se torno a nascere voglio fare il meteorologo

Sono abbastanza vecchio per ricordarmi di Edmondo Bernacca, il tele meteorologo degli anni 60 e 70.
bern

La sua caratteristica principale era la prudenza.

Possibili precipitazioni sulle coste ioniche… Può aumentare la temperatura in tutta la penisola… Sono possibili schiarite…”

Non si sbilanciava, il colonnello. Anche se c’erano già i satelliti meteorologici.

Oggi ne abbiamo a decine di programmi meteo.

Per lo più caratterizzati da grande perentorietà: “nel primo pomeriggio ci sarà un forte aumento termico su tutto il centro nord… in serata comincerà a piovere sul Piemonte occidentale…” e così via.

Tanto chi si preoccupa di controllare?

Voglio dire chi starà lì, col blocchetto degli appunti e la biro, a scrivere cosa il meteoman ha detto sulla temperatura e sul tasso di umidità e cosa veramente succederà? Vi risulta che qualcuna/o abbia denunciato la Rai per non aver previsto le tante impreviste “bombe d’acqua” verificatesi questa estate?

Apro parentesi. Tra i tanti meteoman il più surreale è quello di SkyNews. Si presenta davanti alla telecamera vestito da fighetto (anche quando si sfiorano i 40 gradi, tanto lì c’è l’aria deumidificata) e dice sorridendo “sarà una bellissima giornata”. Bisogna capirlo: per lui bella giornata significa cielo sereno senza una nuvola quindi tutti sulla spiaggia. Chissenefrega se l’afa è opprimente. Chiudo parentesi.

La verità è che il tempo è imprevedibile.

Nessuno può onestamente sapere quello che succederà dopodomani. Si tira a indovinare e, qualche volta, si azzecca.

In altri termini (traduco il proverbio sotto illustrato) il tempo atmosferico, l’apparato escretore e i ricchi fanno quello che vogliono.
culo

Published in: on agosto 30, 2022 at 11:33 am  Comments (3)  

P & P – meglio la serie tv del 1995 o il film del 2005?

pride

Garbata discussione con una coppia di Montebelluna (TV). Anche loro cinefili, anche loro ammiratori di Jane Austen.

Tema: è meglio la versione del 1995 (6 puntate BBC) o il film del 2005 (coproduzione GB-USA)?

Io parteggio per il film. A essere sincero parteggio per Keira Knightley (nel ruolo di Lizzie).

Si può sospettare che la parte femminile del quartetto voti per la serie tv per il fascino di Colin Firth (Darcy)? Puede ser que sì…
keirlake

Alla fine la tenzone si conclude senza vinti né vincitori. Sostanzialmente è un pareggio: sono belle tutte e due le versioni.

Non c’è bisogno di spargere sangue.

L’Emilia non sente la necessità di invadere il Veneto per denazificarlo.

Né i Veneti invaderanno l’Emilia per destalinizzarla.

Published in: on luglio 20, 2022 at 7:59 am  Comments (2)  

In questo postaccio si parla della programmazione estiva della 7, di come la pubblicità uccida le trame poliziesche e di altre cosacce

L’estate è la stagione delle repliche. Tra le varie reti è una gara a chi tira fuori dal magazzino il tenente Colombo, la nave dei sogni, il maresciallo Cecchini e le techetechetechetè.
colomnavececc

In particolare La7, rete peraltro non priva di meriti, si distingue per ripescare i vecchi telefilm di Miss Marple e di Padre Brown, il prete detective.

Ma purtroppo la rete appartiene al sig. Cairo che ha imparato da Silvio Berlusconi a usare i programmi per pompare pubblicità.

Esemplifico.

Padre Brown tenta di evadere dalla prigione di Kembleford; ma sul più bello irrompe la pubblicità: problemi alimentari dei gatti sterilizzati, wc lavati e profumati, ecc. Non chiedetemi perché father Brown è finito al gabbio: segreto militare!browMiss Jane Marple assiste alla lettura del testamento di sir Comesichiama. All’improvviso il suo volto si illumina; ha capito che non è stato un suicidio, ma un omicidio! Ma per sapere chi è stato dovremo aspettare la fine dell’interminabile pubblicità: intestini gonfi, flatulenza, diarrea ecc e non dimenticate i gatti sterilizzati!marple

Considerazione finale. Sappiamo bene che, purtroppo, i criminali la fanno franca. Dagli evasori fiscali a chi ha abbattuto il DC-9 nel cielo di Ustica.

