due film e mezzo

Nel senso che in questo lungo weekend ho visto due bei film e uno così e cosà. Più cosà che così.

Cominciando dal basso, LA DURA VERITA’ è più cosà che così.Però si ride. Ho le prove, ho i testimoni: un centinaio di spettatori nella sala C dell’Odeon di Bologna. Certe battute sono volgarotte, ma funzionano.

TRAMA ESSENZIALE. Lei è una specie di Maria De Filippi (con 17 anni di meno) che non ci sa fare con gli uomini. Chiede consiglio a un famoso sciupafemmine che ha dovuto accogliere nel suo programma (l’audience era in calo) e i consigli hanno effetto. Come va a finire non ve lo dico, tanto l’avete già capito.

Tra gli attori segnalo Gerard Butler (il troglodita-maschilista-sciupafemmine) già visto come re Leonida in 300.

Ultima considerazione, prima di passare ad altro film: una commedia del genere, negli anni ’50, avrebbe avuto come interpreti Grace Kelly, Frank Sinatra e Cary Grant e un tono molto più elegante.

Vabbé, glissons…

Al contrario, A SERIOUS MAN (di Ethan e Joel Coen) è bellissimo ma tristissimo.

TRAMA. Larry Gopnik è un integerrimo professore universitario. La sua vita scorre tranquilla finché si accorge di essere circondato da una folla di stronzi (moglie, figli, fratello, vicino di casa, alunno coreano, ecc) e una grandinata di disgrazie (tipo Giobbe) si accanisce su di lui. Cerca invano conforto nella fede ebraica: tre strampalati rabbini non sanno dirgli altro che “Hashèm (così chiamano l’innominabile Dio) non è tenuto a dare spiegazioni…”. Alla fine cede alla necessità e accetta la mazzetta! Proprio lui, l’incorruttibile prof, cambia l’insufficienza in sufficienza per una busta piena di bigliettoni!

Siamo molto lontani, quindi, dallo spumeggiante humour di PRIMA TI SPOSO POI TI ROVINO e di BURN AFTER READING: pensate che l’unica risata in sala è stata causata dalla “buffa” morte di un avvocato, stroncato da infarto mentre sta spiegando al protagonista in che modo risolvere uno dei suoi molti problemi.

Però il film è interessantissimo. E non solo per gli appassionati di linguistica, che si possono godere il prologo (siamo nella Polonia nell’800 e i personaggi parlano l’yiddish) e la lezione di ebraico.

Penso che, a suo tempo, lo aggiungerò alla mia collezione di DVD.

Infine, A CHRISTMAS CAROL, tratto fedelmente dal famoso racconto di Dickens.

Prima considerazione: NON è adatto a bambini sotto gli 8 anni (se volete portarli, fate loro un discorsetto: i bambini poveri ESISTONO DAVVERO, rischiano davvero di morire di stenti se qualcuno non li aiuta, non è una favola, ecc) e anche i più grandicelli devono essere preparati adeguatamente.

Seconda ed ultima considerazione: ero prevenuto contro la Bieca Operazione Commerciale del 3D, ma mi sono arreso. Gli effetti sono veramente fantastici. Sembra davvero che i fiocchi di neve ti scendano sulle ginocchia e che il nasone di Scrooge sia a 5 centimetri dal tuo. Proprio per sfruttare meglio la tridimensionalità ABBONDANO I PRIMI PIANI: gli occhi pieni di lacrime, le facce arrossate, il pallore dei fantasmi ecc.

In sintesi, andatelo a vedere. E non dimenticate il fazzoletto per il finale.

ancora su CASABLANCA

Pensierini mi invita a descrivere come gli archeologi dell’anno 3000 valuteranno il film “Casablanca”.

Buona idea. Lo farò.

Ma adesso non mi viene in mente niente. Ci lavorerò sopra.

Per il momento, si potrebbe ipotizzare un remake “islamico”.

Immaginiamo un regista indonesiano, iraniano o sudanese che AMBIENTA la storia in questione nel territori occupati della Palestina, ai nostri giorni.

Rick è un buon musulmano e nel suo locale si beve solo cocacola. Al posto dei nazisti ci sono gli agenti del Mossad. 

Ugarte nasconde nel pianoforte (si può suonare il piano in Palestina? Boh…) un documento segreto che dimostra che l’Olocausto è una frottola. In quel mentre entra Ingrid Bergman (anche con lo chador è bellissima) e Rick le dice…

Ecco, vedete, mi sta venendo una vaccata.

La verità è che con questo caldo non si lavora bene. Stanotte mi sono svegliato alle 5 e le idee c’erano; il guaio è che mi sono girato dall’altra parte, dicendo: “adesso si alzo e accendo il comp….”

E mi sono riaddormentato. Così ho perso il filo. Dovrò dormirci sopra e forse domattina mi viene meglio.

COMUNQUE (già che siamo in argomento) segnalo un’altro paio di singolarità in Casablanca.

All’inizio Ugarte consegna a Rick i 2 famosi lasciapassare per Lisbona, intorno ai quali gira tutto il film. Dice che sono firmati dal generale De Gaulle e quindi nessuno oserà metterli in discussione.

E qui casca l’asino: che autorità poteva avere De Gaulle nella Casablanca del 1941, nel regime collaborazionista di Vichy?

INFATTI non sono firmati da De Gaulle, ma dal generale Weygand. Tutto torna.

L’equivoco è dovuto ai doppiatori: quando Casablanca fu doppiato in italiano (in fretta e furia, direi) qualcuno pasticciò. Ma se sentite la versione francese non ci saranno dubbi.

Altri misfatti della prima versione italiana. Viene eliminato accuratamente ogni accenno all’Italia fascista. Nell’originale americano Rick aveva preso parte alla guerra italo-etiopica, vendendo armi all’Etiopia. CANCELLATO.

E cancellato è anche il ridicolo capitano Tonelli “dei servizi segreti italiani” che scodinzola davanti a Strasser (il quale non lo degna di un cenno) e viene canzonato anche dai francesi: “volete Nizza, Corsica e la Tunisia… e non siete riusciti neanche a battere i Greci!”

L’Italia del dopoguerra non era più fascista, ma evidentemente la censura proibiva di parlare di quali ridicole infamie portavamo ancora il peso.

Solo nel 1973 una nuova versione italiana rimise Tonelli al suo clownesco posto.

Ecco, per oggi basta. Accludo un clip con la canzone “as time goes by”.