Previsioni sugli OSCAR

L’ultima volta che ho imbroccato un pronostico è stato 6 anni fa: avendo azzeccato il miglior film (ARGO), il miglior attore protagonista (D. DAY-LEWIS), il miglior attore non protagonista (CH. WALTZ) e la miglior attrice non protagonista (A. HATHAWAY) e avendo mancato il bersaglio solo per il miglior regista e per la miglior attrice ho stabilito un record difficile da battere.

Ragion per cui da allora non ci provo nemmeno. Non voglio rovinare la media.

Forse, e sottolineo forse, Nostradamus farà meglio quest’anno (magari domattina vado a comprare un vasetto di pesto senza aglio e uno di aglio senza pesto e lui compare di nuovo tra gli scaffali…)
profez

Nostracoso a parte, segnalo i risultati del sondaggio di l’ultimo spettacolo.

Miglior film viene votato ROMA con quasi il 60%; molto distanziato GREEN BOOK

Miglior regista CUARON con più del 73%; distanziatissimi Spike Lee e Lanthimos

Miglior attrice GLENN CLOSE col 62%; ampio vantaggio su Olivia Colman

Miglior attore RAMI MALEK col 52%; a CHRISTIAN BALE il 33%

Miglior attore non protagonista MAHERSHALA ALI’ col 65%

Miglior attrice non protagonista RACHEL WEISZ è in testa col 38%; a Regina King il 25% dei voti

LA FAVORITA è in testa per la miglior sceneggiatura originale (33%); a GREEN BOOK va il 29% dei voti

ROMA non teme confronti come miglior film in lingua non inglese: 65%

Lo stesso vale per LA FAVORITA nella categoria Migliori Costumi: 89%

Infine, sempre secondo questo sondaggio, la miglior canzone è SHALLOW (nella colonna sonora di A STAR IS BORN) per cui ha votato il 87%

Published in: on febbraio 24, 2019 at 9:57 am  Comments (3)  

in qual guisa lo sommo indovino NOSTRADAMUS apparvemi presso lo banco dei surgelati e rivelommi a chi sarebbe andato l’Oscar per il miglior film (se poi non ci azzeccasse non prendetevela con me)

Mentre usavo l’apposito guanto per individuare i kiwi più morbidi al Conad (persone oltre le cose) la parola di un tizio con il gilet giallo risuonò nelle mie orecchie…
gilet

…uno due tre fante cavallo e re; la montagna non va a maometto che va al mulino e si infarina; sul confine, alla faccia di trump, il messicano sarà incoronato!

TRADUZIONE:

Oscar a ROMA (miglior film e, ovviamente, miglior film in lingua straniera) e a CUARON come miglior regista.

… la bella la va al fosso, ravanei remolass tri palanche al mass; su qui e qua l’accento non va, su là e lì invece sì; ciapa’l tram balurda, ciapel ti che mi sun surda!

TRADUZIONE:

Oscar a OLIVIA COLMAN (miglior attrice protagonista); altri 5 oscar a LA FAVORITA (sceneggiatura, costumi, fotografia, montaggio e scenografia)

…sotto il ponte di baracca c’è pierin che fa la cacca; la fa dura dura dura, il dottore la misura; quarantaquattro gatti in fila per sei con resto di due marciavano compatti in fila per sei con resto di due…

TRADUZIONE:

Oscar a CHRISTIAN BALE (miglior attore protagonista)

A quel punto ero in attesa delle profezie relative ai non protagonisti.

Ma annunciarono che apriva la cassa numero 4. Mi ci sono fiondato prima che qualcuna/o mi fregasse il posto.

Pazienza. Vuol dire che domani torno lì a comprare i biscotti integrali. Magari il Mastrantonio… sì insomma, quello lì… ha qualche altra cosa da dirmi.
nostradam

Published in: on febbraio 21, 2019 at 12:39 pm  Comments (3)  

Quando un vecchio con un pick-up incontra Bradley Cooper (nel ruolo di un agente Antidroga) il vecchio col pick-up finisce dietro le sbarre

2008 GRAN TORINO

2018 THE MULE
granmul

Notate qualche analogia?

