my name is Zellweger, Renée Zellweger

Se non l’avete già visto vi segnalo JUDY che andrà in onda domenica sera. Canale SKY CINEMA 2.

Non è un capolavoro assoluto, secondo me, ma l’interpretazione della Zellweger basta da sola a scatenare l’applauso. Anche i giurati dell’Academy decisero così.

Intanto ripubblico, con doverose aggiunte, il post del 2012 in cui chiedevo ai miei followers di scegliere quale interpretazione di RZ fosse piaciuta di più.

(rileggendola mi accorgo di essere stato un po’ frettoloso; ma, sapete, aspettavamo la fine del mondo…)

Artista molto versatile. Renée sa cantare e ballare (è stata un’eccellente ginnasta da giovane) e si impegna sia nella commedia che nel dramma. Da un po’ di tempo non le affidano ruoli veramente importanti.

Ma ho sentito dire che è in cantiere un Bridgetgions 3 (Renée sarà contesa ancora una volta tra i quasisessantenni Colin e Hugh?) E adesso vediamo chi la vota in

  • JERRY MAGUIRE (1996; Dorothy è la giovane segretaria di Jerry, procuratore sportivo che rischia di fallire perché troppo idealista; happy end)
  • BETTY LOVE (2000; Betty si ritrova vedova dopo meno di un quarto d’ora e alla fine la troviamo in un bar di Trastevere dove si diverte un mondo ad ascoltare se stessa doppiata in italiano)
  • IL DIARIO DI BRIDGET JONES (2001; Bridget si sente insicura e poco ammirata, ma poi arriva mr. Darcy; nomination all’oscar)
  • CHICAGO (2002; Roxie uccide l’amante, viene difesa in un processo grottesco da un cinico avvocato e conclude come stella dello showbiz; nomination all’oscar)
  • COLD MOUNTAIN (2003; Rubynon nipote di Mubarak– si tira su le maniche per aiutare un’amica in difficoltà; premio OSCAR)
  • CHE PASTICCIO, BRIDGET JONES (2004; Bridget impara a sue spese che se vai in Thailandia e qualche “amico” ti affida un souvenir da mettere nella TUA valigia è difficile che dentro ci sia il borotalco)
  • MISS POTTER (2006; Beatrix Potternon parente di Harry– litiga con la famiglia, diventa scrittrice e soprattutto illustratrice di successo, si impegna per la salvaguardia dell’ambiente del Lake Discrict e sposa il suo avvocato)
  • IN AMORE NIENTE REGOLE (2008; Lexieniente a che fare con un cane scozzese dal pelo lungo– è una giornalista che indaga negli anni Venti su un famoso campione del football americano; alla fine se ne va in motocicletta con G. Clooney)
  • CASE 39 (2009; Emily, assistente sociale, è nei guai fino al collo; ha ottenuto dal tribunale l’affidamento di Lilith, bambina di 10 anni, che sembra un angioletto…)
  • BRIDGET JONES’S BABY (2016; Bridget, a 43 anni, aspetta un bimbo! solo nell’ultimissima scena saprà chi è il papà)

E adesso è arrivata Judy.

Credete a me. E’ un Oscar strameritato. La sua interpretazione migliore, direi.

zellcoldchicago

Published in: on agosto 8, 2020 at 8:27 am  Comments (14)  
Tags: , , , ,

NUOVE REGOLE PER I VIAGGI ESTIVI (prendete nota)

Ora possiamo viaggiare! Anche all’estero!

Halleluiah!!!!
viagg

Ma fate attenzione! Ci sono nuove regole da rispettare! Vi riassumo le più semplici; per quelle scritte in piccolo ci vorrebbe troppo tempo (fatevi accompagnare dal vostro avvocato quando andate all’agenzia dei viaggi)

