Ricostruire Venezia (dalla seconda lettera di Silvio Berlusconi agli operai di Taranto)

Carissimi, mi hanno informato che molti di voi non hanno accolto con favore le proposte da me avanzate la settimana scorsa

Tranquilli, ne ho una di riserva! (mi vengono continuamente, soprattutto dopo aver sniffato)

Come sapete io dispongo di qualche decina di ettari in Sardegna e non so cosa farne.
villa
Visto che Venezia sta per scomparire (non c’è Mosè che tenga, quando le calotte polari si sciolgono e il livello dei mari aumenta di almeno 3 metri) sto progettando di costruire una Venezia 2 intorno a Villa Certosa, che verrà ristrutturata per somigliare a Palazzo Ducale (le dimensioni sono simili).
null

Poi scaveremo un Canal Grande (magari un po’ più corto) e costruiremo una piazza San Silvio San Marco, un ponticello di Rialto ecc

(l’idea me l’hanno suggerita i mafios gli imprenditori di Las Vegas)
vegas

E cosa c’entriamo noi? (vi chiederete a Taranto)

Voi e le vostre famiglie potrete venire in Sardegna! Molto meglio lavorare come baristi, pizzaioli, gondolieri e croupiers (ci saranno i casinò, altroché se ci saranno!!!) che come operai e impiegati in quella acciaieria di merd in quell’ambiente malsano!

Prevengo l’obiezione. I turisti potrebbero trovare strano il vostro accento terron meridionale. Ma credete davvero che i bovari del Kansas, i petrolieri sauditi e i dirigenti del Partito Capitalista Comunista Cinese noteranno la differenza?
china

 

Published in: on novembre 18, 2019 at 4:36 pm  Lascia un commento  

LA “FAMOSA” INVASIONE DEGLI ORSI IN SICILIA – dal romanzo al film

Premessa. Prima si legge il libro, poi si va al cinema. Anche perché dopo aver visto le immagini sul grande schermo (disegnate maluccio, ve lo dico subito) passa la voglia di sfogliare le pagine di D Buzzati. Fine della premessa.
orsi

Merita i soldi del biglietto questo film? 

Sì, li merita. Ha due trovate interessanti:

  • diversamente dal testo di Buzzati la storia viene raccontata da un vecchio orso (doppiato dal compianto A. Camilleri) a due umani; il che può implicare che tutto quello che dice sia frutto della sua fantasia
  • nel film compare la giovane Almerina, un’umana che fraternizza con gli “invasori”; nel romanzo non c’è (adesso che ci penso nel romanzo di figure femminili non ce n’è neanche mezza)

Come dicevo, però, la grafica è modesta. Gli orsi, almeno prima di indossare vesti umane (di metà ottocento), sono tutti uguali, come sono tutti uguali i soldati del granduca.

Si ha l’impressione che i disegnatori avessero molta fretta. Non siamo a Hollywood, certo. Là possono pagare i disegnatori migliori del mondo (i nomi di Andrew Stanton e Lee Unkrich vi dicono qualcosa?) e realizzare capolavori come UP, TOY STORY 3, RANGO, INSIDE UP, ZOOTROPOLIS, COCO…

Ma anche in Europa ci sono bravi disegnatori. Ecco qualche esempio, preso da LE AVVENTURE DI SAMMY, LES MINIONS, THE QUEEN’S CORGI, TERRA WILLY.sammminidog

will

Dopo l’immagine riassumerò la trama per chi non teme gli spoiler.

orsicil

C’erano una volta tra le montagne di un’immaginaria Sicilia gli orsi di re Leonzio. Per ritrovare il figlio del Re, l’orsacchiotto Tonio, scesero a valle dirigendosi verso la capitale dove regnava il crudele Granduca.

Ucciso il Granduca, il nuovo Re provò a governare la Sicilia, ma la conclusione fu amara. Frequentando gli umani gli orsi finirono con imitare i loro difetti: intrighi, bische, alcol ecc ecc.

Leonzio stesso venne ucciso a tradimento dal suo Ciambellano.

L’unica salvezza fu tornare tra le montagne, alla vita semplice degli antenati.

Published in: on novembre 16, 2019 at 12:46 am  Comments (7)  

dalla lettera di Silvio Berlusconi sugli operai di Taranto…

Carissimi, sento dire che lì a Taranto avete qualche problema. Adesso sono troppo occupato per venire lì e risolvere tutto (sono il presidente del Monza Calcio che sta per salire in serie B, dove l’anno prossimo potrebbe incontrare il Milan; più che un match sarebbe un incesto).

Però qualche ideuzza su cosa fare delle maestranze dell’acciaieria e dell’indotto mi ha sfiorato la mente. Ve le anticipo e voi provate a svilupparle.

La prima idea era trasformare gli operai e le loro famiglie in braciole; ma non mi sembra attuabile.
car

Ci sono dei rompiscatole dei medici, come sapete, che sostengono che la carne rossa non è un alimento sano, che è cancerogena… se poi si scopre che quella carne viene da Taranto… no no no, non se ne parli più!

Progetto preti. In Amazzonia (non so di preciso dove sia, credo nel sud) si parla già di ordinare uomini sposati.

