Come Pablo Picasso (famoso pittore di Cividale del Friuli) mi apparve in birreria

Iniziata la terza media (cioè, la terza birra media) mi accorsi che Picasso era seduto accanto a me.

pablo

Buenas tardes, Maestro! Sus pinturas me gustan muchissimo!

Lui rispose borbottando che soltanto noi italiani parliamo così male lo spagnolo. E mi chiese come spiegavo che da noi, dopo Renato Guttuso, la pittura aveva prodotto fiori così scoloriti.

Provai a rispondere.

Maestro, non tutti hanno la fortuna di essere anarchici.

Voglio dire, gli iberici da Goya a Dalì dipingono l’anarchia, i norvegesi l’angoscia…
goyadalì
munc

e noi in Italia dipingiamo il cinismo e la rassegnazione…
teomo
… e ci manca l’inventiva!

Alla RAI il programma più seguito è uno spezzatino di scenette riciclate chiamato TECHETE’ e, dopo aver riesumato il cadavere di RISCHIATUTTO, ora toccherà a PORTOBELLO!

A quel punto mia moglie, stanca di vedermi parlare a una sedia vuota, mi ha trascinato fuori a respirare un po’ di aria fresca. Ecco perché non ho finito la terza media.

Annunci
Published in: on agosto 18, 2018 at 12:20 am  Comments (6)  
Tags: , ,

IF censurato

IF non è la migliore tra le poesie di Kipling

Per me la migliore è Gunga Din, in cui il protagonista (indiano) muore eroicamente (non era tanto razzista, dunque, il vecchio Kipling).
gung

Premesso ciò, la scelta di alcuni studenti di Manchester di cancellare IF dal muro su cui era stata trascritta mi sembra superficiale e pericolosa.

Pensiamoci bene. Chi ha il diritto di censurare i poeti? Se volessimo valutare l’eticità di Shakespeare con i criteri contemporanei molte pagine verrebbero sforbiciate.

  • Amleto, tanto per citarne uno, non si comporta bene. Nevroticamente misogino, provoca la pazzia di Ofelia, impedisce alla regina Gertrude di vivere serenamente la sua sessualità; ma soprattutto, invece di ripetere la massima moderna “non voglio vendetta, voglio giustizia”, scatena un’interminabile catena di omicidi (e non ha neanche prove certissime dell’assassinio di suo padre…)
  • e di Calibano vogliamo parlare? Se Prospero, il demiurgo della TEMPESTA, è così potente perché non educa il povero selvaggio e lo fa diventare un gentleman? e magari gli procura una Calibana?

Cari studenti di Manchester, datemi retta: ogni pensiero e ogni scritto va contestualizzato.

In caso contrario non si salva nessuno.

Non si salva Milton: intollerante (celebra la strage dei Filistei compiuta da quel bruto di Sansone), omofobo, collabora con il regime autoritario di Cromwell…

Non si salva De Foe: perché Robinson insiste nell’insegnare l’inglese a Venerdì, invece di imparare lui la lingua locale? Questo è colonialismo!

Non si salvano Walter Scott, Dickens, Bernard Shaw ecc.

Mi fermo qui. Mi è venuto in mente che, in base ai criteri manchesteriani, anche i capolavori del cinema potrebbero essere censurati.

Potrei lavorarci sopra.

Buon luglio a tutte/i.

 

Published in: on luglio 22, 2018 at 9:27 am  Comments (2)  
Tags: , , ,

E se il SACRIFICIO DI ISACCO fosse stato comandato a Sara?

Mostra a Forlì: DA MICHELANGELO A CARAVAGGIO (ma c’è anche Tiziano)

Bellissima.

Ci troviamo, mia moglie e io, davanti al “Sacrificio di Isacco”
carav

Domando (retoricamente): E se il sig Geova avesse chiesto di sacrificare Isacco non al padre ma alla madre?

Risposta (di mia moglie). Io avrei risposto così al Signore: se mi chiedi di sacrificare mio marito io obbedisco, e anche volentieri. Ma il mio Isacco NO, CENTO MILA VOLTE NO!!!!

Poi com’è noto la storia finisce bene.

Abramo aveva già impugnato il coltello (vedi sopra) quando un angelo gli disse “Sorridi Abramo, sei su SCHERZI A PARTE!!!!”

 

Published in: on giugno 17, 2018 at 11:21 am  Lascia un commento  
Tags: , , ,

Perché il calcio sì e il ciclismo no?

IL FATTO. La partita amichevole di calcio Argentina-Israele è stata annullata. Si doveva giocare a Gerusalemme. Le proteste palestinesi e la minaccia esplicita di versare sangue ha consigliato gli argentini a restare a Barcellona, dove si sono radunati attorno al loro Messi(a).

LA DOMANDA. Se ospitare una manifestazione sportiva internazionale nella città che noi chiamiamo Gerusalemme e gli islamici al-Quds crea tante tensioni perché nessun islamico ha obiettato quando il Giro d’Italia è partito proprio da lì?