Forse è per questo che siamo così affascinati da queste storie poliziesche in cui i vari detective (Maigret, Derrick, Montalbano e via indagando) vincono sempre contro i cattivi.

Però, mannaggia la miseria, non ci rovinate le loro storie con i gatti sterilizzati!

Published in: on luglio 14, 2022 at 5:20 PM  Comments (4)  

Don Matteo nel Multiverso delle Tartarughe

Spesso quando una serie tv ha molto successo se ne fa un film. Ad esempio SEX AND THE CITY (2008 e 2010), BORIS (2011) DARK SHADOWS (2012) ecc

Non mi stupirei quindi se Rai Cinema progettasse un film su DON MATTEO.

Aperta parentesi. La serie in questione va in onda da secoli, interpretata da Mario Girotti (in arte Terensill) che risolve in modo inverosimile enigmi polizieschi, mentre si intrecciano in modo altrettanto inverosimile triangoli erotici (lui-lei-l’altra lei; oppure lei-lui-l’altro lui). Chiusa parentesi.

TRAMA ESSENZIALE. Don Matteo pedala per le vie di Gubbio. “Questo mondo è un vero schifo! Bisogna rimediare!” Dissolvenza. Non nel senso tecnico del termine: si dissolve il mondo presente. A questo punto gli spettatori capiscono che sotto la tonaca di Don Matteo si nasconde un alieno dotato di ultrasuperpoteri grazie ai quali riporta tutte le specie terrestri e marine al periodo devoniano-carbonifero e ne modifica la linea evolutiva.

Conseguenza: la specie dominante sarà la Chelonia Sapiens che nuoterà pacificamente per miliardi di anni in oceani liberi dalla plastica. E non ci saranno guerre, code sull’autostrada, truffe ai pensionati e Bruno Vespa.
rughem

Vi sembra una storia poco realistica?

LUCY, nel film di Luc Besson, è capace di questo e altro.
luc

Post Scriptum. Non raccontate a Putin questa trama. Potrebbe venirgli la voglia di denazificare le tartarughe.

Published in: on Maggio 10, 2022 at 12:47 am  Comments (7)  

RISINTONIZZARE (voce del verbo switch off)

Se io ora vi dicessi che i canali tv saranno d’ora in poi trasmessi nella nuova codifica Mpeg-4 e, di conseguenza, i canali hd che sono stati sempre posizionati dal 500 in poi verranno trasferiti nelle prime posizioni (dall’1 al 20) mentre i programmi che non passeranno al nuovo segnale ma rimarranno con la codifica precedente (Mpeg-2) saranno raggiungibili sempre dal numero 500 in poi…

Ci avete capito qualcosa?
ipg
Io, sinceramente, non ho capito una cippa.

So che martedì sera volevo vedere il tg3 dell’Emilia-Romagna e non ci sono riuscito.

Al contrario c’era il tg regionale della Lombardia (regione che merita il mio rispetto, intendiamoci, ma io volevo il tg della mia regione).

Ho chiesto la consulenza di messer Brighenti, gran visir delle frequenze tv, il quale ha sentenziato:

“è un problema tecnico che solo la Rai può risolvere… anzi solo la direzione emiliana della Rai; infatti nel Veneto, nel Lazio e in Lombardia il tg si vede bene”

Soddisfatto solo parzialmente ho consultato altri esperti:

  • il ministero delle telecomunicazioni (Ufficio Complicazione Affari Semplici)
  • la CIA
  • il Mossad
  • Luciano Moggi
  • la stazione spaziale internazionale
  • lo stregone capo degli indiani Lakota
  • il sacro ordine equestre dei Palmipedi Ocastri
  • l’anima di Jack lo Squartatore (mediante seduta spiritica)
  • l’anima di Guglielmo Marconi (vedi sopra)
  • la COOP sei tu, chi può darti di più?

A questo punto non mi resta che aspettare pazientemente. In fondo (ripeto a me stesso) ci sono cose nel mondo più importanti di un telegiornale regionale.
band

Published in: on marzo 10, 2022 at 11:41 am  Comments (5)  

In un universo parallelo esiste un festival parallelo?

Era molto che non vedevo Sanremo. Ricordo che l’ultima volta si discuteva sulle possibilità di Bartali di vincere il Tour.
bartComunque mi sono addormentato quasi subito, dopo che gli artigiani romagnoli avevano fatto salire un gatto tigrato sul loro sofà, che un bimbo aveva gironzolato a bordo di una nave sotto un cielo meravigliosamente azzurro e in un mare liscio come l’olio (chiedete se si è divertito a chi è andato in crociera col mare mosso) e auto luccicanti avevano percorso strade assolutamente vuote (a me non succede mai!)

