c’è ladro e ladro (mettiamo a confronto due film)

Ci sono film talmente brutti che mi rifiuto di recensirli. Ce ne sono talmente belli che non vedo l’ora di comprare il dvd.

Appartiene alla prima categoria un film italiano uscito nelle sale nel dicembre 2021.

Nella seconda categoria inserisco IL RITRATTO DEL DUCA (THE DUKE) che abbiamo visto sabato sera.

In entrambi i casi si parla di furti. Dove per furto si intende l’appropriazione di un bene altrui, che può essere un gioiello conservato in una cassaforte o un dipinto di Francisco Goya esposto nella National Gallery di Londra.
robado

Ribadito che la differenza qualitativa tra i 2 film è abissale (forse perché Miriam Leone non è Helen Mirren e Jim Broadbent è qualche gradino più in su di Luca Marinelli) concludo con una semiseria considerazione su come il furto sia visto diversamente tra i sudditi della Regina e noi italieschi.

In Inghilterra Robin Hood è quasi un eroe nazionale. E non per caso il protagonista di THE DUKE (si chiamava Kempton Bunton e morì nel 1976) segue assiduamente la serie TV The adventures of Robin Hood.

Aggiungo che un altro famoso furto (descritto nel film THE FIRST GREAT TRAIN ROBBERY, 1978) descrive il superladro (Sean Connery) con grande simpatia.

Da noi i ladri non sono altrettanto simpatici, si chiamino Diabolik o Bettino Craxi. Ci siamo abituati a pensare che la vita sociale del nostro Belpaese sia un’interminabile guerra di ladri contro ladri.
bolikduc

POST SCRIPTUM. Nei titoli di coda vediamo James Bond ammirare il quadro di Goya. Stavolta Connery interpreta il “buono” e quindi sarà il ladro a fare una brutta fine.
goya

Published in: on marzo 7, 2022 at 10:51 am  Comments (2)  

The URI to TrackBack this entry is: https://ilbibliofilo.wordpress.com/2022/03/07/the-last-station/trackback/

RSS feed for comments on this post.

2 commentiLascia un commento

  1. Robin Hood è un eroe anche in Italy.
    L’unico furto veramente odioso per gli Italians è il pagamento delle tasse.

    Piace a 2 people

    • Infatti l’evasione fiscale da noi è altissima
      Secondo i dati dell’Ocse l’Italia può essere considerata un “paradiso fiscale” (basta conoscere un commercialista in gamba)

      "Mi piace"


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: