2010-2019 – i magnifici 14 (tra i quali non comparirà LAST CHRISTMAS)

Ho già parlato delle cineschifezze degli anni 10.

Ora sto preparando una classifica dei film che, secondo me, vanno ricordati.

Non è facile. Li sto confrontando (ho rivisto alcuni dvd che si nascondevano nel fondo dell’armadio) e spero di dare un giudizio equilibrato.

Per il momento ho classificato a pari merito 7 capolavori assoluti e altri 7 li ho messi un gradino più sotto. Prometto di postare la classifica entro la prossima settimana.

Intanto ecco il primo film del decennio 2020-2029, visto nel pomeriggio del primo gennaio (cinema Chaplin).
last
Chi si commuove a Capodanno si commuove tutto l’anno? Se è vero dovrò comprare dei fazzoletti.

Non è un capolavoro a lettere maiuscole, ma sono contento di averlo visto.

TRAMA ESSENZIALE. La storia ha qualche analogia con quella di Bridget Jones.

  • Kate, la protagonista single, ha passato la trentina
  • vive a Londra
  • non è contenta del lavoro che fa
  • i suoi genitori sono sull’orlo del divorzio
  • trova l’amore alla vigilia di Natale

Ma ci sono anche differenze di notevole spessore. Anzitutto nelle avventure di Bridget ci muoviamo a livelli socialmente elevati, tra ceto medio-alto e ceto altissimo. Nessun barbone. Mentre qui i senzatetto ci sono e anzi sono un elemento decisivo. E c’è la xenofobia, “tornate a casa vostra!”… Insomma non è una favola sdolcinata.

Altra differenza, Ho detto che Kate trova l’amore, un amore coi fiocchi e i controfiocchi. Ma non il sesso.

Se Bridget le mutande se le toglie più di una volta (vi ricordate la storia dei mutandoni di Bridget, vero?), Kate non se le toglie.

Perché?

  • lui è gay? lei è lesbica? No, vi assicuro di no.
  • lui è sposato? No
  • Lui è un extraterrestre, biologicamente incompatibile? No

Ho fatto il proposito di non spoilerare più (ma si sa che i propositi dell’anno nuovo non sono sempre mantenuti…)

Facciamo così. Dopo l’immagine di Londra a Natale svelerò un segreto.

Se non volete sapere troppo ci salutiamo qui.
london

Sappiamo fin dall’inizio che Kate ha avuto gravi problemi cardiaci. Nel petto ha un cuore nuovo. E quel giovane che la segue e la aiuta in un momento particolarmente difficile è proprio quello che ha donato il cuore.

In poche parole è un sorridente angelo custode, invisibile a tutti ma non a lei.

Published in: on gennaio 4, 2020 at 1:17 pm  Comments (1)  
Tags: ,

quando Emma Thompson incontra Stanley Tucci…

THE CHILDREN ACT è decisamente al di sopra del BAH. Per il momento è tra i migliori 3 della mia personalissima lista (gli altri 2 sono UNA STORIA SENZA NOME e UN AFFARE DI FAMIGLIA)

Gran parte del merito è della protagonista. Ma poi darò un’altra bella fetta di torta a Stanley.
thomp
Se dovessi elencare le prove dell’esistenza di Dio penso che inizierei dalla bravura di E. Thompson. Ne ho già parlato qui. E’ stata ostetrica, professoressa di Divinazione a Hogwarts, Primo Ministro del Regno Unito e agente segreto O e, poiché ha avuto una storia con l’agente K, insieme sono OK.
menin

Quanto a Stanley Tucci ricordo che ha impersonato Adolf Eichmann e Stanley Kubrick; è stato diplomatico, serial killer, esperto di moda, funzionario di una megabanca, giornalista e fratello di Luigi XIV di Francia.
tucci

A Tucci capita spesso di essere il marito della protagonista. In JULIE & JULIA era il marito di Meryl Streep. In THE CHILDREN ACT è il marito (non troppo fedele) di Emma… ecco, ci sto ricadendo! Avevo promesso di non spoilerare più!

Facciamo così. Ora traccio le linee principali del plot. Dopo la locandina dirò come va a finire…

Davanti all’Alta Corte di Giustizia si presenta un caso complesso. Un 17enne rischia di morire perché la sua fede e dei suoi genitori (Jehovah’s Witnesses) proibisce di curarlo. La legge permette al giudice (la Thompson, ovviamente) di imporre la cura. Ma lei vuol trovare un difficile equilibrio tra il rispetto delle opinioni del 17enne e la necessità di salvare la sua vita.
oscarrr

Siete ancora qui?

