come Leopardi può salvarti la vita

Libro non facile da recensire, L’ARTE DI ESSERE FRAGILI di A. D’Avenia.

E’ a metà strada tra un trattato filosofico sulla felicità e un’analisi delle più belle pagine di Leopardi.

Come analisi letteraria è veramente brillante, direi di livello universitario.

Basterebbero le pagine dedicate al Canto notturno o al terribile endecasillabo che conclude A se stesso.

Quanto alla filosofia della felicità non convince del tutto, ma merita attenzione.

Come essere felici nella sventura?

Leopardi fu sventuratissimo, ma era talmente “innamorato della bellezza” (D’Avenia dixit) da superare l’infelicità.

Chi è veramente disperato, infatti, non scrive poesie così belle. E non imbrocca rime musicali come animale, vale, assale, male, immortale ecc proprio in una delle composizioni più pessimiste della nostra letteratura.

P. S. Nessuna poetessa italiana (e nessun poeta) sono stati maltrattati nella stesura di questo post
fragili

Published in: on agosto 12, 2017 at 5:05 pm  Lascia un commento  
Tags: , ,

La ricerca della felicità

Film di Gabriele Muccino del 2006. Primo (e spero non ultimo) girato in America, con cospicuo budget e un big actor, Will Smith.

Trama. Un piazzista ambizioso ma sfortunato finisce letteralmente sul lastrico per una speculazione sbagliata. La moglie se ne va, lasciandogli il figlio di 6 anni. Non si perde di coraggio, però, e dopo sei mesi di sforzi e di FAME riesce a trovare un lavoro adeguato alle sue capacità e (quello che più gli sta a cuore) benessere al figlio.

A noi italiani fa un po’ impressione vedere una scena in cui padre e figlio passano la notte dormendo nei bagni della metropolitana. Da noi FINORA è molto improbabile che uno da ricco finisca così (c’è sempre la famiglia, gli amici…) ma in America non è sembrato tanto strano.

Da loro succede spesso. Infatti nella produzione e nella presentazione del film è stato molto utile il vero Chris Gardner, miliardario californiano che da giovane ha avuto davvero alti e (molto) bassi così.

E poi c’è un altro fatto. Un italiano (in genere) se si trova con l’acqua alla gola SI ADATTA e va a fare il cameriere, il postino, il buttafuori in discoteca, ecc. Là il protagonista mira in alto: sa quello che è veramente capace di fare, il piazzista (difatti ha il dono di chiacchierare in modo convincente), sa dove vuole arrivare e bullshit! ci arriverà.

Due righe su Will Smith (grande attore a cui penso di dedicare un post in futuro): all’inizio della carriera era condannato a parti da CARINO, da brillante. Ha cominciato in TV, poi è stato grande in SEI GRADI DI SEPARAZIONE. Fa l’eroe in INDIPENDENCE DAY e in MEN IN BLACK, ma secondo me ha delle grandi capacità come attore drammatico. E questa ricerca della felicità è una buona prova.

Infine, CONSIDERAZIONE STORICO-FILOSOFICA.

Nella DICHIARAZIONE DI INDIPENDENZA del 1776, sono elencati i diritti inalienabili dell’uomo: vita, libertà e ricerca della felicità. Badate, è un diritto ricercare la felicità, non essere felici.

Non facciamoci illusioni. Vivono FELICI E CONTENTI solo i personaggi di certe favole. Però, se c’è qualcosa che somiglia alla perfetta felicità, secondo me, è proprio la lotta per aiutare e proteggere i propri figli.

Published in: on dicembre 14, 2008 at 4:59 pm  Comments (2)  
Tags: , , , , ,

BUONA, ANZI BUONISSIMA, NOTIZIA

Notizia bellissima. La più bella che ci sia. LA VITA CONTINUA.

La vita continua a fiorire. Nonostante tutto.

Nonostante i misfatti del mercato azionario. Nonostante i ladri e i camorristi. Nonostante i guai, grandi o piccoli.

LA VITA CONTINUA A FIORIRE. E tutto ciò è meraviglioso. Per ulteriori particolari: http://leucosia.blog.kataweb.it/leucosia/2008/10/14/montagne-russe/

Commento: EVVIVA EVVIVA EVVIVA.

TRE VOLTE EVVIVA

Published in: on ottobre 15, 2008 at 11:08 pm  Comments (2)  
Tags: ,