Anzitutto nelle personalità dei 2 protagonisti. In entrambi i casi due scorbutici, amareggiati dalla vita, scoprono di aver sbagliato praticamente tutto, e affrontano una grande svolta senza pensarci troppo…

Però il finale è molto diverso: il vecchio Kowalski sacrifica la propria vita per neutralizzare i giovani gangsters del quartiere; mentre il vecchio Stone non muore.

GRAN TORINO è veramente un capolavoro (ne ho parlato qui), mentre THE MULE è qualche gradino sotto (se avessi l’abitudine di dare voti, il primo sarebbe un 9 e il secondo un 7,5).

Sono comunque contento di averlo visto. Mi fa sempre piacere vedere il vecchio Clint e intrecciare la sua carriera con la mia.

  • 1964 PER UN PUGNO DI DOLLARI (mi preparavo per la maturità) –Avete fatto molto male a ridere; al mio mulo non piace la gente che ride; ha subito l’impressione che si rida di lui…
  • 1983 CORAGGIO… FATTI AMMAZZARE! (dopo molti tentativi ho superato l’esame) – Posate l’artiglieria. Se no dovrete fare i conti con noi tre: Smith, Wesson e me!
  • 1992 GLI SPIETATI (finalmente ho conseguito la patente di guida) -E’ una cosa grossa uccidere un uomo: gli levi tutto quello che ha e tutto quello che sperava di avere…
  • 2000 SPACE COWBOYS (la polizia si chiede ancora chi mi abbia dato la suddetta patente) – Ho bevuto una specie di cappuccino che sembrava bollito in un sospensorio.
  • 2002 DEBITO DI SANGUE (per tranquillizzare la polizia ho smesso di guidare) – Perché vivo in una barca? Detesto tagliare il prato!
  • 2018 IL CORRIERE – THE MULE – (a pensarci bene, la patente ce l’ho ancora… magari il Cartello ha ancora bisogno di un corriere…)
Published in: on febbraio 18, 2019 at 12:04 am  Comments (3)  
Tags: , ,

Ciao, Bruno

La morte di Bruno Ganz (avvenuta questa notte) rischia di passare sotto silenzio, nonostante fosse mezzo italiano e mezzo svizzero.

Cerco di ricordarlo con la mia fragile penna, allegando alcune immagini dei suoi film.
angelo

Eccolo come Angelo Damiel in IL CIELO SOPRA BERLINO (1987)
adol
Qui è Adolf Hitler in LA CADUTA (2004)

ganaz
Qui è Tiziano Terzani in LA FINE E’ IL MIO INIZIO (2011)

nonn
Qui è il nonno in HEIDI (2015)
verge
Qui è Virgilio in LA CASA DI JACK (2018)

Published in: on febbraio 16, 2019 at 4:32 pm  Comments (1)  

Forse per colpa di qualche influencer…

… sono rimasto pressoché immobilizzato da un’influenza con i fiocchi.

Di conseguenza nell’ultima settimana ho scritto poco (riutilizzando vecchie bozze).

E non sono andato al cinema, anche se il desiderio di vedere l’ultima regia di Clint Eastwood era bruciante.
clin

Appena possibile colmerò la lacuna.

Intanto mi preparo, scegliendo un buon incipit. Aprire la pagina con un buon incipit è essenziale.

“In una caverna sotto terra viveva il vecchio Clint…”

(no, non va; sa di cosa già detta…)

“Se davvero volete sentire questa storia magari vorrete sapere prima di tutto dove è nato il vecchio Clint e come è stata la sua infanzia schifa…”

(anche questa non è originale; l’ho letta all’inizio di non so quale romanzo…)

“Chiamatemi Clint. Alcuni anni fa -non importa quanti esattamente- non avendo praticamente un soldo in tasca…”

(qui si sottolinea il tema “mancanza di soldi”; ma si può dire meglio)

“Quando un uomo alla guida di un vecchio pick-up incontra un agente speciale della DEA, l’uomo del pick-up finisce in gattabuia…”

(così va un po’ meglio… ma ci devo lavorare ancora)

Published in: on febbraio 14, 2019 at 1:58 pm  Lascia un commento  

Quiz storico

Chi ha pronunciato questa famosa frase?

I francesi: un popolo minato dall’alcool, dalla sifilide e dai giornalisti.