    • TRENI AD ALTA VELOCITA’ – Nei giorni con la R (martedì, mercoledì e venerdì) si possono occupare tutti i posti; negli altri (lunedì, giovedì, sabato e domenica) è disponibile il 50% dei posti. I passeggeri nel cui cognome compare la lettera O possono prenotare i posti accanto al finestrino. Gli altri si attaccano al cazzo si arrangino.
    • TRENI INTERREGIONALI – I posti accanto al finestrino sono riservati a chi alza di più la voce. E’ tassativamente vietato gettare gli altri passeggeri dal treno in corsa (aspettate di essere fermi in stazione per farlo). Per intimidire il controllore con armi da taglio o da fuoco è necessario il Porto d’Armi o documento equipollente.
    • AEREI – Valgono le stesse regole dei TAV, con la differenza che i passeggeri il cui nome contiene tutte le 5 vocali (Aurelio o Fioraluce) possono salire a bordo anche all’ultimo istante e sloggiare chi era seduto lì (in questo caso i passeggeri sloggiati possono prendere il volo successivo con un piccolo sconto o viaggiare in stiva avvolti in una coperta offerta dalla Compagnia)
    • NAVI DA CROCIERA – Qui le regole sono più semplici. I croceristi che russano o non usano abbastanza deodorante saranno perentoriamente invitati a viaggiare su apposite scialuppe a rimorchio della nave. Nell’Oceano Indiano o al largo del Vietnam è vietato sparare alle imbarcazioni da pesca (non vale dire: credevo fossero pirati). Un consiglio: accertatevi che il Comandante non appartenga alla famiglia Schettino.
    • TRAGHETTI (tipo Livorno-Olbia o Napoli-Palermo) – Valgono le stesse regole dei treni interregionali con qualche piccola differenza. Non si possono gettare in mare i minorenni se non indossano regolare salvagente; è assolutamente proibito gettare in mare donne in stato di gravidanza; in compenso ci si potrà divertire a salutarle al momento dello sbarco con pittoresche esclamazioni, tipo ciao bella gnocca! o ci rivediamo tra 9 mesi! o salutaci quel cornutone di tuo marito!

tavmsctragh

LA GRANDE FUGA (sotto le stelle)

La passione cinefila non conosce ostacoli. Nonostante il rischio di pioggia domani sera sarò davanti al maxischermo di Piazza Maggiore.
piazz
E’ in programma LA GRANDE FUGA. Non un capolavoro, a dirla tutta, ma merita di essere rivisto.

Se piove mi coprirò la testa. E poi non si paga. A film donato non si guarda in bocca.
bocca
Come dicevo LA GRANDE FUGA non è il più bel film della storia americana (dopo vi riassumo la trama). E neanche il miglior film del 1963: in quell’anno potevo vedere sullo schermo TOM JONES, IL GATTOPARDO, IRMA LA DOLCE, GLI UCCELLI, LE MANI SULLA CITTA’ e 8e1/2.

Però suscita in me ricordi gradevoli e mi permette mi scrivere la seguente barbosissima considerazione storico politica. Dopo che JFK era andato a Berlino a dire ai tedeschi che lui era ein berliner era diventato di moda contrapporre i cattivi nazisti (SS, Gestapo, ecc) ai cavallereschi ufficiali tedeschi che dicevano Heil Hitler ma con molta riluttanza.

Qui c’è un colonnello della Luftwaffe che è il più riluttante di tutti e si capisce alla fine che il suo antinazismo gli costerà carissimo. Von Luger dirige un lager per aviatori anglosassoni che sembra un villaggio vacanze. I detenuti possono fare sport, ricevono pacchi dalla Croce Rossa e possono organizzare una festicciola il 4 luglio, giorno dell’Indipendenza.
escap

Ma ovviamente la libertà è il bene più prezioso e tutti sono pronti a rischiare la vita. Dopo una lunga organizzazione si fugge in massa, ben sapendo che il fallimento equivale alla morte. Infatti quasi tutti saranno presi e eliminati dalle SS alla faccia della Convenzione di Ginevra. Pochissimi taglieranno il traguardo.

POST SCRIPTUM

Quentin Tarantino adora questo film e si è divertito come un riccio a modificare una scena con l’aiuto della tecnica digitale: al posto di Steve Mc Queen a sfidare la disciplina del lager c’è L. Di Caprio.
leonadr

Published in: on agosto 2, 2020 at 1:03 PM  Lascia un commento