Vuol dire che volete sapere di più e vai con lo spoiler!

Lei parla con il ragazzo cercando di convincerlo a curarsi. Lui tentenna e, piano piano, si sente commosso dall’umanità di lei. “Mi può adottare, Vostro Onore?”

Lei risponde picche. Lui, compiuti i 18 anni, sceglie di morire.

La triste conclusione è bilanciata dal lieto fine coniugale: lei si riconcilia col marito che aveva troppo trascurato. Kiss kiss.
kissess

Published in: on dicembre 7, 2018 at 12:08 am  Comments (6)  
Tags: ,

Per gli italiani che devono imparare l’inglese, ecco le insegnanti migliori

Chi vorreste come insegnante?

Insegnanti donne per stavolta. Prima o poi una buona lista di prof, partendo da Robin Williams, Kevin Kline, Giorgio de Lullo, Roberto Herlitzka ecc

  • cominciamo con Doris Day che insegna giornalismo a NYC (TEACHER’S PET, 1958); una prof che sa riconoscere i propri errori, pregio raro
  • in un film inglese del 2006 (DIARIO DI UNO SCANDALO) gareggiano in bravura Judy Dench (insegna storia) e Cate Blanchett (Educazione Artistica); entrambe hanno sfiorato l’Oscar
  • Hilary Swank insegna “Literature” (noi diremmo Italiano) in una scuola molto difficile di Los Angeles (FREEDOM WRITERS, 2007)
  • Julia Roberts insegna Storia dell’Arte in MONA LISA SMILE (2004) e “Speech” (potrei tradurre con “eloquenza”) in L’AMORE ALL’IMPROVVISO (2011)
  • Emma Thompson è Sibilla Trelawney; insegna Divinazione alla scuola di Hogwarts
  • Maggie Smith è Minerva McGonagall; insegnava Trasfigurazione nella stessa scuola; attualmente è Preside; si dice che prima di arrivare a Hogwarts insegnasse Storia in un college di Edimburgo (THE PRIME OF MISS JEAN BRODIE, 1969, dove meritò il premio Oscar)
  • Jessica Tandy è Daisy Werthan; insegnava non so cosa in Georgia; so che la sua interpretazione in A SPASSO CON DAISY (1989) le ha procurato l’Oscar
  • Zooey Deschanel è miss Edmunds; insegna Educazione Musicale in Virginia; il titolo del film è UN PONTE PER TERABITHIA
  • non posso concludere senza citare una rappresentante delle “maestrine del west” (categoria affollatissima): Vera Miles insegna in L’UOMO CHE UCCISE LIBERTY VALANCE, film dove suscita la passione di James Stewart e di John Wayne (sapete già chi la sposa, vero?)

vera

Chi è il padre del figlio di Bridget? 1, 2 o X?

1 – il padre è il miliardario americano Jack Qwant

2 – il padre è l’avvocato inglese Mark Darcy

X – non lo sapremo mai…
jackmarkx
Se avete già visto il film (un bel film, credetemi) sapete se la risposta è 1, 2 o X.

Io mi limito a rintracciare le radici di questo triangolo nel bicentenario romanzo di Jane Austen
pride
Protagonista di ORGOGLIO E PREGIUDIZIO è (ma cosa ve lo dico a fare) Elisabeth Bennet. Colta, ma capace di errori clamorosi, come quello di credere a Wickham e di respingere Darcy.

Nel film IL DIARIO DI BRIDGET JONES Bridget sta a Elisabeth come Daniel Cleaver sta a Wickham e come Mark Darcy sta… (vabbé, ci siamo capiti)

In questo film sapremo solo negli ultimi 5 secondi cosa è successo a Daniel.

Prima però la dott. Rawlings (la sempre brillante Emma Thompson) deve stabilire chi è il padre. Basta poco: ha in mano il cordone ombelicale e due campioni biologici (capelli) di 1 e 2.

“Che emozione! E’ come la finale di X-Factor!!!”

Published in: on settembre 26, 2016 at 11:22 am  Lascia un commento  
Tags: , , ,

Uomini nerovestiti hanno obbedito ai miei ordini; grazie a me Schwarzenegger è rimasto incinto; ho previsto il ritorno di Voldemort; una volta Anthony Hopkins mi ha sposata, un’altra volta no

Sono la vostra insegnante di Divinazione. Grazie a me imparerete a leggere il futuro, il passato e anche il gerundio.

