Esame di Maturità – COME AFFRONTARE LA PROVA DI MATEMATICA E FISICA E USCIRNE VIVI

La prova scritta di matematica-fisica, in base alle direttive ministeriali, prevede un enunciato plurilingue. Così si può valutare anche la conoscenza dell’Inglese, Tedesco, Francese ecc

(la soluzione dei quesiti la trovate in fondo a questo postaccio)

A train started from the station of Cuccurumalu (fictional village of Sardina) but it never arrived to Perdasdefogu.

Infatti il treno, arrivato ai 3/4 del tragitto (di km 43,600) e raggiunta la velocità di 88 miglia orarie, entrò in un BLACK HOLE.
hole
Il candidato illustri le teorie più di moda sui Buchi Neri (pas de chocon!) e calcoli le probabilità che detto treno compaia nella plaza de toros de Manzanares l’11 agosto del 1934 alle 5 in punto della sera proprio in tempo per fracassare le ossa di Ignazio Sànchez Mejias.

Que no quiero verla!

Dile a la luna que venga

que no quiero ver la sangre

de Ignacio sobre la arena!

Que no quiero verla!

Si calcoli altresì la probabilità che il treno esca dal Buco in località Puvirnituq (Canadà) alle 19.17 (ora locale) in modo da distruggere la casetta lì fabbricata.
kanad

Er hatte ein kleines Hauslein in Kanada

mit Baecken, kleine Fische und viele lilla Blumen da.

Alle Maedchen die vorbeigingen, sagten:

-Wie schoen und anmutig ist das Hauslein in Kanada!-

SOLUZIONE: le probabilità che quel treno esca dal Buco Nero nelle località e nei tempi indicati sono calcolabili in base all’espressione e+kk(e-kazz0), dove e è la massa della cometa 5stelle, k è il peso politico della Lega e z lo spessore intellettuale di Giorgia Meloni.

Published in: on giugno 20, 2019 at 7:14 am  Comments (1)  
Tags: , ,

film di gennaio: alzheimer, cecchini, cervelloni, archibugiate, occhioni, e il debutto cinematografico di Anna Virzì

Dopo il deprimente periodo delle ciofeche natalizie, grazie a Dio arriva gennaio.

In questo mese appaiono film meno commerciali… roba da Oscar (o comunque di buona qualità).

Non ho lo sbattimento di recensirli come si deve, però. Mi limito a qualche riga per ciascuno.

E, per non essere accusato di spoileraggio a mano armata, non vi racconto come finisce la storia ma come mi piacerebbe finirla.

  • STILL ALICE (regia di R. Glatzer) – Ottima prova di Julianne Moore (Oscar?) e per una volta K. Stewart recita bene. Come va a finire? La protagonista incontra il Genio della Lampada e ottiene guarigione dall’alzheimer, armonia familiare e abolizione del Festival di Sanremo (in ordine crescente di importanza)
  • AMERICAN SNIPER (regia di C. Eastwood) – Quand’era giovane Clint sterminava in quanto attore; ora, ormai centenario, fa sterminare in quanto regista. In questo caso un texano, cresciuto a rodei e hamburger, entra nel corpo dei SEAL Teams (Sono Eroi Ammazzano Lealmente), ingravida la moglie e stermina a destra e sinistra. Poi diventa Presidente USA, ma Capitan America, geloso di lui, gli spara alle spalle.
  • LA TEORIA DEL TUTTO (regia di J. Marsh) – Eddie Redmayne, nella parte di Stephen Hawking, ha vinto il Goldenglobo come miglior attore (quasi certamente arriverà anche l’Oscar). ATTENZIONE! SPOILER! Come fa Hawking a sapere tante cose sui Buchineri, sul Big Bang, il Big Crunch e il Big Mac? LI HA CREATI LUI: HAWKING E’ DIO SOTTO MENTITE SPOGLIE. Come mai Dio si professa ateo? Gli piacciono i paradossi.
  • IL NOME DEL FIGLIO (regia di F. Archibugi) – “Come lo chiamerete ‘sto fijo de mignotta?” “Benito” “Ma che stai a scherzà? Chiamatelo Astianatte…” “Ma li mortacci tua! Astianatte! Parli te che hai chiamato tuo figlio Bancomat…” “Meglio Bancomat che Benito, mortacci tua e de tu’ nonno!” “Ma annate tutti affanculo! Te e quella coatta de tu’ mojie che manco sa cos’è la sindrome de Stendal…” Come va a finire? Nasce (mediante parto cesareo) Matteo Renzi e, 30 secondi dopo, è già Presidente del Consiglio!
  • BIG EYES (regia di T. Burton) – Amy Adams dipinge donne e bambini con occhi enormi. Ch. Waltz (ma non l’avevano ucciso nel Mississippi?) diventa ricco. In tribunale Amy dimostra di essere una grande pittrice: in 5′ e 23″ rifà la Gioconda, la Dama con l’ermellino e Peppa Pig (tutte con gli occhioni). Ma in quel preciso istante irrompono i Monuments Men e sequestrano i quadri. Va a finire che Lucy (interpretata da Scarletta Johansson) ruba la marmellata di pompelmo e fugge da questo reo tempo… (scusate, credo di aver confuso le trame)

P. S. Anna, nata il 15 aprile 2013 da Micaela Ramazzotti e Paolo Virzì, è primatista mondiale di precocità sullo schermo. Nel film IL NOME DEL FIGLIO non solo è filmata la sua nascita, ma si mostrano suoi movimenti nell’ecografia prenatale.