IL DOTTOR STRANAMORE, OVVERO: COME IMPARAI A NON PREOCCUPARMI E A EVITARE LA DIARREA SANREMESE

strange

Siano lodati i fratelli Lumiere per aver creato il cinema!

E sia lodato il cinema Lumiere di Bologna che ha programmato i capolavori di Kubrick. Applaudo l’iniziativa, promossa negli stessi giorni della diarrea del festival.

DOTTOR STRANAMORE è uno dei miei preferiti. Ho il dvd e lo so praticamente a memoria. Conosco le 3 lettere del codice segreto che fermerebbero l’Apocalisse (mai che mi chiamino… ma il film finirebbe troppo presto) e so a che punto il presidente Muffley dirà “il mio interesse a quello che lei crede possibile o impossibile, generale, diminuisce di minuto in minuto”

Ma ho voluto vederlo in sala perché il cinema ha bisogno del grande schermo, cazzo! poffarbacco!

Quanto ai difetti che Tullio Kezich e Giovanni Grazzini trovarono in STRANAMORE rimando a un mio vecchio post

In sintesi, per loro non era abbastanza rivoluzionario. Nella loro ingenua attesa della Rivoluzione si aspettavano che Kubrick, dopo ORIZZONTI DI GLORIA e SPARTACUS, si sarebbe impegnato politicamente “buttandosi a sinistra”. Cosa che non avvenne.

Dopo la locandina riassumerò la trama (attenzione! pericolo di spoiler!)
pam
TRAMA. Scoppierà la Guerra e renderà inabitabile la crosta terrestre per un secolo. Da una parte un generale impazzito scatena un attacco nucleare all’URSS, dall’altra un leader megalomane ha predisposto (senza dirlo a nessuno) una rappresaglia automatica, inesorabilmente inarrestabile. Ma il genere umano non si estinguerà: uno scienziato nazista propone di salvare nel fondo delle miniere americane e russe una piccola percentuale di esemplari che naturalmente comprenderà le elites politiche e militari.

(nessun bombardiere strategico è stato molestato nella stesura di questo post)

Published in: on febbraio 5, 2020 at 9:41 am  Comments (2)