Ad esempio, esaminate il fondo della tazza del vostro lemon scented tea: scoprirete che l’autore di questo blog non ha visto tutti i miei film.

Deplorevole, molto deplorevole.

Ma lo perdoneremo se inserirà alla fine del post qualche mia bella foto.

  • CASA HOWARD (1992) – Margaret Schlegel è intelligente e capace di compassione; Ruth Wilcox (Vanessa Redgrave) prima di morire le lascia un bel cottage; “Neanche per sogno!” i ricchi (e un po’ stronzi) Wilcox bruciano il testamento; dopo molti fattacci (compreso un omicidio) tutto troverà un nuovo equilibrio. Premio Oscar per Emma Thompson
  • MOLTO RUMORE PER NULLA (1993) – Beatrice irride sarcasticamente l’amore e soprattutto ce l’ha con Benedetto (Kenneth Branagh) che ricambia cordialmente; si sa come vanno a finire questi duelli… L’azione (secondo messer Shakespeare) si svolge a Messina, ma il film l’hanno girato a Greve in Chianti.
  • QUEL CHE RESTA DEL GIORNO (1993) – United Kingdom, anni ’30. Un imperturbabile maggiordomo (A. Hopkins) è talmente ingessato nel suo ruolo da non capire che Miss Kenton prova qualcosa per lui. Quando lo capirà sarà troppo tardi. Sceeemo sceeemo sceeemo. Nomination all’Oscar
  • JUNIOR (1994) – La dottoressa Diana Reddin ha donato un ovulo per un esperimento. Quando viene a sapere che detto ovulo (debitamente fecondato) non è stato impiantato in un utero femminile, ma nell’addome di un collega (Arnold Schwarzenegger) prova un forte sentimento omicida (poi il sentimento cambierà…)
  • RAGIONE E SENTIMENTO (1995) – Elinor Dashwood si è presa una cotta per Edward (Hugh Grant); poi crede che lui sia fidanzato con un’altra e si fa britannicamente da parte (non si rubano i fidanzati, almeno allora non si rubavano…); alla fine scoppia in un pianto liberatorio: “Oh, Edward, my love!” Emma è nominata per l’Oscar come miglior attrice e vince l’Oscar per la miglior sceneggiatura.
  • HARRY POTTER E IL PRIGIONIERO DI AZKABAN (2004) – Sybilla Cooman (nell’originale, Sybill Trelawney, ma i doppiatori italiani hanno trovato divertente alludere alla Sibilla di Cuma) insegna a Hogwarts. Strapazza Hermione: “Sei giovane, ma la tua anima è arida come i libri a cui sei così disperatamente devota”
  • NANNY McPHEE – TATA MATILDA (2005) – La tata Matilda arriva misteriosamente (come Mary Poppins, di cui rappresenta la versione moderna) in un casin in una famiglia piena di problemi. Tutto finirà bene e (per un fenomeno su cui sta indagando Giacobbo) l’aspetto repellente di Matilda migliora man mano che quegli stronz angioletti chiamati Brown imparano a darle retta.
  • HARRY POTTER E L’ORDINE DELLA FENICE (2007) – Sybill dice di prevedere il futuro, ma non aveva previsto di essere licenziata in tronco dall’arcistronza Dolores Umbridge (Imelda Staunton); non le mancherà fortunatamente l’aiuto della collega Minerva McGranitt (Maggie Smith).
  • AN EDUCATION (2009) – La preside Mrs. Walters litiga furiosamente con l’alunna Jenny (Carey Mulligan): “Hai perso un anno per correre dietro a quel poco di buono di ebreo! E adesso vorresti reiscriverti qui? No, no e poi no!!!” Riuscirà Jenny ad arrivare all’università di Oxford? Lo saprete… o non lo saprete.
  • I LOVE RADIO ROCK (2009) – Perché Charlotte ha fatto imbarcare il figlio su Radio Rock, che trasmette musicamusicamusica galleggiando nel freddo mare del Nord? Qualcuno di quei dj è suo padre!
  • MEN IN BLACK 3 (2012) – Agente O ha funzioni direttive nel Quartiergenerale dei MIB (località Manhattan). Un ruolo simile a M (Judi Dench) a Londra. Ma la Thompson è più simpatica… e poi si scopre che ha una storia con l’Agente K (Tommy Lee Jones).

elinor dashwood

beatrice

giornogrim

emoscar