Cinema in sala, finalmente!!!! (in appendice, quiz cinefilo)

Cinema Rialto, ore 16.45. C’è la fila per vedere NOMADLAND.

Ormai l’abbiamo visto tutti (lo passano anche in tv, a pagamento) ma un conto è vederlo sul piccolo schermo e un conto è spalancare gli occhi davanti a tanta bellezza.
land

Almeno per me il cinema non è un insieme di primi piani e dialoghi più o meno noiosi tra coppie in crisi.

In questo film lo sguardo degli spettatori è affascinato da panorami immensi, con albe e tramonti indimenticabili tra il Dakota e l’Arizona, tra i deserti del Nevada e la spiaggia dell’oceano.

Ci sono anche dialoghi, naturalmente, come quello in cui si distingue tra houseless e homeless. House è un edificio stabile e home è una casa: la protagonista diventa nomade e non ha più house, ma la sua home se la porta dietro. Ma, torno a dirlo, la gioia degli occhi cinefili non è nei dialoghi.

Mi fermo qui, consigliando a tutti di vederlo e rivederlo sul grande schermo adesso che si può.

Post scriptum. Vedendo Fern (interpretata dalla bravissima McDormand) abbandonare il Nevada col suo camper mi è tornata in mente Polly che molti anni prima aveva lasciato alle spalle il paesotto di Climax (Nevada) in cerca di fortuna. Vi ricordate in quale film?

Aiutino. Polly non usa un camper, ma una roulotte.
nomad

Published in: on Maggio 3, 2021 at 9:39 am  Comments (1)  
Tags: ,