Insomma ho chiuso gli occhi e ho sognato di trovarmi in un universo parallelo.

In questo universo c’era, ovviamente, un festival parallelo della canzone. Questi i brani in programma:

  • di Greta Thunberg SKOLSTREJK FOR KLIMATET; canta Greta Thunberg
  • di Titti MI E’ SEMBLATO DI VEDERE UN GATTO; canta Titti il Canarino
  • di Nitro, Glicerina e Dinamite BUM!!!; canta Alfred Nobel
  • di Shakespeare, Othello e Jago NON TI HO TRADITO; canta Desdemona
  • di Rousseau, Voltaire, Marat, Robespierre BRIOCHES; canta Maria Antonietta
  • di Platone, Senofonte, Trasillo, Erasinide, CICUTA; canta Socrate
  • di Savoia, Cavour e Ninobixio, QUI SI FA L’ITALIA; canta Giuseppe Garibaldi
  • di Guicciardini, Soderini, Machiavelli, TU UCCIDI UN UOMO MORTO, canta Francesco Ferrucci
  • di Titolivio, Svetonio, Curziorufo, Sallustio, ANCHE TU FIGLIO MIO; canta Giulio Cesare
  • di Copernico, Cheplero e Bellarmino, EPPUR SI MUOVE; canta Galileo Galilei
  • di Nenni, Saragat, De Martino, Tanassi, Brodolini, CONVERGENZE PARALLELE; canta Aldo Moro
  • di Cappuccetto Rosso e Lanonna, CHE GRANDI OCCHI HAI; cantano i Fratelli Grimm
  • di Kant, Fichte, Hegel, Feuerbach, Schopenhauer, CHISSA’, MAGARI DIO C’E’; canta Nietzsche (il titolo originale non era questo, ma c’era il copyright di Guccini)
  • di Andreacosta, Bakunin e Di Vittorio, SCIOPERO; canta Maurizio Landini
  • di Bassetti, Locatelli e Pregliasco, MASCHERINE; cantano i Green Pass
Published in: on febbraio 4, 2022 at 12:38 am  Comments (2)  

Ieri sera su Rai 1…

Premessa. Con Raiuno non ho un buon rapporto. Qualche volta trasmettono qualcosa di interessante, anche se adesso non riesco a ricordarlo. Fine della premessa.

Beh, ho voluto vedere LA SCELTA DI MARIA, una docufiction sulla vicenda del Milite Ignoto. Quella salma che, trasferita in modo particolarmente solenne da una fossa anonima all’altare romano della patria rappresentò un omaggio ai tantissimi povericristi che per la Vittoria avevano dato la vita (più o meno spontaneamente).
monsel

Bravi gli attori (a cominciare da Sonia Bergamasco e da Cesare Bocci) e sufficientemente curata la ricostruzione storica. Anche se faccio fatica a credere che un impettito gruppo di alti ufficiali abbia accettato che il cerimoniale venisse modificato dalle richieste di 11 madri, per lo più di umile estrazione.
sonia

Cosa altro dire dei programmatori della Rai? Si saranno accorti che prima di un programma dedicato al MILITE IGNOTO era una stonatura mandare in onda un giochino molto scemo intitolato SOLITI IGNOTI?

Mentre mia moglie, che era molto commossa, diceva Vedrai che un film come questo non sarà interrotto dalla pubblicità… sullo schermo apparve un artigiano dal forte accento romagnolo: ci teneva a magnificare i suoi eleganti divani.

Published in: on novembre 5, 2021 at 1:06 PM  Comments (3)  

se annunciare (falsamente) la morte di qualcuno equivale ad allungargli la vita con questo postaccio farò vivere Lino Banfi per 1000 anni

La scomparsa di L. Banfi lascia un vuoto incolmabile nei nostri cuori.
banfiiii

La sua sfolgorante carriera ha illuminato mezzo secolo dello spettacolo italiano. Sui suoi innumerevoli film (ne citerò alcuni al termine di questo post brutto e cattivo) non occorre che mi dilunghi, tanto sono impressi nella nostra memoria.

Faccio solo notare che Lino, incarnando l’anima popolare del Paese, ha interpretato spesso personaggi ufficiali. Colonnello, commissario di polizia, preside, parlamentare, capo mafioso, patrimonio dell’umanità. Ma soprattutto ha impersonato la prestigiosa carica di ALLENATORE DI CALCIO.
allenator
Oltre al grande schermo Lino si è dedicato alle fiction RAI.

