Se il padrone di casa mi chiederà di pagare l’affitto cosa farò?

So già cosa farò.

Dirò che lui è un nazista.

Stessa strategia al ristorante. Conto troppo salato? “Lei è un nazista!!!!”

Io non pago i nazisti. Perciò vado via senza pagare.

Vi sembra irragionevole il mio comportamento? Mi sono ispirato alla propaganda putiniana. In una dittatura, con tutti gli strumenti del potere nelle mani di un solo despota, tu puoi far credere alla gente qualsiasi balla. Ad esempio puoi far credere che la maggior parte del popolo ucraino è nazista.

Strani nazisti, per la verità, che eleggono un presidente di origine ebraica e i cui bisnonni sono stati uccisi (in quanto ebrei) dai nazisti.

Quelli veri.
zel

E’ una strategia antica. Ai tempi del Terrore giacobino si accusarono dei ciabattini di essere aristocratici. Allo stesso tempo Maria Antonietta andò alla ghigliottina con l’accusa (tra le altre) di aver avuto rapporti incestuosi con suo figlio.

Per non parlare di Lev Trotsky, accusato da Stalin di essere un agente del capitalismo anglo-americano (guarda che coincidenza: Trotsky era ebreo ed era nato a Bereslavka, Ucraina).
trots

Published in: on aprile 11, 2022 at 10:50 am  Comments (6)  

The URI to TrackBack this entry is: https://ilbibliofilo.wordpress.com/2022/04/11/radio-america-a-prairie-home-companion/trackback/

RSS feed for comments on this post.

6 commentiLascia un commento

  1. Se c’è una guerra tutti mentono, soprattutto dove non c’è libertà di stampa. Da noi si va spesso all’eccesso opposto, pompando l’aspetto sensazionalistico sempre e comunque (La 7). Oppure si fa ampio ricorso alle dichiarazioni ufficiali (mamma Rai).
    Io mi limito a chiedermi: chi c… ha cominciato questa orrenda carneficina?

    Piace a 1 persona

    • La carneficina l’ha cominciata Putin. Sin duda.
      Mi chiedo che avrà l’abilità di trovare un armistizio (magari sarà temporaneo, tipo Corea)

      "Mi piace"

      • A me pare che chi l’ha cominciata (rasPutin, sPutin, lo zar di tutte le merde) stia premendo a testa bassa verso la terza guerra mondiale. Bisogna fargli capire presto e con argomenti pesanti che non gli conviene.

        Piace a 1 persona

  2. L’esercito russo è da sempre un maestro nell’uso dell’inganno bellico, che include la disinformazione e la negazione della verità anche quando questa sia lampante. Tutto col fine di ingannare e seminare il dubbio costante nella mente del nemico. Esiste perfino una parola russa per definirne l’uso militare: maskirovka

    Piace a 1 persona

    • Affianco al termine russo MASKIROVKA l’assioma del celebre autore cinese Sun Tzu: TUTTA LA GUERRA SI BASA SULL’INGANNO (L’arte della guerra, capitolo I, versetto 18)

      Piace a 1 persona

      • Ho letto anche io Sun Tzu. Al giorno d’oggi però solo chi non vuol vedere resta all’oscuro dei fatti del mondo o resta ingannato dalle versioni ad usum delphini.

        Piace a 1 persona


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: