i peggiori del 2022

(parlo dei film; se volessi alludere agli uomini l’elenco sarebbe troppo lungo)

Nel corso di questo drammatico 2022, tra missili, torture, droni e corruzione internazionale, non ho trascurato la mia passione per le sale cinematografiche.

Ho visto molti film così così (categoria del BAH), alcuni al di sopra del BAH (ne parlerò alla fine) e un quartetto tutto italiano al di sotto del BAH

blapatacolibrangeli

Giunti alla fine dell’anno sono lieto di conferire al SESSO DEGLI ANGELI l’ambito trofeo di CHIAVICA DELL’ANNO con la seguente motivazione:

“riesce ad essere contemporaneamente pruriginoso e dolciastro, scontentando sia chi voleva più sesso sia chi voleva soltanto ridere” (applausi)

Post Scriptum. Già da molti anni aspetto la fine della stagione (quest’anno aspetterò il luglio 2023) per scegliere the best of the year.

Qualche bel film comunque l’ho visto. Li nomino in ordine alfabetico.

  • DANTE (recensito qui)
  • GOOD LUCK TO YOU, LEO GRANDE (recensito qui)
  • LA SIGNORA HARRIS VA A PARIGI (recensito qui)
  • LA STRANEZZA (recensito qui)
  • MAIGRET (recensito qui)
  • OMICIDIO NEL WEST END (recensito qui)
  • STORIA DI MIA MOGLIE (recensito qui)

Sta per cominciare un nuovo anno.

Arriveranno gli Oscar e forse vedremo qualche film veramente bello.

 

Published in: on dicembre 20, 2022 at 6:11 PM  Lascia un commento  

Ricordati di pontificare le feste (dal Decalogo dei veri Italiani)

Le finestre della nostra camera da letto danno sul viale dedicato a Carlo Pepoli.
via

Nei giorni feriali non c’è bisogno di attivare la sveglia. Dalle 7.30 alle 8 una fiumana di studentesse/studenti si dirige rumorosamente verso il liceo Righi e la contigua facoltà di Ingegneria.

Ieri, venerdì 9, era giorno feriale. Avrebbero dovuto svegliarci loro. Ma abbiamo dormito beatamente fino alle 10.

C’era il Ponte.
pont

Se tu che mi leggi provieni da un’altra galassia devo spiegarti che un ponte qui da noi è un Sacramento.

E’ (come dice il Poeta) un’apostrofo rosa tra le parole Giovedì e Domenica.

E’ un importante comandamento nel DECALOGO degli Italieschi. Un decalogo che comincia con

DI TROPPO RIPOSO NON E’ MAI MORTO NESSUNO

e si conclude con

NON TIFARE PER LA TERNANA (se sei di Perugia)

NON TIFARE PER IL PERUGIA (se sei di Terni)

Adesso non mi vengono in mente le altre leggi; ma tornerò sull’argomento.

Qui mi limito a ricordare la figura di Ugo la Malfa, unico ministro italiano che cercò di abolire i ponti.
ugo

Con una legge del 1977 La Malfa riuscì a cancellare gli effetti “pontificali” di molte feste religiose (Epifania, San Giuseppe, Ascensione ecc) e civili (2 giugno e 4 novembre). A quell’epoca io insegnavo e ricordo benissimo l’entusiasmo degli alunni che ritornarono in classe il 2 gennaio.

Anche la gratitudine degli adulti (genitori e insegnanti) fu commovente. Basti pensare che il partito di cui La Malfa era leader sparì.

Published in: on dicembre 10, 2022 at 12:29 am  Comments (3)  

Primarie nel PD? No, grazie!

