Matteo Renzi nell’iperspazio

Com’è noto, Leonardo da Vinci costruì nel 1499 una Macchina capace di viaggiare nel tempo e nello spazio.

La sperimentò inviando nella Quinta Dimensione un suo giovane garzone, Matteo da Rignano.

O Maestro (chiese Matteo entrando nella Macchina) vi vedrò io giammai?-

-Ci si rivede alle calende greche, o grullo!- rispose Leonardo abbassando una leva.
macch
Matteo il Grullo, viaggiando nel futuro, nel passato e anche nel congiuntivo

  • insegna a Pitagora a sommare i quadrati costruiti sui cateti
  • insegna agli Egiziani a costruire le piramidi (ci prova anche con i Maya; ma lì ha problemi con le maestranze per via dell’articolo 18 e le dimensioni risultano ridotte)
  • vede il big bang, il big crunch e il big mac (senza cipolla però, perché non gli garba la cipolla)
  • presenta McConaughey a Steven Spielberg, come descritto nel post precedente
  • si innamora di Barbara Berlusconi
  • poiché la suddetta Barbara non se lo fila neanche di striscio (lo trova un po’ loffio), Matteo risale di un secolo, seduce la bisnonna di Silvio, diventando così il bis-bisnonno di Barbara
  • trova José Mourinho sulla panchina del Chelsea e riconosce in lui Leonardo reincarnato
  • gli chiede “o maestro, perché mai non siete rimasto all’Inter?”
  • risposta di Leonardo: “se rimanevo a Milano aumentavano le probabilità di inciampare in un bischero come te… e ora lévati dai coglioni!”
Published in: on dicembre 3, 2014 at 2:09 pm  Comments (6)  
Tags: , , , ,

HO SPOSATO UN DEFICIENTE, di Carla Signoris

La quale C. Signoris è la moglie di Maurizio Crozza. Lo si può dedurre da molti indizi sparsi nel libro (pubblicato nel 2008).

Ad esempio Carla ha ricamato le iniziali M C sulle camicie del marito, che però è convinto che quelle lettere siano l’iniziale di Mia Camicia (pag 35).

E’ lui quindi il Deficiente del titolo.

Ma ha anche altri nomi: for example la Cosa, ovvero l’Uomo Pietra dei fumetti. Cito a pag 14: “Se Leonardo avesse studiato anatomia sul CADAVERE di mio marito, anziché sul corpo di un poveraccio malnutrito dell’epoca sua, oggi al da Vinci si potrebbe attribuire anche la paternità del fumetto della Marvel… dicevo: se Leonardo da Vinci avesse usato il cadavere di mio marito per i suoi studi avrebbe reso un grande servigio alla scienza, alla Marvel e a ME”

In realtà, è una coppia affiatatissima: sono sposati da 19 anni e hanno due figli. La vena sarcastica dell’autrice prende lo spunto dal caso singolo per allargarsi a considerazioni universali, tipo come si comporta l’homo italicus

  • di fronte a un intervento chirurgico (dal menisco al dente del giudizio)
  • quando il pargolo gioca a calcio nel Campionato dei Pulcini-ini-ini.
  • al ristorante, sul campo-di-sci, in Sardegna ecc
  • quando aiuta i figli a fare il compito per casa

e non perdevi certi siparietti tipo quello di pag 131, in cui papy insiste nel chiedere ai pargoli il nome della capitale dell’Honduras (“caso mai l’Honduras invadesse l’Italia, se sai il nome della loro capitale sarai avvantaggiato”).

Published in: on aprile 20, 2011 at 7:09 am  Lascia un commento  
Tags: , , ,