Sull’orlo della guerra (strane analogie tra un film con Jeremy Irons e la crisi ucraina)

Tempo fa ho visto in tv un film inglese, intitolato MUNICH – THE EDGE OF WAR.

Non è un gran che. Nonostante la presenza di attori di vaglia come Jeremy Irons (interpreta Neville Chamberlain) e Ulrich Matthes (interpreta Hitler) nel film c’è poco ritmo e il finale è veramente loffio.

Ma ci sono delle analogie con quello che sta combinando lo Zar di tutte le Russie che mi sembrano degne di considerazione.

Cosa succede nel film:

    • nel settembre del 1938 Hitler minaccia la guerra; il pretesto è la regione dei Sudeti al confine cecoslovacco, abitata da gente di etnia tedescasude

Cosa è successo finora in Ucraina? lo Zar di cui sopra ha invaso la Crimea e altre province russofone

Nel film si prepara frettolosamente un incontro tra Hitler, Mussolini, Chamberlain e Daladier; Hitler dice “datemi i Sudeti e non chiederò mai più altri territori”; Chamberlain e Daladier credono (o fingono di credere) alle sue promesse.

Pochi mesi dopo (marzo 1939) Boemia e Moravia sono invase dai tedeschi. Vatti a fidare…

Poi fu la volta della Polonia, della Danimarca, della Norvegia, della Francia ecc.

Ora mi domando siamo sicuri che lo Zar delle mie ciabatte si accontenterà dell’Ucraina?

Se seguirà l’esempio di Hitler continuerà con la Moldavia? o con la Lituania? o con Finlandia, Estonia e Lettonia? (sono in offerta speciale).

Published in: on febbraio 28, 2022 at 1:02 PM  Comments (16)  

Nomination per gli attori non protagonisti (a cura della segreteria dello Specchio Magico)

Jesse Plemons e Jodi Smit-McPhee sono candidati all’Oscar (la cerimonia avrà luogo il 27 marzo prossimo venturo). Prima di pronosticare a chi andrà la statuetta per il Best Supporting Actor elenchiamo alcuni esempi di attori che hanno ottenuto la nominescion recitando nello stesso film.

  • Rod Steiger, Lee J. Cobb, Karl Maiden; FRONTE DEL PORTO (1954)
  • Al Pacino, James Caan, Robert Duvall; IL PADRINO (1972)
  • Robert De Niro (che beccò la statuetta) Michael Gazzo, Lee Strasberg; IL PADRINO PARTE SECONDA (1974)
  • Maximilian Shell, Jason Robards; JULIA (1977)
  • Jack Nicholson (anche lui vinse l’Oscar), John Lithgow; VOGLIA DI TENEREZZA (1983)
  • Joaquin Phoenix; IL GLADIATORE (2000)
  • Woody Harrelson, Sam Rockwell (anche lui oscarizzato); TRE MANIFESTI A EBBING – MISSOURI (2017)
  • Al Pacino, Joe Pesci; THE IRISHMAN (2019)

Da questo elenco (chiedendo scusa per le omissioni) si deduce che sono nominati attori di notevole spessore (ben introdotti in quella babilonia chiamata Hollywood) che erano stati scelti per il cast di grandi film.

A chi la statuetta dunque?

Prevediamo la vittoria per il giovane Jodi Smiteccetera. La sua interpretazione del personaggio di Peter Gordon (personaggio molto complesso come descritto qui) è davvero notevole.
smit

Published in: on febbraio 23, 2022 at 12:39 am  Comments (3)  

SPECCHIO, SPECCHIO CHE NON HAI MAI L’AFFANNO, A CHI ANDRANNO GLI OSCAR DI QUEST’ANNO?

Risponde la segreteria telefonica dello Specchio Magico. Siamo momentaneamente assenti.

Se volete il nostro pronostico su quale attore o quale attrice saranno premiati con la statuetta dorata attaccatevi al tram aspettate i prossimi post.

Per la categoria miglior film possiamo solo segnalarvi questi 2.
updog

Cominciamo (in ordine alfabetico) con DON’T LOOK UP.

  • è un disaster movie che si conclude con l’estinzione della specie umana (un migliaio di privilegiati fuggono su un pianeta lontano, ma faranno comunque una brutta fine; tra loro il presidente USA, interpretato da Meryl Streep)
  • ma è anche una satira feroce del mondo moderno, dominato dallo show business e dal potere economico
  • aggiungiamo l’insensibilità dei politici per i problemi della scienza: i vertici della Casa Bianca sono informati dall’astronomo Randall Mindy (Leonardo di Caprio) che una cometa sta per scontrarsi con il nostro pianeta, ma prendono tutto alla leggera; evidente allusione al problema dei cambiamenti climatici

Particolarmente grottesco il personaggio di Peter Isherwell, caricatura di Elon Musk (è interpretato da Mark Rylance).