Le primarie sono un’invenzione ammericana.sandNon funzionano molto neanche là (ma forse riusciranno a fermare Trump, hai visto mai…)
desdonald
Qui da noi è un dramma.
Avete presente Romolo e Remo?rom

Negli U.S.A. le primarie sono un match sportivo, come i trials per andare alle Olimpiadi. Ad esempio, chi vince tra i Dem sfida il candidato repubblicano (e magari vince) ma prima stringe la mano agli altri candidati e magari offre loro cariche importanti. Ad esempio nel 2008 Obama sconfisse Hilary Clinton e poi le conferì la carica di Segretario di Stato.

wecan
Qui le primarie sono guerre feroci, anzi guerre di religione. Qui si deve scegliere tra il MESSIA e l’ANTICRISTO. So di gente che sta facendo novene perché Elly Schlein non sia eletta segretario e di altri che piuttosto che vinca Bonaccini voterebbero il pulcino Pio.rpdpio
Published in: on novembre 28, 2022 at 11:53 PM  Comments (3)  

ESTERNO NOTTE di M. Bellocchio

Normalmente non seguo le serie televisive. L’ultima che avevo vista era 1992, quella con Stefano Accorsi.

(è un caso che entrambi i soggetti riguardino la storia italiana moderna?)

Aspetto l’ultima puntata per esprimere un giudizio complessivo. Per ora voglio dire qualcosa su quello che ricordo di quei giorni del 1978.

  • Aldo Moro e in generale la Democrazia Cristiana non erano molto popolari in Italia; e soprattutto a Bologna. C’era stata una campagna molto accesa sul referendum del 1974 e, nel 1977, la morte di Francesco Lorusso. Niente di strano che, in un primo momento, la notizia del rapimento (16 marzo) fosse accolta con applausi in molte università. Con queste orecchie ho sentito uno studente dire “spero che lo rimandino a casa, ma pieno di sterco!” Se questa mia testimonianza non vi basta troverete una scena molto simile nel romanzo autobiografico IL DESIDERIO DI ESSERE COME TUTTI di Francesco Piccolo.
  • Col passare dei giorni, però, la compassione verso Moro cresceva. Per non parlare dei 5 agenti di scorta. Quando poi la Via Crucis si concluse il 9 maggio molti, nel Popolo della sinistra, si chiesero siamo sicuri di essere dalla parte giusta? l’eliminazione fisica dei nemici non ci mette sullo stesso piano dei fascisti che uccisero Matteotti, don Minzoni, Amendola?
  • Alle elezioni amministrative del giugno successivo si registrò un cospicuo aumento dei voti alla DC. Giugno 1979: il PCI perse il 4% alla Camera e il 2,9% al Senato (allora si votava a 18 anni per la Camera, a 25 per il Senato: era evidente che molti giovani stavano voltando le spalle all’estremismo).
  • Le BR non esistono più. Si può ipotizzare che la scia di sangue che avevano lasciato abbia giovato soprattutto alle destre? Al decennio craxiano? All’edonismo berlusconiano? E adesso chi c’è a Palazzo Chigi?

Di questo parleremo un’altra volta. Per il momento sento la necessità di accostare le immagini del film di Bellocchio a quelle di IL CASO MORO (Giuseppe Ferrara, 1986).

Nel film del 1986 era G. M. Volontè a impersonare Aldo Moro (nella serie di Bellocchio è Fabrizio Gifuni).

La parte di Eleonora Moro era di Margarita Lozano (nella serie tv la parte è stata data a Margherita Buy).

mornottlozanofida

Published in: on novembre 16, 2022 at 3:05 PM  Comments (3)  

La Bambina prodigio

In questi giorni si è molto parlato di una giovane donna veronese che si è laureata in medicina in soli 5 anni.

Beh, che ci trovate di strano? Mozart suonava il cembalo a 4 anni e componeva a 5.
wolf
A questo proposito sono in possesso (resti tra noi) di un documento particolarmente illuminante: un componimento scritto da Carlotta in quarta elementare.

TEMA: Descrivi una famiglia povera.

Svolgimento.

Conoscevo una famiglia molto povera: il padre era poverissimo, la madre era poverissima, il maggiordomo era poverissimo, le cameriere erano poverissime, il cuoco era poverissimo, l’autista era poverissimo, i giardinieri erano poverissimi, i piloti del jet privato erano poverissimi, erano poverissimi anche il capitano dello yacht e il cambusiere e tutti i marinai. 

