dal piccolo al grande schermo (BORIS, FASCISTI SU MARTE, QUALUNQUEMENTE)

Mantengo la promessa fatta il 15/11. Metto a confronto 3 film, generati da spunti televisivi.

  1. BORIS. Per chi non lo sapesse è una serie andata in onda dal 2007 al 2010 (prima sul canale satellitare FOX, poi su Cielo). Nel 2011 hanno fatto il film. Un buon film, secondo me. Descrive con sarcasmo il mondo del cinema: produttori rozzi e cinici,  intellettuali snob, attori bislacchi… (la parodia di Margherita Buy, che diventa Marilita Loy, è ferocemente spassosa)
  2. QUALUNQUEMENTE (2011). Cetto La Qualunque è un personaggio che A. Albanese ha proposto per anni in tv (Mai dire domenica, Che tempo che fa…) e lì mi è piaciuto. Al cinema le sue gag risultano un po’ ripetitive. Soltanto un paio di trovate sono imprevedibili: quando Cetto si presenta alla porta del carcere insieme al figlio (ed è il figlio che va dentro!) e quando arrivano i carabinieri (tu speri che vengano ad arrestarlo e invece…). Ha finalmente un volto l’antagonista DE SANCTIS: è S. Cantalupo (già visto in GOMORRA, era il sarto).
  3. FASCISTI SU MARTE (uscito nelle sale nel 2006). Barbagli (l’incrollabile federale) e la sua squadraccia li avevo molto apprezzati su Raitre. Deludente la versione cinematografica. Le battute che riuscivano così bene nei tempi brevi del Caso Scafroglia perdono sapore quando sono diluite in 100 minuti. Direi che l’inizio è buono, ma poi non si sa come finire.
Decideranno i miei eventuali lettori su quale sia il migliore?
N.B. Alla categoria STORIE TELEVISIVE DIVENTATE CINEMA si potrebbero aggiungere molti altri esempi. Ad esempio TRE UOMINI E UNA GAMBA (1997) dove si inserisce molto del repertorio classico di Aldo Giovanni&Giacomo (il controllore sul tram contro “Ajeje Brasov”, la prima colazione a base di peperonata, Dracula tra i leghisti ecc).
Oppure CADO DALLE NUBI (2009) che utilizza gag e canzoni già famose di Checco. 
Però qui c’è una TRAMA articolata e coerente, con figure ben riuscite di ANTAGONISTI (affidate a VERI attori: Carlo Croccolo nel primo, Ivano Marescotti nel secondo) e con COLPI DI SCENA davvero imprevedibili.

qualunquementeborismarte

film di novembre

Ne ho visti parecchi in questo grigio mese, ma nessuno che mi sia piaciuto tantissimo.

Comincerò col migliore, poi ricorderò gli altri alla rinfusa.

CAPITALISM, A LOVE STORY (vedi post del 12nov) è un documentario, più che un film vero e proprio. Infatti non ci sono attori e molte scene sono in presa diretta. Andava accorciato, ma per proiettarlo nelle sale (facendo pagare il biglietto) lo hanno contrabbandato per film, con una lunghezza (2 ore) esagerata. Comunque il meglio del mese.

GLI ABBRACCI SPEZZATI mi ha un po’ deluso. Non è il miglior Almodovar, né il peggiore (il peggiore essendo La mala education). Troppo lungo anche questo. Ho gradito la citazione di Donne sull’orlo di una crisi di nervi. Lo rivedrò?

Merita la sufficienza (ma niente di più) CADO DALLE NUBI, con il comico Checco Zalone usato male. Le gaffes del campagnolo meridionale a Milano erano già vecchie ai tempi di Totò e la malafemmina. Ho apprezzato Ivano Marescotti nel ruolo di un burbanzoso capoccia leghista che strabuzza gli occhi scoprendo che la Sacra Ampolla (invece che d’acqua sorgiva) è piena di urina. Indovinate di chi.

NEW MOON. In un’aula scolastica il prof (accortosi che nell’ultimo banco si chiacchiera) crede di cogliere in castagna l’alunno Cullen. “Ripeti gli ultimi versi!” E quello, senza battere ciglio (sono quasi cent’anni che ascolta le stesse lezioni), snocciola: “Qui troverò riposo e potrò scrollare da questo stanco corpo il giogo delle avverse stelle. Occhi, guardatela per l’ultima volta! E voi, labbra, custodi del respiro, suggellate con un bacio il vostro contratto eterno con la morte!”

Fa piacere sentir citare Shakespeare. Ma il guaio è che NEW MOON prosegue per altre due ore, tra espressioni perplessamente tetre (Bella), cupamente tetre (Edward) e ottusamente tetre (Jacob). Per vedere qualche sorriso aspettate il prossimo film. L’interpretazione migliore, secondo me, è quella di Dakota Fanning (vampiretta 15enne, glaciale e perfida): bella forza, ha girato più film lei che i 3 porcellini protagonisti messi insieme!

Vedere Berlusconi che muore schiacciato dalla cupola di San Pietro può essere divertente. Ma poi ci pensi e ragioni: “Ti pare che uno così aspetta la morte pregando accanto al papa? Nell’eventuale apocalisse sarebbe il primo a infrattarsi nell’arca dei cinesi! Oppure aspetterebbe la fine del mondo in un’orgia di 120 giorni a villa certosa!” Perciò esci dalla sala in cui hai subìto 159 minuti di 2012 e chiedi indietro i soldi.

 

La fabbrica di cioccolato, film di Tim Burton

Torniamo a casa dopo aver visto un filmotto un po’ scemotto (il titolo ve lo dirò dopo) e per rifarci la bocca mettiamo su un DVD.

Ci voleva il geniaccio di Tim Burton per trarre da un romanzo sdolcinato (di R. Dahl) un film magico.

Trama essenziale. Un industriale schizzato (vive da solo come Paperon de’ Paperoni, rinchiuso in una labirintica fabbrica) vuol nominare suo erede un ragazzino poverissimo. A patto che lasci papà, mamma e nonni: “la famiglia tarpa le ali, non favorisce la creatività…”; il ragazzino rifiuta, ma tutto finirà bene e l’industriale si riconcilierà con suo padre, un draculesco dentista.

Detta così sembra una favoletta natalizia. Ma non è così: è una festa di colori e soprattutto di musica, con i surreali Umpa-Lumpa che commentano la storia con i loro balletti.

Attori principali: Johnny Depp (l’industriale Willy Wonka), Christopher Lee (suo padre, il dentista), Freddie Highmore e Helena Bonham Carter (il ragazzino povero e sua madre).

In un ruolo secondario (Violetta Beauregarde, insopportabile masticatrice di chewing-gum) ho notato Annasophia Robb (allora 12enne), un’attrice destinata a parti molto più impegnative (in Un ponte per Terabithia, I segni del male, SleepwalkingCorsa a Witch Mountain, ecc).

Se siete ancora qui e volete sapere quale film avevo visto prima…

L’idea di CADO DALLE NUBI è buona, ma non è stata sfruttata bene. La platea ride spesso, non lo posso negare. Ma Zalone (ottimo a Zelig) non sembra adatto al cinema.

Comunque tornerò sull’argomento: nel prossimo post passerò in rassegna i film di novembre, dal migliore (Capitalism) ai peggiori (2012, Newmoon, Ce n’è per tutti).

Alla prossima.

Published in: on novembre 29, 2009 at 12:55 pm  Comments (3)  
Tags: , , , , , ,