TANA LIBERA TUTTI, ovvero I delitti del Barlume all’epoca della pandemia

Le avventure di Massimo, Tiziana, del commissario Fusco e dei 4 terribili vecchietti del BarLume (e di tutta la compagnia) mi piacevano nei primi anni

Adesso un po’ meno.
balume
I primi episodi erano sostanzialmente dei “gialli” con qualche battuta fulminante (“se vuoi perdere peso tagliati una gamba! per quello che ti serve!”)

Poi, progressivamente, l’intreccio poliziesco è diventato un pretesto.

Contava più che altro l’intreccio erotico. Ad esempio Massimo è il padre del piccolo Ampelio, figlio di Tiziana (“mater certa est, pater mica tantum”)? E perché la Fusco non si è mai sposata? Le fanno schifo gli uomini? (vabbè, c’è stata una sveltina con il Viviani; ma poca roba)

E si arriva all’ultimo episodio, andato in onda lunedì sera: TANA LIBERA TUTTI

Dove si toccano argomenti più seri. Assistiamo all’inizio dell’epidemia. Tassone, capo della polizia, non prende sul serio la tosse insistente del suo autista. “Cosa vuoi che sia? Prendi un’aspirina e passa tutto…”

Poi Tassone abbraccia la Fusco e la frittata è fatta.
tasson

Finale ottimista. Arrivata l’estate anche al Barlume si tolgono la mascherina e servono cocktails ghiacciati ai tavolini.

Liberi tutti?

Era meglio esse più prudenti, maremma boia!
balume

Published in: on gennaio 20, 2021 at 12:15 PM  Comments (3)