Quando negli USA viene eletto un nuovo presidente cambiano molte (troppe) cose…

L’altro giorno rispondevo a un commento del mio coetaneo CESARE e mi chiedevo perché la loro politica estera è così superficiale.

La prima cosa da dire riguarda la tradizione di cambiare i capi della diplomazia, delle forze armate, della CIA e di altri delicatissimi uffici tutte le volte che cambia l’inquilino della Casa Bianca.

Ad esempio nel Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite siede in permanenza un rappresentante USA. E’ importantissimo che quel seggio sia occupato da una persona saggia e particolarmente capace.
sicurezz
Attualmente è Linda Thomas-Greenfield. La quale Thomas-Greenfield è stata nominata da Biden meno di sei mesi fa (il 25 febbraio, per la precisione) dopo essere stata ambasciatrice in Liberia e (soprattutto) dopo aver manifestato più volte opinioni anticinesi.

Non vorrei essere frainteso. I cinesi non piacciono neanche a me. Sono dei tiranni e schiacciano ogni dissenso nel Tibet, a Hong Kong e nei territori uiguri.

Ma la diplomazia non si basa sulla Bibbia. Buoni da una parte, cattivi dall’altra. Un vero diplomatico deve leggere Machiavelli, non l’Antico Testamento.

E cosa direbbe Machiavelli a Biden?
nicolbide

Direbbe “vedi, Joe, un conto è l’Africa e un conto è l’Asia; l’Afghanistan è in Asia e confina con la Cina; tu devi trovare un accordo con i cinesi, come fece il mio ammiratore Henry Kissinger, e ristabilire l’equilibrio nella regione; quanto a madama Linda sarà opportuno rimandarla in Liberia”

Published in: on agosto 18, 2021 at 12:25 am  Comments (4)