L’ultima cena (Leonardo da Vinci)

cenacolo

A Milano ci sono molte restrizioni…

Published in: on marzo 16, 2020 at 5:48 pm  Lascia un commento  

Tre romanzi da rileggere (e uno che si può tralasciare) in attesa che passi ‘sta nuttata

In questi giorni grami faccio fatica a comprare libri. Se vedi una libreria aperta non ti fidare: è un miraggio!

Nei supermerkati, quando va bene, c’è qualche striminzito scaffale (quasi solo per bambini) e manco male che dal mio edicolante (in via del Pratello) trovo ancora cose buone: una biografia di Mozart, Pif, Amos Oz…

E dagli scaffali di casa mi corrono incontro tanti vecchi amici.

Cominciamo con questi 3:

M. Malvaldi – LA CARTA PIU’ ALTA – Storia breve, raccontata benissimo. Avviso per i naviganti: nel film che ne hanno tratto il commissario Fusco è una bella donna, nel romanzo no. Ne ho parlato qui.

P. Mastrocola – UNA BARCA NEL BOSCO – Romanzo dolce-amaro. Più amaro che dolce, se non fosse per l’ultimo capitolo dove il protagonista prova qualche gioia. Ne ho parlato qui.

A. Paasilinna – PICCOLI SUICIDI TRA AMICI -Non fatevi ingannare dal titolo: è un romanzo divertentissimo e nessun socio della Libera Associazione Morituri Anonimi darà lavoro al becchino. Anzi molti troveranno l’amore, come ho descritto qui.

A questi tre leggendari (etimologicamente equivale a che vanno letti) affianco uno sconsiglio. NON vale la pena di leggere LA MISURA DELL’UOMO, passo falso del già citato Marco Malvaldi che ha provato a sfruttare l’interesse (ahimè effimero) per la figura di Leonardo. I risultati li ho scritti qui.

Mi fermo qua. Buone letture a tutti.

Presto riprenderò il discorso a proposito di un romanzo di Baricco che a suo tempo mi ha molto deluso. Vuoi vedere che, rileggendolo, cambio idea?
altboscosuici

Published in: on marzo 16, 2020 at 11:40 am  Lascia un commento  

LUCY, un film da rivedere (nel prossimo post toccherà ai romanzi da rileggere)

Lo mandano in onda stasera su PREMIUM. Non è un capolavoro, ma credo proprio che lo registrerò.

Intanto vi propongo un giochino: elenco 20 cose che la protagonista fa oppure non fa.

(una sola di queste affermazioni è vera; se ne deduce che le altre sono false)
lucisansiro
Lucy si trasforma nel monolite di 2001 odissea ecc e appare alla tribù di Guarda-la-luna, insegnando ai pre-uomini a farsi le seghe; modifica così l’evoluzione della specie homo sapiens, ottenendo l’homo onanisticus, pacifista ed ecologista

L. prende il posto di Buffon come portiere della nazionale; ovviamente la porta resterà inviolata per tutti i secoli seculorum e, anche se davanti non segnano neanche a piangere in turco, alla fine l’Italia vince sempre (ai calci di rigore)

L. presenta il festival di Sanremo e, grazie al CPH4, riesce a farlo diventare divertente

L. canta, mentre lucida l’argenteria col sidol, il corale di J.S. Bach Vater caghen fringhen franghen (BMW 750) alla rovescia

L. incontra Dante nel paradiso dei poeti e riesce a capire, grazie alla sua superintelligenza, cosa voglia dire Papesatàn papesatàn aleppe!

