e 70, perché c’era troppa religione sul piccolo schermo (il Concilio, il Papa, padre Mariano…). Pasolini spiegò in un articolo sul Corriere che più c’è televisione meno c’è religione.

La tv è consumista per definizione. Non solo per i messaggi pubblicitari; ma per tutto il resto (e non c’era ancora il Berlusca!!!!). Attraverso lo schermo passa un irrefrenabile messaggio: “macché sacrifici, macché fede, macché ascetismo, macché risparmio, macché severità di costumi… è stata la televisione il principale artefice della vittoria dei NO al referendum, attraverso la laicizzazione, sia pure ebete, dei cittadini”

(nota storica: l’articolo comparve sul Corriere della Sera del 22/9/74, pochi mesi dopo il referendum sul divorzio)

Altra profezia (sperando che il futuro non sia così nero)

Prevedo la spolicitizzazione completa dell’Italia; diventeremo un gran corpo senza nervi, senza più riflessi… La strada maestra, fatta di qualunquismo e di alienante egoismo, è già tracciata. Resterà forse, come sempre è accaduto in passato, qualche sentiero; non so però chi lo percorrerà, e come.

Infine, per chiudere con un tono meno cupo, mi chiedo cosa uscirebbe dalle labbra di Pasolini se vedesse le botteghe e i supermercati pieni di ciarpame halloweenesco. Cosa direbbe di questa cialtronaggine, di questa americanata senz’anima?

Non mi piace scrivere bestemmie nel blog; perciò taccio.
allo