  • Vittorio Alfieri nel 1799
  • Benito Mussolini nel 1939
  • Gigino Di Maio nel 2019

vittbenitgigi

Chi darà la risposta giusta entro il tramonto di ieri sarà accolto con ogni onore nell’Accademia dei Coproliti.

Published in: on febbraio 12, 2019 at 9:42 am  Comments (2)  

Si salvi chi può! Sta avvicinandosi la Festa degli Innamorati e non ho niente da mettermi

Non sai cosa scrivere sulla Valentine Card? Leggi le righe sotto l’immagine; potrebbe essere stimolante.

(se vuoi tradurre in italiano il biglietto qua sotto senza usare il vocabolario aspetta la fine del post)
valen

  • bianca è la schiuma, rosso l’estintore, solo per te batte il mio cuore
  • azzurro è il cielo, roseo il porcellino, darei qualunque cosa per un tuo bacino
  • lenta è la lumaca, veloce l’ambulanza, dei tuoi baci non ne ho mai abbastanza
  • salato è il prosciutto, dolce il tiramisù, senza di te non vivo più
  • allegra è la vacanza, triste è la galera, non vedo l’ora che sia stasera
  • rosse le tue labbra, bianche le tue mani, non vedo l’ora che sia domani (da consegnare la sera del 13)
  • tenera è la meringa, duro è il bullone, in te vedo solo cose buone
  • dolce è il miele, salato il gorgonzola, sei così bella/o che faccio la ola
  • il sangue è rosso, la viola è blù, mi piace il Cagliari ma tu di più (a richiesta posso adattarlo a tutti i colori della serie A)
  • Barbie ama il rosa, Zorro il nero; amo te e il Palermo con cuore sincero (la serie B crea qualche problema, ma se mi impegno li risolvo tutti)
  • rossa è la fragola, grigio l’elefante, ti voglio far le coccole, ma tante tante tante
  • giallo è il limone, nero è il pianoforte, quando ti vedo il cuore batte forte
  • verde è il pisello, verdi i fagiolini, quelli che non ti applaudono sono cretini
  • verdi i fagiolini, verde il pisello, tu della mia vita sei il sogno più bello

Traduzione del biglietto: ho capito di amarti quando ho scoreggiato e hai fatto finta di niente

P.S. Ringrazio SERENATE CINEMATOGRAFICHE per avermi donato, tempo fa, il seguente aforisma:

San Valentino è triste se sei single… è come il giorno dei morti se sei vivo!

 

Published in: on febbraio 8, 2019 at 11:07 pm  Comments (3)  
Tags: , , , , , ,

In quale modo e in quale maniera il tragico dissidio tra Remo e Romolo fu causato dal TAV (Traforum Aventinus-Vaticanus)

Com’è noto esiste un universo parallelo in cui Roma, devastata da 4 guerre mondiali, si era ridotta a un agglomerato di villaggi sulle rive del Tiber River.
preist

Molto spesso il Tiber era inguadabile e infestato da enormi pantegane.
topi
Perciò gli ingegneri progettarono un Traforum per collegare il Colle Aventino con il Colle Vaticano, dove era ancora praticabile il raccordo col celebre Tunnel Toninelli che a sua volta collegava Paperopoli con Topolinia, permettendo il commercio di merci preziose (piatti di plastica degradabile, scatole di tonno, barattoli di Nutella ecc)
nutella

Ma cominciarono i guai. Remus Dimaius e Romulus Salvinus non erano d’accordo sulla valutazione dei costi/benefici.
re

Andò a finire male. Fu sparso sangue fraterno…

Fu allora che scrissero l’inno FRATELLI D’ITALIA?

Beh, non è sicuro del tutto che Remus e Romolus fossero fratelli. Forse la madre era la stessa, vai a sapere… Ma i bordelli sulle rive del Tiber non registravano scrupolosamente il nome dei genitori.
parte

Published in: on febbraio 8, 2019 at 12:03 am  Comments (2)  
Tags: , ,

Sanremo. Mi sono addormentato durante la pubblicità.

