Fake receipts e fake marriages (dalla seconda lettera di Silvio agli Stati Generali)

Nella mia lettera precedente avevo delineato a grandi linee il progetto di sanare il bilancio statale con la regolarizzazione del puttanesimo di un’antica attività economica. Ogni libera professionista avrà la sua partita IVA, rilasciando regolarmente scontrini ecc

Non nascondo che ci saranno difficoltà.

Immaginate la scena. Tornando a casa il marito/convivente (con l’espressione leggermente ebete che abbiamo quando abbiamo ciulato assaporato le semplici gioie della vita) viene affrontato dalla moglie/fidanzata/figli (anche loro rompono le balle qualche volta).

“Dove sei stato? Perché non rispondevi al telefono? Non raccontare bugie perché io voglio la verità, per amara che sia!” (dicono sempre così… e poi sono dolori!)

-Ero al concerto! Questo è il programma: Capriccio spagnolo di Rimsky Korsakov e lo Schiaccianoci di Cajkovskij (op. 71)-

E il marito/convivente esibisce il programma. Che in realtà è lo scontrino fiscale (detto anche ricevuta) rilasciato a norma di legge dalle mignottone operatrici fisiotirapippe.

L’entità della prestazione e altre informazioni sono contenute nel codice a barre, ben nascosto in un angolo.
capriccioschiacc
Se però il marito/convivente è noto in tutto l’universo e in altri luoghi per la sua scarsa cultura musicale si può ricorrere a un altro tipo di scontrino: il fake museum ticket, dove il costo della prestazione saranno indicati nel codice a barre ecc.

sax

Ma posso asserire per mia esperienza personale che qualsiasi moglie/convivente/concubina di intelligenza media o superiore scoprirà presto il trucco.

Sono certo che tutto sarà più semplice quando in futuro sarà abolito il matrimonio (niente più scontrini fiscali travestiti da biglietti del museo, niente più scenate di gelosia)

Per il momento si potrebbero organizzare fake marriages (matrimoni per modo di dire) in appositi saloni. Sarebbero in sostanza delle cene molto eleganti in cui la sposa e le damigelle per non arrivare in ritardo (sono sempre incerte su cosa mettersi addosso) non si mettono niente e si risparmia tempo.
gomorra
silv
Nessuna fake bride è stata molestata nella stesura di questa lettera o, se è stata molestata, l’abbiamo pagata bene.

Published in: on giugno 17, 2020 at 4:55 PM  Lascia un commento