L. gioca a tennis contro se stessa, spostandosi alla velocità della luce; siccome non le piace perdere gli incontri finiscono sempre col punteggio di 7-6 6-7 99-99 (tie break alla coreana)

L. realizza il remake di Casablanca con qualche modifica; interpretando Ilsa Lund sconfigge da sola la Germania nazista e infine prende l’aereo per Lisbona con Sam (interpretato da Louis Armstrong); e Rick si arrangi con Sasha, il barista…

bar

L. ricorda perfettamente le sensazioni che provava accarezzando il suo gatto (persiano) all’età di 11 mesi

L. accetta di allenare l’Inter (da cui la canzone LUCY A SAN SIRO); ma non ce la fa neanche lei…

L. e Rocco Siffredi costituiscono un duo strumentale: lei suona il violino e lui la… no, questa è banale! aspetta che la riscrivo… Lucy e Rocco si mettono d’impegno e trovano la rima per osteria numero trenta

L. fonde la sua mente con i muscoli di Chuck Norris: mens sana in corpore sano, rari nantes in gurgite femineo, de gustibus non est disputandum per terra, tantum va la gatta al lardum…

L. si innamora di Joaquin Phoenix (il poverone è in crisi post matrimoniale e le fa veramente tenerezza); poi si arrabbia perché l’hanno doppiata con M. Ramazzotti e si allontana irrevocabilmente dal nostro universo

L., rispondendo a Morgan Freeman se sia nato prima l’uovo o la gallina, se lo mangia fritto; l’uovo, non Morgan Freeman

L. lancia un gavettone esagerato a Noè (erano compagni di banco alle elementari), provocando il diluvio universale

L. viaggiando nel tempo uccide Chiara Poggi a Garlasco (contento, Alberto? ho già incassato il bonifico)

L. riscrive i romanzi pottereschi; riuscendo a rendere Harry meno stucchevole e il regolamento del quidditch più comprensibile

L. compare nel film SMETTO QUANDO VOGLIO (la sostanza isolata da Pietro è un sottoprodotto delle caramelle blu che Lucy porta nella pancia)

L. viaggia nel tempo e cambia la vita di I. Kant; questi emigra da Konigsberg a Perugia e inventa cioccolatini al gusto di imperativo categorico

L. spiega a Rocchi le regole Fifa sul fuorigioco passivo; ad esempio, il gol di Bonucci era regolare, perché Vidal non ostruiva la linea di visione di Skorupski (bonifico incassato…)

L. convince gli italiani a pagare le tasse e, cosa ancor più meravigliosa, rende comprensibile il mod. F24 (soprattutto dove parla di “istituti conciliativi di avvisi di accertamento e irrogazione di sanzioni”)

Published in: on marzo 15, 2020 at 10:02 am  Comments (8)  
Tags: , , , , , ,

ODIO LA TELEVISIONE (soprattutto in questi giorni)

Meno male che ci sono i film di SKYCINEMA.

Non sono tutti di altissimo livello, ma offrono un ampio ventaglio. Ce n’è per tutti, da RITORNO AL FUTURO a CLOSE ENEMIES, da Walter Veltroni a Edwige Fenech.

In particolare ho apprezzato IL VERDETTO, con una strepitosa Emma Thompson, programmato più volte. Ne ho già parlato qui e, prima o poi, gli dedicherò tutto lo spazio che merita.

Aggiungo GHOST, mandato in onda questo pomeriggio. Non è un capolavoro, ma ha dei bei momenti.
act
gost

A parte certi film, dicevo, la tv in questi giorni è ansiogena al 12° grado Mercalli. Telegiornali in cui si parla solo di una cosa, discorsi di Conte (tutto impettito e visibilmente soddisfatto: sta pensando che i libri di storia parleranno di lui?). Anche nelle previsioni del tempo ci rompono le palle con la quarantena.

Per non parlare dei talksciò, dove c’è la gara a chi le spara più grosse: “Non serve a niente superare l’emergenza sanitaria se poi le fabbriche devono chiudere!” “Cosa faceva il governo quando il vairus incubava dal nord al sud?” “Avete visto che a Bibbiano stanno tutti bene?” ecc

Per sfogarmi ho bisogno di aprire la finestra preparandomi al flash mob. Sono incerto se intonare “Fratelli d’Italia” o una celebre ballata rinascimentale dove si narra di Fanfulla da Lodi, cavaliere di gran rinomanza, che una notte si unì in una stanza a una dama di facili amor.