LA RISPOSTA. Non ho la pretesa di entrare nella mente di tutti i palestinesi (né riesco a immaginare una soluzione di quella tragedia senza fine); ma se io volessi suscitare l’interesse del mondo boicottando qualcosa non sceglierei il ciclismo. Poca cosa è ormai il ciclismo e il Giro d’Italia è totalmente ignorato dal 90% della popolazione mondiale.

Invece il calcio e i suoi campioni li conoscono tutti, dalle megalopoli asiatiche ai villaggi dell’Uganda. Le magliette di Messi o di Cristiano Ronaldo fanno notizia cento volte di più della bici di Froome.

messicilo

Published in: on giugno 8, 2018 at 12:43 pm  Comments (2)  
Tags: , , , ,

la tematica del TRIANGOLO in Mogol-Battisti

29 settembre e Fiori rosa, fiori di pesco. Parole di Giulio Rapetti (in arte Mogol) e musica di Lucio Battisti.

Siamo a cavallo tra gli anni ’60 e il 1970. Gli equilibri economici e sociali del paese cominciano a subire modifiche, ma quello che viene veramente sconvolto è il comportamento sessuale dei giovani.

Esemplifichiamo. Prima storia. Primo triangolo: LUI, LEI, L’ALTRA.

LUI è giovane e non sembra particolarmente oberato di lavoro. Se ne sta lì, seduto al tavolino di “quel caffè” e guarda il resto del mondo che si muove intorno a lui. C’è anche LEI. Gli sguardi si incrociano.

LEI non abbassa gli occhi (come avrebbe fatto una ragazza della generazione precedente): non ci pensa proprio, anzi sorride. Vuol dire che ci sta!!

LUI non capisce più niente.

Non si ricorda nemmeno che esiste un’ALTRA (fidanzata, convivente, fate voi): via di corsa, prima al ristorante (non ha problemi di grana, il ragazzo) e poi a letto. La mattina dopo LUI, spinto da un devastante senso di colpa, telefona all’ALTRA (LEI era solo l’avventura di una notte ed è già dimenticata): ride e piange e si parla addosso.

L’ALTRA fa finta di non capire cosa è successo: una donna degna di tal nome CAPISCE SEMPRE. Per amore del quieto vivere o per qualche altra ragione finge e, al momento opportuno, applicherà la legge del taglione: occhio per occhio, scappatella per scappatella.

Riassumendo: LEI (la ragazza del caffè) si annoiava e si è accontentata di “una botta e via” (non risulta che abbia fatto storie, che l’abbia cercato poi, ecc). Beh, che c’è di strano? Se per molti uomini “una botta e via” è l’ideale, perchè non dovrebbe andar bene per una donna?

PARITA’ DI DIRITTI, NO? In quegli anni fu cancellato per palese incostituzionalità un articolo del Codice Penale che puniva l’adulterio femminile, E SOLO QUELLO.

Seconda storia. Secondo triangolo: LUI, LEI e L’ALTRO.

LUI va a trovare la sua ex. Gli esegeti discutono se QUELL’ANNO IN PIU’ voglia dire che è il compleanno di LUI (per la storia L. Battisti era nato in Marzo) o se è passato un anno dalla rottura. LEI lo fa entrare e si lascia prendere le mani. Sono tremanti le mani di LEI (magari per l’imbarazzo) o è LUI che si illude?

Colpo di scena. Nel vano della porta compare l’ALTRO. Probabilmente ha parecchi anni più di LUI, che lo chiama “signore”. Magari è in mutande o con una vestaglia buttata lì all’ultimo momento, ma lo chiama SIGNORE.

Non c’è bisogno di fare le presentazioni, né di aggiungere lunghi discorsi. LUI se ne va.

Considerazione finale. LEI avrebbe fatto meglio a non far entrare LUI? Forse, o forse no.

Mettendo LUI a contatto con l’ASPRA VERITA’, LEI si risparmia un sacco di parole (sai, ti devo dire che… cerca di capire… non eravamo fatti l’uno per l’altra…). Gli fa vedere come stanno le cose (L’HAI CAPITA O NO, PIRLA?) e LUI non si farà più vedere.

Per analogia, risentitevi RITORNERAI (Bruno Lauzi, 1963) dove LUI (caro indimenticabile Bruno) SI ILLUDE che Lei ritornerà. Come è stato AUTOREVOLMENTE dimostrato, col cavolo che ritornerà!!

Perché dovrebbe? E perchè la ex di Lucio dovrebbe rimettersi con lui? Con un capellone vestito male… NON AVEVI NOTATO LA MERCEDES parcheggiata sotto casa, pirlone?

Published in: on aprile 6, 2018 at 12:27 am  Comments (7)  
Tags: , , , , , , ,

In qual modo lo celebre indovino NOSTRADAMUS sciolse lo grande enigma che da millanta notti turbava la mente mia (no, non mi riferisco al ritorno di Nosferatu a Palazzo Chigi… di quello che succederà al Paese dei Cachi poco mi cale)

Mi inchinai.

-O sommo tra i sommi, sciogli il dubbio che mi fa perdere il sonno fin dall’Anno della Salute 2000! Quale sarà la forma d’arte caratteristica di questo secolo, come lo furono l’Opera Lirica nell’800 e il Cinema nel 900? Sarà forse lo short pubblicitario?-

Lo grande Maestro rispòsemi…
notre

Non ci provo neanche a tradurre in italiese (lingua ricca di ambiguità e sottintesi) l’interminabile e oscurissimo sproloquio che seguì.

