Resurrezione del blog (ovvero, chi stava telefonando al Papa mercoledì scorso?)

Da un po’ di tempo il mio bloggaccio stava agonizzando e pensavo seriamente di staccare la spina.

Poi mi è apparso in sogno Nostradamus: mi ha detto che ero troppo mùsciu (credo che voglia dire noioso) e mi ha consigliato di ispirarmi all’attualità.

Seguirò il suo consiglio.

Cominciando a quello che è successo mercoledì scorso nell’aula delle udienze, in Vatican City. Jorge Mario Bergoglio (in arte Francesco) stava completando i saluti finali quando un trafelato maggiordomo gli ha portato un telefono portatile.telef

Qualcuno lo chiamava con evidente urgenza (il Papa si è affrettato a rispondere). Ma chi era e cosa voleva?

      • ipotesi A – Pronto? Sono E. T. Volevo avvisare che farò tardi a cena… Ah, non è zia Clarabella? Chiedo scusa, ho sbagliato numero…
      • ipotesi B – Pronto, Francesco? Sono Allah, il titolare della compagnia concorrente. Volevo avvisarti che abbiamo approntato un programma straordinario; vedrai che rimarrai estasiato; e non dovrai neanche cambiare numero!
      • ipotesi C – Pronto, compare? Sono Vito Corleone… Ti farò un’offerta che non potrai rifiutare…

    corleo

 

Published in: on agosto 14, 2021 at 12:23 am  Comments (4)  

EUTANASIA DI UN BLOG (ma forse non lo farò morire…)

Premessa maggiore. Tutto quello che inizia deve finire, prima o poi

Premessa minore. Questo blog è iniziato (il 2 settembre 2008)

Conclusione. Questo blog deve finire, prima o poi

Però non lo faccio morire subito.

Merita di spirare serenamente, ma senza fretta.

Pubblicherò i migliori post della sua storia partendo dal febbraio 2009. Cosa che mi permetterà di ringraziare i commentatori più assidui.
bloooo

Published in: on luglio 19, 2021 at 9:09 am  Comments (4)  

non mi piace sparare sulla croce rossa… ma chi è stato il primo a dire che “saremo tutti migliori”?

Leggo sui giornali di oggi che

  • a Torino un 52enne è stato ucciso (coltello piantato in un occhio); suo fratello è stato arrestato
  • una 16enne è stata uccisa da un amico (dagli amici mi guardi Iddio) nelle campagne presso Bologna
  • non si arrestano le ricerche di una 18enne di origine pakistana scomparsa dalle parti di Reggio Emilia; scomparsi anche i genitori e lo zio (molto probabilmente l’hanno uccisa perché rifiutava di sottostare alle loro regole bigotte)
  • per non parlare delle morti sul lavoro, che purtroppo sono talmente frequenti che non fanno notizia

Commento. Bisogna essere veramente ingenui per aspettarsi un miglioramento dell’umanità. Sottoscrivo pienamente le dichiarazioni di Francesco Guccini: “non impareremo nulla neanche stavolta; è nella natura umana il dimenticarsi presto delle tragedie passate per riprendere la vita di sempre”

migliori

Published in: on giugno 29, 2021 at 4:22 PM  Comments (1)  

Ricordo di un grande attore. Correva l’anno 2001…

A Bologna può capitare di tutto.

Ad esempio se presiedi un seggio elettorale puoi trovarti davanti un bravo, anzi bravissimo attore.
scandudurra

Alludo a Franco Scandurra.

Ieri sera l’ho visto in un film del 1976, trasmesso da un benemerito canale chiamato RAI STORIA. Scandurra interpretava un anziano cardinale che favorisce l’elezione del nuovo papa (interpretato da Nino Manfredi).
buonano

Mi sono commosso a vederlo sullo schermo e mi sono ricordato di quella volta al seggio.

Dovete sapere che a Bologna, proprio accanto all’Arco del Meloncello, c’è da più di 100 anni la Casa di riposo Lydia Borelli per artisti e operatori del mondo dello spettacolo. Scandurra visse lì gli ultimi anni della sua lunga vita: nato nel 1911, morto nel 2003… fate voi il conto.

Se non fossi stato impegnato nelle operazioni del seggio lo avrei salutato come meritava. Ma quelli sono momenti delicati dove meno si parla meglio è (dimostrare simpatia per qualcuno può causare tensioni tra gli scrutatori, so di cosa parlo).

Perciò me ne sono stato zitto. Ora mi dispiace molto essere stato zitto.

Nelle successive elezioni, quelle del 2004 (quando fu eletto sindaco Cofferati), sul registro degli aventi diritto al voto il nome di Franco Scandurra non c’era più.
borelli

Published in: on febbraio 28, 2021 at 12:11 PM  Lascia un commento  

BUONA FINE E BUON PRINCIPIO

Mi porto avanti col lavoro e rivolgo a tutte/tutti i miei più sinceri per l’imminente 2021.
fine

L’anno che se ne va non è stato pieno di gioia (eufemismo).

