VENGO ANCH’IO? (come una bella canzone viene oltraggiata dalla pubblicità)

Quello che penso della pubblicità l’ho già detto qui, qui, qui e qui. Alle tante nefandezze della pub se n’è aggiunta una nuova.

Per la verità non è tanto nuova: mi è capitata tra i piedi durante il mese scorso, ma riaffiora nei miei peggiori incubi.

Ve lo ricordate quel motivetto allegro che Enzo Jannacci portò al successo negli anni ’60?
notun

E’ una serie di strofe surreali che iniziano sempre con le parole Si potrebbe andare tutti quanti…

Alla fine partiva il ritornello: Vengo anch’io! (qui la voce Iannacci diventava stridula)

NO, TU NO!!!!

Ma perché? (voce stridula)

PERCHE’ NO!!!!!

Tutto sommato è una canzone triste.

Anche se il motivetto e l’orchestrazione sono allegri, è una storia triste. La storia di un emarginato che vorrebbe unirsi al gruppo, ma gli sbattono la porta in faccia.

Mi è capitato di risentire quel ritornello nella pubblicità di un supermercato. Ma il senso era totalmente stravolto.

No, tu No! diventa Sì, tu sì.

L’amarezza di chi si sente sbattere la porta in faccia (sensazione che tutti abbiamo provato almeno una volta) diventa l’entusiasmo di chi va a fare la spesa, riempiendo il carrello e ascoltando Antonella Clerici che canterella sì tu sì.

Vi sentite infelici, non vi fila nessuno, vi sbattono la porta in faccia? Niente paura! C’è sempre la risorsa del carrello pieno nel mondo fasullo della pubblicità.

Un mondo dove tutti sorridono, le donne sono appena uscite dal parrucchiere, e gli uomini sono perfettamente rasati.
mik

Published in: on luglio 26, 2020 at 11:31 am  Comments (3)  

The URI to TrackBack this entry is: https://ilbibliofilo.wordpress.com/2020/07/26/vengo-anchio-come-una-bella-canzone-viene-oltraggiata-dalla-pubblicita/trackback/

RSS feed for comments on this post.

3 commentiLascia un commento

  1. Ahah, in effetti quello spot è davvero odioso ma evidentemente oggi la massa chiede questo, triste a dirsi.
    Curiosità: dove nasce il nome del tuo blog? Mi riferisco alle uova fritte.

    Piace a 1 persona

    • A domanda rispondo. Quando ho varcato la soglia della pensione Alberto (my son) mi consigliò di bloggare. “Parla di tutto quello che ti piace o non ti piace. Scegli un nome originale”.
      In un momento di malumore avevo pensato di trattare solo di quello che detesto e di intitolare MI SONO ROTTO IL CAZZO.
      Poi ho pensato che ci sono anche cose buone nel mondo: Mozart, i film di Kubrick, il recioto amarone della Valpolicella, il gulash ungherese…
      Così chiamai GULASH il mio blog. In seguito ho cambiato titolo perché le uova le so cucinare, ben accompagnate dal bacon

      "Mi piace"

      • Grandioso! Soprattutto il nome che hai scartato, forse sarebbe stato davvero “too much!”.
        Comunque tuo figlio ha avuto un’ottima idea. Concordo sul recioto… del bacon invece non posso parlare, essendo vegetariana da 25 anni! 😱😂

        Piace a 1 persona


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: