Viaggio nel sud – quarta pagina

Se dovessi parlare di tutti gli artisti e gli scrittori che hanno amato quest’isola non la finirei più: Thomas Mann, Matilde Serao, H. Graham Greene, Curzio Malaparte, Peggy Guggenheim, Maxsim Gorki…

Mi limito, come anticipato, a dire qualcosa di A. Munthe e di P. Neruda (in ordine alfabetico).

Ordine alfabetico rispettato anche per i luoghi dove vissero: ANACAPRI (Munthe) e CAPRI (Neruda).
villa

Nello sfondo si vedono il porto di Capri e la punta della penisola sorrentina visti da Villa San Michele, l’originalissima costruzione che Munthe (1857-1949) si costruì su uno sperone roccioso anacaprese.

Era arrivato sull’isola a 18 anni e rimase folgorato dalla bellezza dei panorami, dal clima e dalle belle isolane. Giurò di ritornare.

Diventò un famoso medico a Parigi e a Roma, curando pazienti poverissimi e dame dell’altissima società. I primi gratis, le seconde facendosi pagare molto bene.

Nel 1887 iniziò a costruire la Villa, che ampliò e abbellì nel corso della lunghissima vita. Negli anni trenta scrisse un’autobiografia: LA STORIA DI SAN MICHELE

E’ una lettura molto interessante, che consiglio a tutti (come la consigliò ai suoi alunni il prof. Vincenzo Amoroso da Avellino). Alterna pagine leggere (come le invettive “contra Lutherum” del buffo parroco don Antonio) a momenti veramente tragici, come l’epidemia di colera del 1884.

Concludo dicendo del suo celebre amore per gli animali. Ottenne che l’isola diventasse un’oasi protetta per gli uccelli di passo: niente più reti da caccia!

Leggetevi il capitolo finale della Storia di San Michele. Alex immagina di oltrepassare la soglia del Paradiso; una schiera di profeti e santi (indignati dalla sua vita poco casta) vuole respingerlo.

Soprattutto Mosè ce l’ha con lui.

Ma lo difendono san Rocco, che ama chi ama i cani, e san Francesco, avvolto da una nuvola di uccellini. Come andrà a finire, secondo voi?

Se il medico svedese passò decenni ad Anacapri il poeta cileno trascorse solo 6 mesi (nel 1952) in una villa presso i Faraglioni. Li spese bene.
ner

Pablo Neruda scrisse bellissime poesie d’amore per la futura moglie Matilde Urrutia (vedi sopra). Poesie bellissime, di amore muy caliente (sarà l’effetto Capri?)

Dedicò una poesia anche all’isola azzurra. Ne traduco (alla buona) l’inizio:

Capri, regina di roccia,

nel tuo vestito di color amaranto e giglio

ho vissuto sviluppando la felicità e il dolore,

la vigna piena di splendenti grappoli

che ho conquistato nella terra…

cap

Published in: on ottobre 26, 2018 at 8:08 am  Lascia un commento  
Tags: , , ,

Viaggio nel Sud – prima pagina

Sono bolognese al 100%, ma amo il golfo di Napoli.

Qui lo dico e qui lo dico. Avverto però che qualche annotazione del diario di viaggio non sarà del tutto positiva.

A Pompei è stata decifrata questa scritta. L’eruzione del Vesuvio è avvenuta in autunno?
pomp

La cosa ha suscitato scalpore. Finora gli inquirenti della polizia imperiale seguivano la pista Annibale (è sempre comodo dare la colpa di tutto a chi viene dal nordafrica).

Ma ora Annibale ha un alibi inattaccabile: era in vacanza a Miami.

Le indagini dovranno prendere un’altra strada. Saranno indagati i cristiani, già ritenuti responsabili dell’incendio di Roma.
tax
I taxi napoletani non vanno a benzina. Vanno a clacson.

I clacson (non solo dei tassisti) suonano a distesa giorno e notte. Non solo per avvisare chi non scatta al verde come se fossimo al gran premio di Monza (questo succede anche a Bologna).

Suonano soprattutto per scacciare gli spiriti maligni, tipo indigeni dell’Amazzonia. Ma anche per avvertire chi cerca temerariamente di attraversare la strada: “Stai accorto a quello che fai! Sto arrivando io! Non pensare che l’essere sulle strisce o spingere la carrozzina di un bebè basti a garantire la tua sopravvivenza!”
capr
Oscar Wilde scrisse che “gli americani buoni dopo la morte vanno a Parigi, quelli cattivi restano in America”.

Io ho gusti diversi da O. Wilde; ritengo che il paradiso sulla Terra sia a Capri e dedicherò le prossime pagine a spiegarne il motivo.

Per oggi mi limito a segnalare che i Capresi hanno un’altissima opinione della loro isola e sostengono che gli Ischitani hanno un solo vantaggio su di loro: vedono da lontano l’elegante profilo di Capri e non possono, ovviamente, vedere il profilo di Ischia.
profilo

Published in: on ottobre 22, 2018 at 8:29 am  Comments (2)  
Tags: , , ,