LA CENA DEI CRETINI, al cinema e a teatro

Premessa. Amo il cinema (la sala buia, il grande magico schermo, la musica… e la possibilità di andarmene in qualsiasi momento se il film è una vera fetecchia), ma mi piace anche il teatro.

Ieri sera ero a teatro con mia moglie, ad applaudire dei bravi attori. Fine della premessa.

Negli anni 90 Francis Veber scrisse LA CENA DEI CRETINI (le diner de cons) per il teatro. Successone. Nel 1998 ne fece un film. Altro successone, ma qui in Italia piacque poco.

Lo hanno portato sulla scena Zuzzurro e Gaspare (allego un video). Ieri a S. Giovanni in Persiceto hanno retto bene il confronto Guerrino Maccaferri (Bronchant, il padrone di casa) e Andrea Cortesi (Pignon, il cretino).

TRAMA. Ogni mercoledì sera un gruppo di ricchi annoiati si riunisce per ridere alle spalle dei “cretini” raccattati qua e là. Chi porta l’ospite più ridicolo vince. Bronchant porterà Pignon, un contabile del Ministero delle Finanze con uno buffo hobby. Ma il destino si diverte a mischiare le carte: Bronchant è stato abbandonato dalla moglie (corna in vista…) e Pignon si offre di rintracciarla con l’aiuto di un suo collega. Colpi di scena a ripetizione. La morale è che il “cretino”  (malgrado la sua goffaggine) dimostra sentimenti più nobili del cinico Bronchant.

In conclusione, è stato uno spettacolo piacevole e molto apprezzato dal pubblico. L’incasso è stato interamente devoluto alla ricostruzione di un asilo ad Haiti, tramite l’Associazione IL GERMOGLIO ONLUS.

Published in: on aprile 18, 2010 at 11:14 am  Comments (3)  
Tags: , , , , ,