Tre film all’inizio dell’estate. In 2 dei quali c’è una FESTA NUZIALE

Questa volta comincio dal migliore.

UNA VITA è nettamente al di sopra del BAH
vie
Tratto da un celebre romanzo di G. de Maupassant, è ambientato nella romantica Normandia dove quando non piove (il più delle volte) c’è il sole. Matrimonio combinato dai genitori. La giovane protagonista si accorge presto di aver sposato un fetente (il figlio sarà anche peggio). Solo alla fine uno spiraglio di serenità.

Ottima l’attrice J. Chemla. Parla poco, usando più gli occhi che la bocca per esprimersi; ma ammiratela nei dialoghi con l’abbé Tolbiac o nella “scena madre” con l’amica Rosalie. Viene dal teatro e si vede!

Scendo qualche gradino per riassumere due BAH
190sposa

  • TAVOLO 19 (J. Blitz, 2017) – Banchetto sfarzoso dalle parti di Portland (USA) al quale sono invitati, parcheggiandoli in un tavolo periferico, 6 personaggi in cerca d’autor 6 sfigati (3 donne e 3 uomini) che neanche si conoscono tra loro. Succede di tutto e di più, compreso uno dei testimoni che nel finale si tuffa… niente spoiler, stavolta! La premessa era buona e ci sono belle pagine, ma ci sono anche pagine melense. VALUTAZIONE GLOBALE: BAH
  • UN APPUNTAMENTO PER LA SPOSA (R. Burshtein, 2016) – Si prepara un matrimonio a Gerusalemme, ma non c’è lo sposo. La protagonista, la cocciuta animalista Michal, è stata lasciata a un mese dalle nozze; ma vuole sposarsi lo stesso e con fede incrollabile incontra una serie di pirla vestiti di nero e con le treccine (+ un pirla senza treccine). Fino all’ingresso nel salone della Festa non sappiamo se qualcuno la vorrà, ma Allah vede e provvede… (ehm, forse ho sbagliato religione). Storia surreale, in bilico tra il dramma (ci si aspetta da un momento all’altro che Michal finisca al pronto soccorso psichiatrico) e la commedia. Anche in SCANDALO A FILADELFIA solo all’ultimo minuto sapevamo chi avrebbe sposato Tracy, ma c’era RITMO, che qui non c’è… proprio non c’è. VALUTAZIONE GLOBALE: BAH

tracy

Sono stata regina, orfanella, astrofisica, cigno. Sono morta molte volte.

The name of the actress is… Vabbé, è troppo facile!

Cosa posso dire che non sia già stato detto di Natalie, bella figlia di Gerusalemme?

Forse il pubblico internazionale aspettava qualcosa di ESOTICO.

Forse era stanco delle facce ossute delle anglosassoni. Forse voleva qualcosa di MISTERIOSO…

Elenco, come al solito, solo i film che ho visto. Lettori carissimi, potete aggiungerne quanti volete.

  • LEON (1994; interpreta Mathilda)
  • TUTTI DICONO I LOVE YOU (1996; interpreta Laura)
  • MARS ATTACKS! (1996; interpreta Taffy, la figlia del Presidente)
  • GUERRE STELLARI (1999-2002-2005; interpreta Padmé Amidala)
  • V PER VENDETTA (2006; interpreta Evey)
  • L’ALTRA DONNA DEL RE (2008; interpreta Anna Bolena)
  • IL CIGNO NERO (2010; interpreta Nina; premio Nobel… ehm, scusate: premio Oscar)
  • THOR (2011; interpreta Jane)

amidalanataliecigno
post scriptum
I personaggi interpretati da CATE BLANCHETT più votati finora sono:

  • GALADRIEL (finora ha totalizzato 49 punti)
  • KATHARINE HEPBURN (44 punti)
  • MARISSA (36 punti)
  • ELISABETH (33 punti)

Ma c’è ancora tempo…

E c’è tempo anche per UMA. Ancora in sostanziale parità Pulpfiction (1) e Killbill (2)

  • (1) è preferito da Gegio e blabla
  • (2) da Anna Nihil, Cecilia e Lario3
  • Antoniofalcone e Sailor Fede hanno votato X
Published in: on ottobre 6, 2012 at 7:20 am  Comments (9)  
Tags: , , , , ,