vi predìco chi NON vincerà l’Oscar

Due anni fa azzardai alcuni pronostici e (ve lo ricordate?) ebbi particolarmente cul fortuna: 5 bersagli su 6 (ho sbagliato solo il premio al miglior regista).

Per non abbassare la media NON vi dico chi vincerà quest’anno. Ma vi dico chi non vincerà.

  • miglior film; NON vincerà AMERICAN SNIPER (con l’aria che tira tra Libia e Iraq… sarà meglio glissare su certi temi); anche THE GRAND BUDAPEST HOTEL lo vedo sconfitto in partenza (i motivi di questa convinzione li potete leggere qui)
  • miglior regista; NON vincerà MORTEN TYLDUM, la cui regia di THE IMITATION GAME è alquanto piatta; mi chiedo perché lo abbiano nominato… forse per consolarlo di essere nato in Norvegia, uno dei paesi più tristi del mondo?
  • miglior sceneggiatura; NON vincerà Anthony McCarten, che ha adattato l’autobiografia di Jane Hawking e ci ha costruito sopra LA TEORIA DEL TUTTO (film pregevole, anzi pregevolissimo, ma solo per via dell’interpretazione di Eddie Redmayne)
  • miglior attore protagonista; NON vincerà BRADLEY COOPER; è stato bravo in AMERICAN TRUFFA e anche in IL LATO POSITIVO, ma qui no, proprio no; niente di personale, Bradley… ehm, perché stai puntando il tuo M4 contro di me?
  • miglior attrice protagonista; NON vincerà FELICITY JONES; è brava, non dico di no, ma contro Julianne non c’è gara!

oskar

Published in: on febbraio 18, 2015 at 10:13 am  Comments (1)  
Tags: , , , ,

film di gennaio: alzheimer, cecchini, cervelloni, archibugiate, occhioni, e il debutto cinematografico di Anna Virzì

Dopo il deprimente periodo delle ciofeche natalizie, grazie a Dio arriva gennaio.

In questo mese appaiono film meno commerciali… roba da Oscar (o comunque di buona qualità).

Non ho lo sbattimento di recensirli come si deve, però. Mi limito a qualche riga per ciascuno.

E, per non essere accusato di spoileraggio a mano armata, non vi racconto come finisce la storia ma come mi piacerebbe finirla.

  • STILL ALICE (regia di R. Glatzer) – Ottima prova di Julianne Moore (Oscar?) e per una volta K. Stewart recita bene. Come va a finire? La protagonista incontra il Genio della Lampada e ottiene guarigione dall’alzheimer, armonia familiare e abolizione del Festival di Sanremo (in ordine crescente di importanza)
  • AMERICAN SNIPER (regia di C. Eastwood) – Quand’era giovane Clint sterminava in quanto attore; ora, ormai centenario, fa sterminare in quanto regista. In questo caso un texano, cresciuto a rodei e hamburger, entra nel corpo dei SEAL Teams (Sono Eroi Ammazzano Lealmente), ingravida la moglie e stermina a destra e sinistra. Poi diventa Presidente USA, ma Capitan America, geloso di lui, gli spara alle spalle.
  • LA TEORIA DEL TUTTO (regia di J. Marsh) – Eddie Redmayne, nella parte di Stephen Hawking, ha vinto il Goldenglobo come miglior attore (quasi certamente arriverà anche l’Oscar). ATTENZIONE! SPOILER! Come fa Hawking a sapere tante cose sui Buchineri, sul Big Bang, il Big Crunch e il Big Mac? LI HA CREATI LUI: HAWKING E’ DIO SOTTO MENTITE SPOGLIE. Come mai Dio si professa ateo? Gli piacciono i paradossi.
  • IL NOME DEL FIGLIO (regia di F. Archibugi) – “Come lo chiamerete ‘sto fijo de mignotta?” “Benito” “Ma che stai a scherzà? Chiamatelo Astianatte…” “Ma li mortacci tua! Astianatte! Parli te che hai chiamato tuo figlio Bancomat…” “Meglio Bancomat che Benito, mortacci tua e de tu’ nonno!” “Ma annate tutti affanculo! Te e quella coatta de tu’ mojie che manco sa cos’è la sindrome de Stendal…” Come va a finire? Nasce (mediante parto cesareo) Matteo Renzi e, 30 secondi dopo, è già Presidente del Consiglio!
  • BIG EYES (regia di T. Burton) – Amy Adams dipinge donne e bambini con occhi enormi. Ch. Waltz (ma non l’avevano ucciso nel Mississippi?) diventa ricco. In tribunale Amy dimostra di essere una grande pittrice: in 5′ e 23″ rifà la Gioconda, la Dama con l’ermellino e Peppa Pig (tutte con gli occhioni). Ma in quel preciso istante irrompono i Monuments Men e sequestrano i quadri. Va a finire che Lucy (interpretata da Scarletta Johansson) ruba la marmellata di pompelmo e fugge da questo reo tempo… (scusate, credo di aver confuso le trame)

P. S. Anna, nata il 15 aprile 2013 da Micaela Ramazzotti e Paolo Virzì, è primatista mondiale di precocità sullo schermo. Nel film IL NOME DEL FIGLIO non solo è filmata la sua nascita, ma si mostrano suoi movimenti nell’ecografia prenatale.