LA VITA BUGIARDA DEGLI ADULTI, storia di sesso, vangeli e braccialetti

Era un po’ di tempo che volevo comprarlo (nonostante i pareri negativi di alcuni conoscenti). Poi è arrivato il virus e ho dovuto rimandare ancora.

Finalmente il mio libraio preferito ha riaperto.
ferran

Eccolo qui, dunque, tra le mie mani.

L’ho letto avidamente e adesso ve lo riassumo.

A Giovanna (che all’inizio della storia va alle medie) la zia Vittoria è sempre stata descritta come una mala persona, brutta sporca e cattiva.

Ma non gliela raccontano giusta. Vittoria non è una santa, ha il turpiloquio facile e per descrivere alla nipote gli amplessi con il suo amato Enzo impiega centinaia di parole (potete contarle tra le pag.72 e 73). Però ha buoni motivi per disprezzare il fratello, padre di Giovanna. Questioni di soldi, di una piccola eredità contesa e di un braccialetto che nel corso del romanzo passerà da un polso all’altro.

Vittoria è una donna disinibita, ma pia. Disapprova il fatto che sua nipote non sia stata battezzata e si dà molto da fare in parrocchia (pag.107-112).

Nella quale parrocchia Giovanna conosce don Giacomo, “prete scomodo” che alla fine se ne va in Colombia dove forse sarà apprezzato dalle gerarchie locali.

E conosce Roberto, giovane ma già famoso intellettuale (è solo una mia impressione o l’autrice si è ispirata a Roberto Saviano?)

Sarà per poter parlare con il fascinoso Roberto, sarà per qualche altra ragione Giovanna si tuffa nella lettura dei Vangeli (praticamente non li conosceva) e si fa una cultura religiosa che lèvati.

Contemporaneamente pianifica la propria deflorazione che viene descritta alle pagine 323-325.

Volete sapere come finisce? Se Giovanna è stata soddisfatta pienamente? E dove è andato a finire il braccialetto? Beh, vi tocca leggere il libro.
Niente spoiler stavolta, spiacente.
spoil
P.S. La storia è ambientata alla metà degli anni 90. In quegli anni erano molto di moda Fukuyama e il suo saggio LA FINE DELLA STORIA… e poi nessuno dei personaggi si fa mai un selfie!

Published in: on aprile 16, 2020 at 9:15 am  Comments (2)  
Tags: , ,