Published in: on marzo 14, 2020 at 12:21 pm  Comments (4)  

Comunicato del sIKEA (Sindacato Italiano Killer E Affini)

In ottemperanza alle Nuove Ordinanze siamo spiacenti di comunicare alla gentile clientela quanto segue:

  • Le uccisioni sono sospese nelle giornate di sabato e domenica
  • Negli altri giorni le uccisioni potranno aver luogo dalle ore 6 alle ore 18
  • In casi urgenti (suocere che vogliono il sangue delle nuore e viceversa) si potranno usare solo fucili di precisione, in grado di far esplodere il cervello a grande distanza, e non i consueti pugnali (per quanto lunghi siano, non permettono di rispettare la distanza di 1 metro).

killfucil

Published in: on marzo 13, 2020 at 10:16 am  Comments (2)  

“Siamo in missione per conto di DIO” (ve li ricordate THE BLUES BROTHERS?)

Ringrazio Bisax per avermi fatto tornare in mente i Fratelli Blu.
blubro

THE BLUES BROTHERS è un grandissimo film e rappresentò molto per la mia generazione.

Anzitutto nei due protagonisti che agivano “per conto del Signore” si incarnava l’antica figura del Fuorilegge Simpatico, tipo Robin Hood, Jack Sparrow, Bonnie e Clyde ecc

Ma non vogliamo accennare alla cultura musicale degli italieschi? Da noi, nel paese dei Cachi, pochissimi sapevano esattamente cosa fosse il Rithm’n Blues e la maggior parte dei dischi venduti aveva in copertina Claudio Villa o Orietta Berti.

Non ci credete? Facciamo un esperimento.

Prendete la vostra Delorean e viaggiate fino al 1980. Almeno i viaggi nel tempo si possono fare.

Quando arrivate in quell’anno chiedete al primo che passa chi è Wilson Pickett.

(N.B. Pickett non compare fisicamente nel film; ma gli viene tributato un omaggio con la trionfale esecuzione di EVERYBODY NEEDS SOMEBODY)

Già che siete lì cercate nei negozi di dischi qualcosa di Cab Calloway, Aretha Franklin e Ray Charles; nel film ci sono e cantano (vedi foto)

ray

Published in: on marzo 12, 2020 at 11:47 am  Comments (1)  

Mal comune mezzo gaudio? Comunque ecco cosa NON dire se ti chiedono perché osi uscire di casa

Tu puoi muoverti in Italia solo se hai un valido motivo. Ma qual è il motivo valido?

Non aspettarti che io, ignorante qual sono, sappia suggerirti cosa dire quando le Forze dell’Ordine (le guardie forestali, la municipal polizia, la CIA, la guardia di finanza e l’Esercito della Salvezza) ti fermeranno per chiederti dove cazzo vai per quale valido motivo ecc

Al contrario.

Elenco qui le spiegazioni che NON devi dare. Frasi che provocherebbero, se pronunciate, serissimi guai.

      1. Dove vado? A rapinare una banca! Ma state tranquilli: manterrò la distanza interpersonale di un metro.
      2. Perché andiamo in giro? Per nutrirci. Apparteniamo a una specie aliena che si nutre di virus; se non ne mangiamo 10 miliardi al giorno ci sentiamo male.
      3. Io sono Pdor, figlio di Kmer, della tribù di Istar nella terra desolata del Knifr! Sto andando al mercatino rionale a comprare la piadina, il Cibo degli Dei!
      4. Grande Giove, il flusso canalizzatore non ha funzionato! Avevo programmato di apparire nell’area di parcheggio della superstrada Lecco-Crema alle 22 del 12 novembre 1955… Ma non ci si può fidare di una Delorean fabbricata in Cina!
      5. Ma davvero siamo in Lombardia? Vede, signor vigile, adesso le spiego. Avevo imboccato il tunnel Gelmini a Teramo, ma invece di uscire in Svizzera ho preso lo svincolo di Vergate sul Membro…
      6. Noi vampiri siamo immuni da virus così banali. E andiamo dove ci pare.
      7. Soy un marinero de Cristoforo Colombo y voy a buscar el Levante por el Ponente! (l’uso delle lingue straniere è molto impopolare con l’aria che tira)
      8. Noi troppo odiammo e sofferimmo! Amate: la vita è bella e santo è l’avvenir! (anche Carducci è fuori moda)

