Ferragosto in città – film sotto le stelle

La sera un buon film si trova sempre. Nelle arene estive o sul piccolo schermo.

  • all’Arena Gran Reno lunedì proiettavano PERFECT DAY; domani (sabato 13) LA PAZZA GIOIA
  • all’Arena Puccini proiettano REVENANT la sera di Ferragosto
  • all’arena Tivoli questa sera proiettano NEMICHE PER LA PELLE

Sperando che non piova, non c’è male.
op

E non trascuriamo la programmazione televisiva. C’è il classico (L’ERBA DEL VICINO E’ SEMPRE PIU’ VERDE) e il bizzarro, categoria a cui appartiene HEAD OF STATE.

HEAD OF STATE (trasmesso ieri sera da Sky Cinema) non è un gran film, ma non fa annoiare. E’ una farsesca campagna presidenziale, al termine della quale uno sporco negr un afroamericano entra da trionfatore nella Casa Bianca. Film girato nel 2003 (prima della Guerra contro l’Iraq) profetizza la vittoria di Barack Obama nel 2008.

Penso che l’abbiano trasmesso per l’avvicinarsi delle elezioni. E penso che presto posterò qualcosa su come siano state descritte le campagne presidenziali dal cinema ollivuduano. Ci sono molti film e molti candidati, da George Clooney a Robin Williams…
rock

Published in: on agosto 12, 2016 at 6:59 pm  Comments (1)  
Tags: , , , ,

Ferragosto in città – olimpiadi davanti al televisore

Domanda preliminare. Che differenza c’è tra uno sportivo e un tifoso?

Rispondo. Lo sportivo apprezza le performances anche degli avversari, il tifoso spera che sbaglino (anzi, che si rompano i tendini e le ossa).

Servono esempi? Se l’avversaria di Sara Errani (Barbora Comesiscrive) centra un colpo spettacolare io (che mi ritengo sportivo) applaudo.

Poi naturalmente sono contento che Sara concluda vittoriosamente per 6-2 6-2.

Altro esempio. Clemente Pesomassimo Russo ha eliminato un tunisino ai punti. Verdetto discutibile: il match era in perfetto equilibrio. Lo sportivo dice “meglio così, ma Russo dovrà impegnarsi di più nel prossimo incontro”; il tifoso grida “evvai! e fanculo il tunisino!!”

Conclusa la premessa, vorrei rivolgere due raccomandazioni:

  • raccomando ai telecronisti RAI (che sono un esercito; pare che il numero degli inviati a Rio, tra giornalisti, tecnici, dirigenti ecc sia di poco inferiore al numero degli atleti) di essere un po’ meno tifosi e un po’ più sportivi (vedi sopra)
  • raccomando ai capi di governo (presenti e futuri) di starsene a casa; la presenza di un premier distrae e magari mena gramo (quando Renzi era là nessuna vittoria e Nibali si è fratturato; appena l’aereo presidenziale ha lasciato il Sudamerica le medaglie d’oro hanno cominciato a fioccare)
    alto
Published in: on agosto 9, 2016 at 11:22 am  Comments (1)  
Tags: , ,

Ferragosto in città – letture pomeridiane

Proseguo col mio manuale di sopravvivenza dedicando qualche riga al pomeriggio.

Sono le ore meno adatte a uscire, ovvio.
cald
Per cui o vi fate un sonno o vi dedicate alla musica e alla lettura (magari associate: si può leggere con un sottofondo sonoro).

Che c’è da leggere?

  • dell’ultimo romanzo di Camilleri ho già parlato qui
  • del romanzo di Albinati ho parlato qui
  • parlerò di L’UOMO DI SUPERFICIE (di V. Andreoli) quando l’avrò finito
  • mi hanno consigliato RESTA ANCHE DOMANI (di G. Forman); ho visto il film che ne hanno tratto (non entusiasmante); forse lo comprerò
  • e chi più ne ha più ne legga…

POST SCRIPTUM: è proprio vero che sono rimasti quasi tutti; anche quell’antipatico del mio dirimpettaio, che sostiene di non voler perdere neanche una gara dei Giochi Olimpici… sa di pretesto e comunque dedicherò alle Olimpiadi il prossimo post.

Published in: on agosto 8, 2016 at 12:56 pm  Comments (3)  
Tags: , ,

Ferragosto in città – il mattino

Le  ore del mattino (fino alle 11) sono le migliori per camminare e andare in bici.
bici
Perciò sono le migliori (anche oggi) per fare la spesa. Osservo che quest’anno sono aperti quasi tutti i negozi di alimentari. C’è la crisi… e la concorrenza dei supermarket.

Ad esempio il mio salumiere preferito (in via Oberdan) non chiude per ferie. Lo stesso vale per l’ortofrutta (l’anno scorso rimase chiuso per 3 settimane, nel 2016 sarà chiuso dal 15 al 20 agosto), per il fornaio e il macellaio.

C’è la crisi, dicevo.

Crisi che riguarda i bolognesi, mica solo i negozianti. Qui in via Frassinago (e in via S.Isaia) noto che siamo quasi tutti in città.

Published in: on agosto 7, 2016 at 2:44 pm  Comments (1)  
Tags:

Ferragosto in città – manuale di sopravvivenza

Ieri sera siamo tornati dal fresco dell’Altipiano al caldo della pianura.

Fortunatamente a Bologna oggi il clima è sopportabile (massima 28°). Ma non mi illudo: i prossimi giorni tornerà l’afa.

Perciò, animato da spirito umanitario, elencherò alcune regole per sopportare la città ferragostesca.

Cercherò di evitare cose risapute (bere tantissima acqua, evitare i superalcoolici ecc) e di raccontare le mie esperienze giorno per giorno.

A domani dunque. E se volete sapere dove andiamo stasera l’immagine qua sotto vi suggerisce qualcosa?
estat

Published in: on agosto 6, 2016 at 7:38 pm  Comments (1)  
Tags: