Oggi vi parlerò di un film pericoloso. Bello, ma pericoloso. Se lo vedete potreste avere dei problemi. Poi non dite che non vi avevo avvisato…

  • Avete mai provato l’impulso di rompere le ossa a un idraulico disonesto?
  • Avete la tentazione di conciare per le feste un industriale che sta inquinando le acque della regione?
  • Se incontrate un bottegaio razzista che insulta la vostra nazione vi viene la fantasia di bruciargli il negozio?
  • Se uno stronzo vi fa dalle avances sentite che rompergli una racchetta da tennis in testa è cosa buona e giusta?

Ecco. Queste cose succedono in THE FAMILY (nella vers italiana, COSE NOSTRE – MALAVITA).

La famiglia Blake (naturalmente non è il loro vero nome) non ha freni inibitori: quando subiscono un torto QUASI SEMPRE passano al contrattacco. E comunque lo spettatore vede quello che farebbero se non fossero continuamente ammoniti dall’Agente Stansfield (Tommy Lee Jones) “Se vi fate troppo notare la banda del terribile don Mimino vi troverà…”

Ve li presento, se permettete.

Papà Fred (R. De Niro) ha dato molto lavoro ai becchini di New York prima di diventare un “collaboratore di giustizia”. Ormai è stanco della vita, ma si rianima quando gli chiedono di commentare GOODFELLAS (il film di Scorsese in cui De Niro era uno dei protagonisti).

Mamma Maggie (M. Pfeiffer) è una brava cuoca. Dovreste sentirla mentre conversa amabilmente con gli agenti FBI sui vantaggi dell’olio d’oliva. Quando perde la pazienza, però, fa il vuoto intorno a sé.

Belle (D. Agron) ha solo 17 anni, ma promette bene. Rompe la testa a un molestatore e nella sparatoria finale contribuisce ad innalzare il tasso di mortalità in Francia

Warren (J. Di Leo) è il fratello più giovane. Appena arriva nella nuova scuola crea un piccolo racket sullo scambio delle figurine dei calciatori…

In sintesi, questa famiglia (per tacer del cane) è la versione moderna della famiglia Addams. Commettono atti disdicevoli, ma sono TANTO TANTO SIMPATICI.

Ecco perché vedere il film è pericolosissimo. Potrebbe destare emulazione.

Se lo vai a vedere e poi alcuni testimoni di Geova (che frequentavano la tua zona) vengono trasformati in cibo per gatti e l’amministratore del tuo condominio viene trovato cadavere in giardino i sospetti cadranno anzitutto su te.
malavita

Published in: on ottobre 25, 2013 at 12:10 pm  Comments (4)  
Tags: , , , , , ,

GROSSE DIVERTIMENTEN kuando Aktoren DUREN interpretano Komedien

Premessa ASSOLUTAMENTE OFF-TOPIC. Con l’intento altruistico di favorire i maturandi che venderebbero l’anima a Mefistofele per sapere in anticipo le tracce dei temi della maturità, nel prossimo post elencherò i temi che non saranno assegnati. Così, per eliminazione, sarà tutto più facile…

Premesso ciò, vi rivelo un segreto.

Nella mia collezione divudesca c’è un solo film interpretato da S. Stallone.

Rocky? Rambo? Cliffhanger? Dredd?

Niente di tutto ciò.

E’ una commedia spassosa, in cui Sly interpreta un boss della malavita, ovviamente italoamericano.

Se proprio ci tenete a saperne di più, potete leggere DOPO LE IMMAGINI.

Prima, però, ci tengo a enunciare una LEGGE scientifica.

  • il pubblico degli adolescenti dei giovani (12-25 anni) che affolla le sale VUOLE IL PICCHIA PICCHIA SPARA SPARA; perciò i vari Schwarzcomesichiama, StallonVandammDiesel ecc diventano famosi in ruoli picchiammazza picchiammazza (predator, commando, terminator, rambo e via così); ma in realtà, credete a me, non desiderano altro che ruoli COMICI o almeno da comedian.

Prova ne sia che Arnold Schwarzinsommalui si è divertito di più a interpretare UNA PROMESSA E’ UNA PROMESSA e I GEMELLI che tante vaccate muscolari.

Lo stesso vale per Vincenzo Gasolio Diesel. Ha dato il meglio di sé in MISSIONE TATA, dove il tenente Wolfe non solo si dimostra una perfetta Mary Poppins ma trova anche l’amore (pensavate che i Navy Seals non avessero un cuore?).

Dopo le immagini, come promesso, vi parlerò di Angelo “Snaps” Provolone.

oscardabagno

schwarzy

OSCAR, UN FIDANZATO PER DUE FIGLIE (di J. Landis, 1991) è il remake di un film francese. Ma con molto pepe in più.

TRAMA ESSENZIALE. Provolone ha giurato al padre morente di abbandonare il crimine e diventare onesto. Si associa ad alcuni banchieri (che cercano di fregarlo), scopre di avere due figlie (gliene bastava una) e rischia di essere arrestato per reati che non ha commesso.

Alla fine le figlie si sposano felicemente e Provolone ritorna “in affari”. Rivolti gli occhi al cielo, sospira: “Scusa, papà, io ci ho provato… ma i banchieri sono peggio dei ladri e dei mafiosi…”

NON è un film di eccelsa qualità, d’accordo. Ma lo vedo sempre volentieri. Se non altro per gli interpreti secondari: Kirk Douglas, Don Ameche, Chazz Palminteri, Marisa Tomei e Ornella Muti (la moglie di Provolone), che ha poche battute e riesce (udite, udite!) a non sbagliarle.