Published in: on novembre 7, 2022 at 12:59 PM  Comments (4)  

il triello

Tutto è cominciato nel saloon di Quirinale City.

Lo sceriffo Mattarella, stanco delle continue risse tra Calamity Giorgia, Buford Salvini e Pecos “Silvio” Bill, li ha espulsi dalla città.

“Ci siamo stancati delle vostre fanfaronate! Trovate un posto tranquillo nella prateria e risolvete tutto con un triello, come quelli che si vedono nei film di Sergio Leone! Chi sopravviverà riceverà l’incarico!”
janemadbilltriello

E alla fine… mi sono svegliato!

Peccato. Nel sogno morivano tutti e tre!

Published in: on ottobre 21, 2022 at 4:38 PM  Comments (3)  

LA MARCIA SU BETLEMME (nuove figurine del presepio)

A Napoli ogni anno appaiono nuove figurine nel presepio.
napol

Sulle bancarelle si possono comprare personaggi del passato (la regina Elisabetta, Maradona, Totò) e del presente (Valentino Rossi, Putin, Malgioglio, Bebe Vio ecc)

Quest’anno ci saranno delle importanti novità. Sento dire che al posto dei Magi ci saranno i tre leader del centro-destra. Più destra che centro, per la verità.

Vengono a Betlemme accompagnati da un numeroso corteo di guardie del corpo (si possono fare brutti incontri per le strade della Palestina).
dudmelonirobert

E non ci saranno i pastori.

E’ un mestiere duro fare il pastore. Meglio mollare le pecore e chiedere il reddito di cittadinanza.

Al loro posto nel presepio si possono mettere quelli che hanno perso il seggio in parlamento. Devono campare anche loro, poveri cristi…
maioazzolipillobella

Post Scriptum.

In un angolo del presepio ci potrebbe stare il tavolino delle tre carte. Un furbetto scambia tre cartoncini con la scritta 6 eletto-non 6 eletto sotto gli occhi speranzosi di chi è rimasto deluso dalle urne…
trucc

Published in: on settembre 30, 2022 at 12:05 am  Comments (4)  

IUS SCHOLAE

Sta per essere discussa in parlamento una legge molto importante. E mi auguro che venga approvata.
ius
Avrà diritto alla cittadinanza italiana chi ha frequentato regolarmente 5 anni di elementari più 3 di medie più 5 di istituti superiori.

Non siete d’accordo? Frequentare (non facendosi bocciare, naturalmente) le nostre scuole familiarizza con la lingua e soprattutto con i contenuti dell’italianità. Anche se non sono tutti premi Nobel anche le studentesse e gli studenti nati all’estero hanno diritto alla cittadinanza.

Mi permetto di osservare che gli indigeni (dove indigeni sta per generati da madri e padri muniti di passaporto italiano) hanno una conoscenza della lingua italica e della nostra cultura peggio che approssimativa.

In questi giorni d’esame la Rai ha intervistato decine di diciannovenni all’uscita delle scuole. Un’incredibile antologia di cazzat di baggianate.

Una maturanda (le daranno 100 e lode?) ha trovato analogie tra D’Annunzio e Greta Thunberg. Due influencers che hanno fatto cambiare idea a tanta gente…
thungabriDavvero? Hanno influito sulle scelte dei contemporanei in modo analogo?

  • Gabriele D’Annunzio convinse molti italiani alla guerra contro gli Imperi Centrali; ma comunque la decisione era già stata presa: la casta dei militari, guidata da re Vittorio, era ansiosa di far tuonare i cannoni (le guerre permettono rapide carriere, si sa)
  • Greta si è mossa da sola suscitando un interesse mondiale per la sua crociata per il clima; ha nuotato controcorrente e ora tutti la conoscono; la ammirano soprattutto i giovani, mentre gli uomini d’affari e i politici la snobbano

Preferisco non approfondire. Sondare l’ignoranza del popolo italiesco mi dà le vertigini.