    ponen

Published in: on marzo 10, 2020 at 10:37 am  Comments (5)  

Auguri a tutte le donne! (anche alle fidanzate di Berlusconi?)

Andiamo con ordine.

In origine si parlava di donne lavoratrici. (nell’Unione Sovietica, a partire dal 1921, si celebrò la Giornata Internazionale dell’Operaia)
urssMa si può definire donna lavoratrice una top model o una ballerina di lambada?

Bah.

Come già detto un anno fa non spetta a noi (genere maschile) stabilire quali categorie vanno festeggiate o meno.

Voglio solo dire che le fidanzate (passate e presenti) del Non-più-cavaliere hanno dovuto sopportare di vederlo nudo.
nudo

Published in: on marzo 8, 2020 at 9:53 am  Comments (5)  

Ci sono classifiche in cui sarebbe bene essere ultimi

Ad esempio la classifica dell’evasione fiscale (il Paese dei Cachi è messo bene in classifica) o quella degli incidenti stradali dovuti all’alcool o quella dei femminicidi.

Faccio un altro esempio.

Non so se ne siete al corrente, ma c’è in giro un’epidemia di influenza causata da un virus piuttosto fastidioso. In testa alla classifica mondiale c’è la Repubblica Popolare Cinese. Medaglia d’argento alla Korea del Sud. Per il terzo posto ce la giochiamo noi e l’Iran.

Ma adesso prendete un atlante e apritelo alla pagina dell’estremo oriente (dopo ricordatevi di lavare bene le mani).

C’è un paese che confina a Nord con la Cina e a sud con la Korea del Sud.

In questo paese che chiamerò Korea del Nord (nome di fantasia) non risulta nessun caso di contagio.

Strano, vero?

Sono state avanzate due ipotesi.

IPOTESI MIDDLESBROUGH – Sostenuta da padre Livio Fanzaga il quale, ancora scioccato dalla sconfitta della nostra nazionale nel 1966, ritiene che i nordcoreani siano superuomini, biologicamente superiori a tutti i contagi e alla fatica fisica.

livio

IPOTESI BUCHI PER TERRA – I satelliti rivelano che sono stati scavati nel terreno circa 24 milioni di buchi (diametro 2 metri, profondità 3 metri) ciascuno dei quali dista 10 metri dagli altri. Grazie alle geniali intuizioni di Kim Ping Pong, illuminato imperatore leader del felice popolo nordcoreano e sommo interprete delle immortali dottrine marxiste-leniniste di Kim Bum Bam (suo padre) ogni cittadino si proteggerà dal contagio in detti buchi. Qualora il decorso della malattia non sia fausto sarà agevole colmare il buco a badilate o con miniruspe.

buco

Published in: on marzo 6, 2020 at 11:04 am  Comments (3)  

Caro Lucio ti scrivo, così mi distraggo un po’

Ciao Lucio! E buon compleanno!

Potevo dimenticare che sei nato il 4 marzo?

Ovviamente no. Sono venuto in piazza a cercarti.
piazza
Non ti ho visto, ma so che prima o poi ti trovo. In Piazza Grande.

Mi raccomando, fatti vivo!
lucio

Published in: on marzo 4, 2020 at 11:24 am  Lascia un commento