A parte il virus, le liti tra gli “esperti” e il perdurare sugli schermi di Brunovespa, fenomeno inspiegabile per me, ho avuto un’ultima disavventura.

L’altro ieri ho smarrito il portafoglio. Bloccata subito la carta di credito, sono andato a denunciare lo smarrimento in Questura.

Ora (sperando che il portafoglio salti fuori, magari all’Ufficio Oggetti Smarriti) inizia la trafila burocratica per ottenere una nuova patente e una nuova carta d’identità.

Come in questura anche l’ufficio anagrafe del Comune di Bologna mi ha fissato con lodevole efficienza l’appuntamento per ottenere la carta d’identità.

Attenzione: ho anche la possibilità di cancellare la prenotazione (basterà linkare prenotazioneurp.comune.bologna.it/qmsui-prebookingclient/confirmPB?/confirmPreBookingParam=eyJZ2V…)

Meglio non cancellare, tutto sommato.

Published in: on dicembre 30, 2020 at 12:08 am  Comments (4)  
Tags: , ,

COSA VIDERO I MAGI? (dove si allude anche a Giulio Regeni)

Avevo promesso tempo fa di raccontare come finì il viaggio dei Magi.

Arrivati alla periferia di Betlemme (e fatta controllare alle Forze dell’Ordine la loro autocertificazione) trovarono una donna, un uomo con regolare certificato di matrimonio e un bambino.

Nessun altro. I pastori non erano autorizzati a circolare dopo le 22. Gli angeli, per evitare grane, non si fecero vedere neanche da lontano.

L’asino e il bue neanche a parlarne.

C’era la Stella e solo perché quando ordini qualcosa via Amazon ti arriva dovunque tu sia.

comet

I magi fecero gli auguri a tutti e tre.

Auguri che estendo di tutto cuore a te che leggi queste righe.

Scattarono questa foto (mica male, tenendo conto dei mezzi dell’epoca) e tornarono a casa. Consigliando caldamente alla famiglia di NON ANDARE IN EGITTO

“è diventato un posto rischioso, credeteci!”
regeni

Published in: on dicembre 24, 2020 at 11:22 am  Lascia un commento  

2020 funesto. Ma anche no! (Biden ha vinto)

Mio caro Watson, mi congratulo con voi! Eravate convinto della vittoria di Biden già la mattina del 4 novembre! Presumo che la vostra divinazione fosse basata sull’enorme numero di voti espressi per posta (secondo la BBC sono stati più di 80 milioni) e sulla considerazione che questo modo non tradizionale di esprimere il voto è tipico di chi ama le novità, soprattutto i giovani e chi è in possesso di un titolo di studio superiore. Di conseguenza si può dedurre che l’elettorato repubblicano (molto tradizionalista) non usa votare per corrispondenza.
postal
Non merito il vostro elogio, Holmes. In realtà ho scritto che Trump non sarebbe stato rieletto perché mi girava così.

Apprezzo la vostra sincerità, Watson! Ora sappiamo che la previsione non si basava sulla logica ma sul culo sull’intuizione. Passiamo ora a esaminare il mistero delle regioni colorate. Come si potrà colorare la Cornovaglia? In rosso, in giallo o in viola? E il Galles sarà in giallo canarino o in verde bottiglia?
wats

Published in: on novembre 6, 2020 at 2:48 PM  Comments (2)  

2020 FUNESTO ma anche no

Non è stato pieno di gioia quest’anno (pandemia, terroristi islamici, la morte di Morricone, di Proietti, di Sean Connery ecc) ma almeno lui non è stato rieletto!!!!donal

Aggiornamento ore 12.22: mi sono lasciato trasportare dall’entusiasmo. Perciò devo riscrivere il post.

Published in: on novembre 4, 2020 at 12:11 am  Comments (5)  

HOPE NEVER DIES, but Sean did

Have a good night, dear friend.
sean

Published in: on ottobre 31, 2020 at 3:22 PM  Comments (4)  

DECRESCITA (FELICE?)

Ogni tanto sento dire che non tutti i virus vengono per nuocere.

Che l’eccezionale rallentamento dell’economia mondiale, iniziato la primavera scorsa, è un bene.

Soprattutto per l’ambiente. Anzi si deve pregare perché il virus si diffonda sempre di più e faccia passare a tutti la voglia dei concerti sulla spiaggia, dei viaggi in aereo, dei rave party ecc.

Mah.

Non sono uno studioso di ecologia, di scie chimiche e di ossidi di azoto.

Dico solo che in queste crociate contro la società dei consumi e in questa nostalgia della società preindustriale mi sembra di sentire l’eco del “ricordati che devi morire” a cui Massimo Troisi diede una risposta memorabile.
troi

Nessun ecologista è stato maltrattato nella stesura di questo post.

Published in: on ottobre 14, 2020 at 8:19 am  Comments (2)