Prima di sentire che, in fondo in fondo, tra i due personaggi sotto effigiati ci sono molte somiglianze (ad es. entrambi sono famosissimi, hanno avuto 2 mogli ciascuno e hanno la lettera R al terzo posto del cognome) preferisco annegare la nausea in una varra de sangria.

neroguglielmo
varr

Published in: on giugno 26, 2022 at 12:13 am  Comments (5)  

c’è ladro e ladro (mettiamo a confronto due film)

Ci sono film talmente brutti che mi rifiuto di recensirli. Ce ne sono talmente belli che non vedo l’ora di comprare il dvd.

Appartiene alla prima categoria un film italiano uscito nelle sale nel dicembre 2021.

Nella seconda categoria inserisco IL RITRATTO DEL DUCA (THE DUKE) che abbiamo visto sabato sera.

In entrambi i casi si parla di furti. Dove per furto si intende l’appropriazione di un bene altrui, che può essere un gioiello conservato in una cassaforte o un dipinto di Francisco Goya esposto nella National Gallery di Londra.
robado

Ribadito che la differenza qualitativa tra i 2 film è abissale (forse perché Miriam Leone non è Helen Mirren e Jim Broadbent è qualche gradino più in su di Luca Marinelli) concludo con una semiseria considerazione su come il furto sia visto diversamente tra i sudditi della Regina e noi italieschi.

In Inghilterra Robin Hood è quasi un eroe nazionale. E non per caso il protagonista di THE DUKE (si chiamava Kempton Bunton e morì nel 1976) segue assiduamente la serie TV The adventures of Robin Hood.

Aggiungo che un altro famoso furto (descritto nel film THE FIRST GREAT TRAIN ROBBERY, 1978) descrive il superladro (Sean Connery) con grande simpatia.

Da noi i ladri non sono altrettanto simpatici, si chiamino Diabolik o Bettino Craxi. Ci siamo abituati a pensare che la vita sociale del nostro Belpaese sia un’interminabile guerra di ladri contro ladri.
bolikduc

POST SCRIPTUM. Nei titoli di coda vediamo James Bond ammirare il quadro di Goya. Stavolta Connery interpreta il “buono” e quindi sarà il ladro a fare una brutta fine.
goya

Published in: on marzo 7, 2022 at 10:51 am  Comments (2)  

mi ha telefonato papa Francesco, a proposito di THE WOLF OF WALL STREET

(premessa essenziale; ripubblico il testo di una telefonata di 8 anni fa… perché Fazio sì e io no? fine della premessa essenziale)

Mi ha chiesto se mi era piaciuto.

-Claro que sì! Me gustò mucho…-

Parla in italiano, patacca! Sono oriundo piemontese, siamo paesani…-

-Santità… Francesco… vorrei chiederti in confidenza… tu non disapprovi questo film?-

-NON è certamente uno spettacolo edificante, però non è noioso!-

-Dimmi, Francesco: qual è la cosa peggiore de esta historia? Voglio dire tra l’elogio della masturbazione, l’infedeltà coniugale, la truffa sistematica, la frode fiscale, il tradire gli amici…-

-Sin duda lo peor es la FRODE! Tutto quel denaro entra nelle tue tasche senza che tu abbia lavorato, abbia prodotto ricchezza… ciò significa che tu lo stai portando via agli altri, ricchi o meno ricchi che siano! Si ahora todo el mundo està en la mierda lo dobbiamo a questi ladri! Questo lo spiega molto bene MARGIN CALL (dove non si fanno de coca, ma sono ancora più ladri) e chissà per quanto tiempo dovremo ancora scontar le malas actiones de estos sinverguenzas cabrones hijos de pu…-

E’ caduta la linea. Meglio così, la sua collera stava diventando imbarazzante.
papa

Published in: on febbraio 7, 2022 at 10:18 am  Comments (7)