Era molto che non vedevo il festival. Ricordo che l’ultima volta si discuteva sulle possibilità di Bartali di vincere il Tour.
bartComunque mi sono addormentato subito. Dopo Topolino e Minni che sgambettavano, un fesso che leggeva le notizie del TG insieme alla nonna e un addetto della Conad che fingeva di consegnare la spesa a domicilio a una massaia molto cordiale (magari in seconda serata finivano a letto?) ho sognato di ritrovarmi in un universo parallelo.

parall

In questo universo c’era, ovviamente, un Festival parallelo della Canzone. Questi i brani in programma:

  • di Titti il Canarino, MI E’ SEMBRATO DI VEDERE UN GATTO; canta Titti
  • di Nitro, Glicerina e Dinamite, BUM!!!; canta Alfred Nobel
  • di Shakespeare, Othello e Jago, NON TI HO TRADITO; canta Desdemona
  • di Rousseau, Voltaire, Marat, Robespierre, BRIOCHES; canta Maria Antonietta
  • di Platone, Senofonte, Trasillo, Erasinide, CICUTA; canta Socrate
  • di Savoia, Cavour e Ninobixio, QUI SI FA L’ITALIA; canta Giuseppe Garibaldi
  • di Guicciardini, Soderini, Machiavelli, TU UCCIDI UN UOMO MORTO, canta Francesco Ferrucci
  • di Titolivio, Svetonio, Curziorufo, Sallustio, ANCHE TU FIGLIO MIO; canta Giulio Cesare
  • di Copernico, Cheplero e Bellarmino, EPPUR SI MUOVE; canta Galileo Galilei
  • di Nenni, Saragat, De Martino, Tanassi, Brodolini, CONVERGENZE PARALLELE; canta Aldo Moro
  • di Cappuccettorosso, Lupocattivo e Lanonna, CHE GRANDI OCCHI HAI; cantano I Fratelli Grimm
  • di Kant, Fichte, Hegel, Feuerbach, Schopenhauer, CHISSA’, MAGARI DIO C’E’; canta Nietzsche (il titolo originale non era questo, ma c’era il copyright di Guccini)
  • di Andreacosta, Bakunin e Di Vittorio, SCIOPERO; cantano Susanna e i Sindacati
Published in: on febbraio 6, 2019 at 9:38 am  Comments (2)  

Ho chiesto un piccolo favore a Thanos…

Dovete sapere che, in una vita precedente, ero compagno di banco di Thanos, il titano ecologista.
ecolog

Insomma, ogni tanto ci vediamo al pub.

L’altra sera stavo per chiedergli “tutti bene a casa?”, ma ho preferito non toccare quel tasto. Gamora, sua figlia adottiva, è apparentemente morta (ma poi vedrete che la risuscitano…) proprio per mano sua.
gamor

Gli ho chiesto invece di prestarmi il suo Guantone, quello che polverizza la gente. “Sai, mi stanno sulle palle quelli che mi chiamano tutti i momenti a nome di concorrenti compagnie telefoniche, energetiche, ecc! Se puoi prestarmi il Guanto Ammazzatutti…”

“Certo che te lo presto! Anche nel mio pianeta c’erano tanti scocciatori: li ho trasformati tutti in cibo per gatti… (si è sfilato il guantone) e adesso siamo tornati all’età della pietra: quando vogliamo comunicare a distanza usiamo segnali di fumo!”
fumo

Ho infilato il Guanto e nella mia testa è cominciata la confusione.

  • questa è la Segreteria del Guanto dell’Infinito:
  • se volete sterminare gli abitanti della Via Lattea premete la Gemma Verde
  • se volete sterminare i tifosi della Lazio premete la Gemma giallorossa
  • se volete sterminare i tifosi della Roma premete la Gemma biancazzurra
  • se volete sterminare i cantanti in gara a Sanremo digitate 1
  • se volete risuscitare l’Uomo-Ragno digitate 2
  • se volete risuscitare Loki digitate 3
  • se volete vedere una versione della favola di Cenerentola in cui il Principe si innamora della Matrigna e Cenerentola va a letto con Cappuccetto Rosso digitate 69
  • se volete vedere il cadavere di questo governo portato dalla corrente sedete sulla riva del fiume…

In mezzo a tanta confusione ho sbagliato a digitare. Un po’ per mia imperizia, un po’ perché questi Guanti made in China funzionano quando funzionano…

Risultato: gli scocciatori sono ancora vivi; ma sono spariti tutti gli italiani che hanno evaso il fisco negli ultimi 60 anni.

Avete notato quanta poca gente c’è in giro stamattina?