Sintetizzo:

  • anzitutto mi diede il suo IBAN su cui versare la salatissima parcella (gli serviva per pagare la connessione a Internet, fenomeno che Egli aveva preannunciato con quel “mille soli sorgono a Occidente”)
  • deinde, sentenziò che usare immagini in movimento a scopi pubblicitari altro non era che sviluppare le intuizioni degli Hermanos Lumière (quindi è sempre cinema, prova ne sia che star come John Malkovich, Robert DeNiro e Julia Roberts hanno girato spot; anche Marilyn -adesso che ci penso- nel 1955 faceva pubblicità al dentifricio Dazzledent)
  • deinde, mi indicò in una folgorante visione la forma d’arte che già si è diffusa e ancor più diffonderassi; essa, travalicando le differenze razziali e di genere, piacerà a tutte/i, ebdomadari, bactriani, sefarditi, cirillici, glogolitici e bustrofedici!

enmilinguaunogif

Published in: on febbraio 26, 2018 at 10:16 am  Comments (3)  
Tags: , , ,

Tre hurrah per Parma!!!

Mia moglie e io amiamo tanto questa garbata città.
parm
Forse perché la nostra prima notte nuziale è stata ospitata dal Maria Luigia Hotel?

Forse perché Arturo Toscanini è nato qui?
tosca
Forse perché alla Filoma si mangiano tortelli che sono la fine del mondo?

E lì vicino c’è quella meraviglia architettonica che si chiama Battistero?
batt
Difficile scegliere tra i tanti pregi di Parma quello che affascina di più.

Ho saputo che è stata scelta come capitale per la cultura per il 2020… e vado a letto felice.

Buona notte, Parma, buona notte!

Published in: on febbraio 17, 2018 at 12:48 am  Comments (3)  

Freud, Berlusconi e la Merkel a Casablanca (sogno di una notte di metà febbraio)

L’altra notte ho sognato di tornare a Manderley; il cancello era chiuso; suonai per farmi aprire…

Scusate, ho sbagliato incipit. Quello era REBECCA, LA PRIMA MOGLIE.
mander
Daccapo.

L’altra notte ho sognato di entrare nel night club di Rick Blaine a Casablanca. In un angolo il pianista suonava You must remember this: a kiss is just a kiss…
sam
A un tavolo erano seduti Siegmund Freud, Ingrid Bergman, Angela Merkel e Martin Schulz.
sigisangelabergm

Stavano parlando del successo mondiale di 50 SFUMATURE DI GRIGIO

Ingrid chiedeva a Sigmund: “Dottore, tante donne si immedesimano in Anastasia Steel. Ma come si spiega… voglio dire, anch’io sono stata strapazzata qualche volta da Bogart, ma è tutta un’altra cosa! Quello era amore! Essere frustata, ammanettata… non lo chiamo amore!”

“Cara miss Bergman, molte donne non riescono a distinguere amore e sesso (il masochismo è una delle manifestazioni dell’istinto sessuale). Mentre agli uomini questa distinzione riesce benissimo; ad esempio, quel cialtrone seduto là (lo indicò con una taliata) quello con la faccia deformata dal lifting… da quando è entrato non fa che spogliarla con gli occhi…”

“Anche se ha spianato le rughe io lo riconosco lo stesso: è quello che mi chiamava culona inchiavabile (sussurrò la Merkel)”

“E’ vero, Angela! (aggiunse Schultz) E a me disse davanti a tutto il Parlamento Europeo che avevo la faccia da nazista! Forse è venuto qui per chiederci come si fanno le Grosse Koalitionen. Mi vien voglia di andare là e rompergli il muso!”

“Non è il caso, amici! Non vale la pena di cedere all’ira. Ora concentratevi e, al mio segnale, scatenate il pernacchio!”

Freud si girò verso il cialtrone…

“Silvio?”

“Sì?”
prrrrrrr

Cavie umane usate per i gas di scarico dei diesel

dieseGas assolutamente innocui, assicura il dott. Mengele

Published in: on gennaio 31, 2018 at 8:06 am  Comments (2)  

Variazioni linguistiche sulla parola STRONZO

Qualche giorno fa scrivevo “quello stronzo” a proposito del marito di Rachele Guidi.

Per ribadire il concetto ho fatto ricorso al traduttore automatico:

in inglese Mussolini è un ASSHOLE

in tedesco è un ARSHLOCH

in francese è un CONNARD

in portoghese è un CAGALHAO

in spagnolo è un CABRON (l’accento sulla O)

in svedese* è un ARSELHAL

*Colgo l’occasione per tributare l’estremo saluto a Ingvar Kamprad, sulle cui giovanili simpatie per il nazismo sarà bene stendere un pietoso velo.

Ti sia lieve il truciolato! (cit da http://www.spinoza.it)
ike

Published in: on gennaio 30, 2018 at 7:44 am  Lascia un commento  
Tags: ,