E’ un miliardario genialoide, creatore tra le altre cose di un algoritmo in grado di predire in che modo ciascuno di noi morirà. Ad esempio in che modo morirà Randall Mindy? “Lei morirà solo come un cane!” (profezia che non si verificherà) “E io?” chiede il Presidente. “Lei sarà divorata da un Bronteroc” (e sarà proprio così)

IL POTERE DEL CANE è molto più realistico.

In un enorme ranch del Montana vivevano (nel 1925) i 2 fratelli Burbank. George (Jesse Plemons) sposa la ancora piacente vedova Rose (Kirsten Dunst), mentre suo fratello Phil (Benedict Cumberbatch) non è attratto dal sesso femminile per motivi che appariranno chiari nella seconda metà del film.

Phil maltratta la cognata e il di lei figlio Peter (studente di medicina). Chi li difenderà? Non certo George, gentile ma succube di Phil.

Ci pensa proprio Peter: ha scoperto, nascosta in un vallone, una mucca morta di un’infezione nota come carbonchio; lui sa, grazie ai suoi studi, che quell’infezione è pericolosissima anche per l’uomo, perciò usa molte precauzioni, come i guanti. Ma quando vede che Phil si è infettato non lo avvisa del pericolo. Tecnicamente non è un omicidio, ma di fatto sì.

Domanda finale. Qual è il protagonista del film? Phil? Rose? Peter? O forse è il maestoso panorama delle montagne (dovrebbero essere le Rocky Mountains; in realtà hanno girato sia gli interni che gli esterni in Nuova Zelanda e su quelle cime ci si aspetta di veder spuntare da un momento all’altro Bilbo Baggins e i suoi 13 compagni d’avventura)
hobbit

Published in: on febbraio 20, 2022 at 9:08 am  Comments (4)  

Poirot sul Nilo (confronto tra il film del 1978 e quello del 2022)

Mi sono procurato (grazie a Balboni, il re dei videonoleggiatori) il dvd di ASSASSINIO SUL NILO (1978)
nilopooo

Cosa che mi ha permesso di effettuare un confronto con la versione del 2022, appena uscita nelle sale.
nilassassin

Quale versione mi è piaciuta di più? Difficile dirlo.

Se considero la bravura del cast meglio quella del 1978. Attori e attrici di ottimo livello: Peter Ustinov (il protagonista), David Niven, Mia Farrow, Bette Davis, Maggie Smith, Jane Birkin, Angela Lansbury ecc

Ma la versione 2022 ha molti punti a suo favore. Fin dall’inizio ci accorgiamo che il mondo è sull’orlo del baratro (siamo nel 1937) e che il sangue versato sul KARNAK è il simbolo di una guerra terribile.

Riprendo il dvd di Ustinov e compagnia. Si godono la pace in un Egitto (protettorato britannico apparentemente lontano dai guai). E’ un ben ordinato paese delle vacanze: alberghi di lusso, feste e crociere… più che il Cairo sembra Montecarlo.

La versione del 2022, al contrario, inizia sui campi di battaglia della Prima Guerra Mondiale. Poirot viene ferito (i famosi baffi servono a coprire le cicatrici sul labbro. E sospirando profetizza che il peggio deve ancora arrivare…

Post Scriptum. Non vi racconto come va a finire. Un po’ perché anche i sassi conoscono la trama, un po’ perché ho promesso a me stesso di non spoilerare. Ad esempio non dirò che del triangolo LEI (Linnet) LUI (Simon) e L’ALTRA DONNA (Jacqueline) nessuno arriverà vivo alla fine della crociera no! ho spoilerato anche stavolta!!!

Published in: on febbraio 17, 2022 at 5:08 PM  Comments (10)  

un regista APEG, molto APEG

Melvin James Kaminsky, in arte Mel Brooks, è un esempio perfetto di APEG (Avrebbe Potuto Essere Grande).
mel
Ha diretto dei veri capolavori:

MEZZOGIORNO E MEZZO DI FUOCO (1974)

FRANKENSTEIN JUNIOR (1974)

SILENT MOVIE (1976)
saddlesfrankmovi
ma anche fetecchie clamorose: LA PAZZA STORIA DEL MONDO, BALLE SPAZIALI, ROBIN HOOD – UN UOMO IN CALZAMAGLIA, ALTA TENSIONE, DRACULA MORTO E CONTENTO.

 

Published in: on febbraio 12, 2022 at 11:36 am  Comments (3)  

Hotel Paradiso

Ieri sera sono morto. Mi sono presentato all’entrata del paradiso…
parad
…ma non mi hanno fatto entrare.

Un arcangelo in tuta mimetica con i gradi di generale di corpo d’armata mi ha spiegato che senza il Green Pass Supermaggiorato ai sensi dell’art.763 quater del D.P.C.M. in fila per 6 col resto di 2 ecc ecc non avevo diritto di accesso.

