a che serve il muro del Brennero?

La prima cosa da dire è che chi si beccherà l’appalto metterà in tasca una bella cifra.

Fate voi un conto: quasi 300 metri di cemento armato, impianti di sorveglianza elettronica, eventuali reticolati…

Ci guadagnerà anche (in voti) il cancelliere Werner Faymann. Una fetta considerevole dell’elettorato austriaco scatta ad applaudire ogni volta che sente la parola Nationalsicherheit (Sicurezza Nazionale).

Un po’ come i leghisti che odiano i meridionali. Ho conosciuto dei veneti che sognavano di far saltare i ponti sul Po.

Infatti Matteo Salvini è entusiasta. Altri non la pensano come lui: Mattarella, il Papa, Dimitris Avramopulos ecc.

Io, nel mio piccolo, aggiungo qualche esempio storico.

  • la Grande Muraglia avrebbe dovuto difendere i cinesi dai loro vicini del Nord. Non bastò.
  • il Muro di Berlino servì solo a far morire qualche migliaio di tedeschi, in fuga dall’Est.
  • la Linea Maginot non impedì alla Francia la più spettacolare sconfitta della sua storia.
  • l’Impero Romano costruì muraglie (dalla Britannia al Mar Nero) per fermare i barbari…

In sintesi, le strategie difensive sono sempre state un fallimento. Se pensi di fermare il nemico con i muri… vuol dire che sei in decadenza e non hai idee nuove!

Oggi la muraglia cinese è solo un’attrazione turistica. Chissà, forse un giorno passando per il Brennerpass scatteremo una foto pensando “che koglioni erano…”muri