In particolare ha lasciato una traccia imperitura nella storia della nostra televisione col personaggio di Nonno Libero. Tale fu la sua popolarità da farlo definire il “nonno d’Italia”
medico
Infine non è mai stata smentita la voce che nel conclave del 2013 il papa dimissionario Benedetto XVI lo avesse proposto come nuovo Pontefice. Lino Banfi avrebbe rifiutato solo per la sua profonda modestia e per il fatto che gli sarebbe toccato il nome di Benedetto XVII (numero che notoriamente porta male)
ratzi

In conclusione, ci tengo a dire che ogni analogia con l’Apoteosi di R. Carrà è assolutamente voluta.
cretingatmaffimalocch
cornett

Published in: on luglio 11, 2021 at 12:35 PM  Comments (4)  

Sono il solo a trovare ESAGERATE le commemorazioni di R. Carrà?

Quando morì Elvis Presley (16-8-1977) mezza America uscì pazza (come dicono a Napoli) con manifestazioni isteriche che qui in Italia vennero considerate eccessive.

Direi che ci siamo avvicinati a quegli eccessi.

Prevedo che quando toccherà commemorare Lino Banfi (a cui, credetemi, auguro una vita lunghissima) assisteremo a un analogo straripamento di melassa.

Perciò mi preparo: nel prossimo post scriverò un “coccodrillo” e celebrerò la sua bravura e la sua versatilità, usando trombe e tromboni in onore di Nonno Libero e di Oronzo Canà, pietre miliari del cinema e della televisione italiesca.banfpallon

Published in: on luglio 9, 2021 at 12:09 PM  Comments (13)  

DELITTO IN TRE ATTI (ovvero, quando Poirot viene interrotto dalla pubblicità)

L’altra sera mi è capitato di vedere un ibrido cine-televisivo.delittacap

Una trama intrigante (zia Agatha non tradisce mai) ma recitata a cazzo di cane in modo mediocre: tanti primi piani, frasi stereotipate (“nessuno tocchi il cadavere” come se tutti fossero ansiosi di farlo) e sfondi da cartolina in technicolor.

Ma quello che ha suscitato in me un notevolissimo impulso omicida è stata la pubblicità.

  • Poirot è invitato a un cocktail party da una congrega di ricconi e non si è ancora messo comodo che veniamo informati dei problemi della prostata di un fesso.
  • Primo omicidio (ovviamente per avvelenamento, mica per niente è A. Christie) e immediatamente il pathos è stemperato per tessere le lodi di uno sgrassatore universale.
  • Poirot si annoia (come lo capisco!) e prende l’aereo per Los Angeles; appena atterrato lo informano che c’è un secondo omicidio; è incerto se tornare ad Acapulco e, mentre ci pensa, gli spettatori sono deliziati dalla réclame di una merendina (e non c’è neanche un asteroide che schianta mamme e postini: che noia!)
  • Nuovo cocktail party, nuovo avvelenamento; Poirot è già sulla via della soluzione; ma, prima che riunisca tutti i sospettati,  eccoci sensibilizzati sul cibo dei gatti sterilizzati e sui disturbi intestinali (meno male che ci sono pastiglie miracolose bla bla bla)

Ritornando all’impulso omicida di 18 righe fa non date retta all’antico detto che la miglior vendetta è il perdono.

LA MIGLIOR VENDETTA si può scegliere in quel MANUALE DEL PERFETTO SADICO noto come Antico Testamento. Ad esempio

  1. tutti i programmatori di pubblicità televisiva possono essere inceneriti da una pioggia di zolfo e fuoco (libro della Genesi)
  2. possono essere essere tormentati da un’invasione di cavallette (libro dell’Esodo)
  3. possono essere sbranati da due orse (libro del profeta Eliseo)
  4. possono essere dispersi dalla confusione delle lingue (libro del profeta Grillo)
  5. possono essere colpiti dalla grandine (libro dell’Esodo)
  6. possono essere sterminati tra le rovine di Gerico (libro del profeta Giosuè)
  7. possono essere ingoiati da un mostro marino (libro del profeta Giona)
  8. possono essere uccisi dal morso di serpenti velenosi (libro dei Numeri)
  9. possono essere colpiti dal flagello delle emorroidi (libro del profeta Samuele)
  10. possono essere impiccati a una trave della loro casa (libro di Esdra)

P.S. Nessun programmatore di pubblicità televisiva è stato maltrattato nella stesura di questo post. Purtroppo.

Published in: on giugno 26, 2021 at 10:56 am  Comments (4)