Io avevo solo un Greenpass light (con poca caffeina). Al massimo potevo accomodarmi al bar e consumare in piedi.

Però il barista era bolognese. E noi bolognesi siamo una specie di mafia: ci aiutiamo sempre.
verdmarcondal
In breve abbiamo risolto il problema. Una reincarnazione! Potevo rinascere e procurarmi (col tempo) i documenti necessari.

Però mi resta un ultimo dubbio. Reincarnarmi con un codice genetico perfetto (senza difetti neanche lievi) o nascere in casa di Matteo Salvini?
salv
Ci devo pensare.

Published in: on febbraio 10, 2022 at 12:37 am  Comments (6)  

mi ha telefonato papa Francesco, a proposito di THE WOLF OF WALL STREET

(premessa essenziale; ripubblico il testo di una telefonata di 8 anni fa… perché Fazio sì e io no? fine della premessa essenziale)

Mi ha chiesto se mi era piaciuto.

-Claro que sì! Me gustò mucho…-

Parla in italiano, patacca! Sono oriundo piemontese, siamo paesani…-

-Santità… Francesco… vorrei chiederti in confidenza… tu non disapprovi questo film?-

-NON è certamente uno spettacolo edificante, però non è noioso!-

-Dimmi, Francesco: qual è la cosa peggiore de esta historia? Voglio dire tra l’elogio della masturbazione, l’infedeltà coniugale, la truffa sistematica, la frode fiscale, il tradire gli amici…-

-Sin duda lo peor es la FRODE! Tutto quel denaro entra nelle tue tasche senza che tu abbia lavorato, abbia prodotto ricchezza… ciò significa che tu lo stai portando via agli altri, ricchi o meno ricchi che siano! Si ahora todo el mundo està en la mierda lo dobbiamo a questi ladri! Questo lo spiega molto bene MARGIN CALL (dove non si fanno de coca, ma sono ancora più ladri) e chissà per quanto tiempo dovremo ancora scontar le malas actiones de estos sinverguenzas cabrones hijos de pu…-

E’ caduta la linea. Meglio così, la sua collera stava diventando imbarazzante.
papa

Published in: on febbraio 7, 2022 at 10:18 am  Comments (7)  

In un universo parallelo esiste un festival parallelo?

Era molto che non vedevo Sanremo. Ricordo che l’ultima volta si discuteva sulle possibilità di Bartali di vincere il Tour.
bartComunque mi sono addormentato quasi subito, dopo che gli artigiani romagnoli avevano fatto salire un gatto tigrato sul loro sofà, che un bimbo aveva gironzolato a bordo di una nave sotto un cielo meravigliosamente azzurro e in un mare liscio come l’olio (chiedete se si è divertito a chi è andato in crociera col mare mosso) e auto luccicanti avevano percorso strade assolutamente vuote (a me non succede mai!)

Insomma ho chiuso gli occhi e ho sognato di trovarmi in un universo parallelo.

In questo universo c’era, ovviamente, un festival parallelo della canzone. Questi i brani in programma:

  • di Greta Thunberg SKOLSTREJK FOR KLIMATET; canta Greta Thunberg
  • di Titti MI E’ SEMBLATO DI VEDERE UN GATTO; canta Titti il Canarino
  • di Nitro, Glicerina e Dinamite BUM!!!; canta Alfred Nobel
  • di Shakespeare, Othello e Jago NON TI HO TRADITO; canta Desdemona
  • di Rousseau, Voltaire, Marat, Robespierre BRIOCHES; canta Maria Antonietta
  • di Platone, Senofonte, Trasillo, Erasinide, CICUTA; canta Socrate
  • di Savoia, Cavour e Ninobixio, QUI SI FA L’ITALIA; canta Giuseppe Garibaldi
  • di Guicciardini, Soderini, Machiavelli, TU UCCIDI UN UOMO MORTO, canta Francesco Ferrucci
  • di Titolivio, Svetonio, Curziorufo, Sallustio, ANCHE TU FIGLIO MIO; canta Giulio Cesare
  • di Copernico, Cheplero e Bellarmino, EPPUR SI MUOVE; canta Galileo Galilei
  • di Nenni, Saragat, De Martino, Tanassi, Brodolini, CONVERGENZE PARALLELE; canta Aldo Moro
  • di Cappuccetto Rosso e Lanonna, CHE GRANDI OCCHI HAI; cantano i Fratelli Grimm
  • di Kant, Fichte, Hegel, Feuerbach, Schopenhauer, CHISSA’, MAGARI DIO C’E’; canta Nietzsche (il titolo originale non era questo, ma c’era il copyright di Guccini)
  • di Andreacosta, Bakunin e Di Vittorio, SCIOPERO; canta Maurizio Landini
  • di Bassetti, Locatelli e Pregliasco, MASCHERINE; cantano i Green Pass
Published in: on febbraio 4, 2022 at 12:38 am  Comments (2)