Perché in Amazzonia sì e a Taranto no? Gli operai diventano preti, le mogli anche loro… tutti contenti! Contento il Papa, che non ha abbastanza maestranze, contenti gli ex operai e le loro famiglie, che non vivranno più in zone inquinate…

sposat

Progetto gigolò. Se poi ci sono operai che si rompono le balle a stare in un confessionale a sentire suocere che si lamentano delle nuore e nuore che si lamentano delle suocere gli si proporrà la professione di trombator di intrattenitore per signore.

Sono sicuro che avrebbero successo e incrementerebbero anche il turismo. La Puglia è la terra di Rodolfo Valentino, di Riccardo Scamarcio, di Domenico Modugno ecc
gigo
Progetto Circo. Nei circhi non si possono più maltrattare gli animali? Prendiamo qualche migliaio di operai e facciamogli indossare maschere di animali o di clown.

Girerebbero il mondo, farebbero ridere i bambini e rilancerebbero il settore circense che non naviga in buone acque. Se vi sembra poco dignitosa come occupazione vuol dire che non avete mai lavorato in un altoforno…
scimpcanewildmostr

Published in: on novembre 13, 2019 at 1:06 pm  Comments (1)  
Tags:

LA BELLE EPOQUE, film di N. Bedos

Una bella commedia francese che ha scarso successo al botteghino italiano (neanche 400.000 euro).

Perché?

Azzardo 2 risposte.

  1. Non ci sono criminali sanguinari, famiglie di mostri, animali parlanti e streghe (cioè manca quello che gli under30, che sono la gran maggioranza del pubblico nelle sale, amano di più).
  2. Ha una trama molto complessa (proverò a riassumerla).

bell

Comincio da una delle scene finali.

Entra la sposa in bianco, accompagnata dal padre (che non è il padre). Si sente la voce stizzita del regista. “STOP! Cosa sono quelle facce annoiate?? Siete pagati per essere allegri, cazzo! La rifacciamo!” Dopo di che il regista si avvicina alla sposa e la bacia appassionatamente sulla bocca.

Siamo in un teatro di posa, ovviamente, non in un municipio. Ce ne sono tanti nel film. Nel teatro accanto Napoleone terzo scherza con i commensali, in un altro Hitler, Chamberlain, Mussolini e Daladier parlano dei Sudeti, in un altro ancora un’attrice esclama “ho sempre sognato di essere Maria Antonietta!”

Ecco, è un film sui sogni e sulla grande macchina dei sogni che si chiama cinema.

Le vicende dei personaggi (che dopo elencherò) sono tutto sommato secondarie e le abbiamo viste in tante altre commedie: LUI ama LEI che va a letto con L’AMICO di Lui, mentre L’ALTRO ha litigato con L’ALTRA che finirà a letto con LUI ecc

LUI (interpretato da D. Auteuil) è un disegnatore di fumetti, vecchio e demotivato, sposato con LEI.

LEI (F. Ardant) è una psicanalista che si è stancata di LUI.

L’ALTRA (D. Tillier) è una giovanissima attrice; vorrebbe fare teatro ma, fiasco dopo fiasco, è costretta a recitare negli studi dell’ALTRO.

L’ALTRO (G. Canet) è il manager della TIME TRAVELLER, azienda che ricostruisce il passato per i clienti (facendosi pagare molto bene).
belledoricanet

Dimenticavo di dirvi che LA BELLE EPOQUE è il nome di un bar di Lione dove LUI conobbe per la prima volta LEI che allora aveva 20 anni. L’ALTRO mette in scena quell’incontro utilizzando l’ALTRA (che ha l’età giusta). Ma cosa succederà quando LEI capiterà sul set?

(nessun bar è stato maltrattato in questo post)

Published in: on novembre 11, 2019 at 12:42 pm  Lascia un commento  
Tags: ,

99 FILM DOVE C’E’ UN TRENO (+ uno dove non c’è)

In quale dei seguenti films non c’è neanche un treno?

Chi indovina entro il tramonto di ieri vince un biglietto di I Classe per Yuma (Arizona).
yuma

  1. A qualcuno piace caldo (1959)
  2. Anastasia (1956)
  3. Amici miei (1975)
  4. Amori miei (1978)
  5. Anna Karenina (2012)
  6. Anni ruggenti (1962)
  7. Attenti a quelle due (2019)
  8. Cado dalle nubi (2009)
  9. Cafè express (1980)
  10. Carol (2015)
  11. Casablanca (1942)
  12. C’era una volta il west (1968)
  13. Changeling (2008)
  14. Chi si ferma è perduto (1960)
  15. Chiedimi se sono felice (2000)
  16. Cyrano mon amour (2018)
  17. Cloud atlas (2012)
  18. Come l’acqua per gli elefanti (2011)
  19. Cose nostre Malavita (2013)
  20. Destinazione Piovarolo (1955)
  21. Don Camillo (1952)
  22. Fratello, dove sei? (2000)
  23. Ginger e Fred (1985)
  24. Hancock (2008)
  25. Harry Potter e la pietra filosofale (2001)
  26. Hugo Cabret (2011)
  27. Hunger games (2012)
  28. il bambino con il pigiama a righe (2008)
  29. il cardinale (1963)
  30. il compagno don Camillo (1965)
  31. il cuore altrove (2003)
  32. il curioso caso di Benjamin Button (2008)
  33. il diario di Bridget Jones (2001)
  34. il giardino dei Finzi Contini (1970)
  35. il grande Gatsby (2013)
  36. il Grinta (2010)
  37. il giro del mondo in 80 giorni (1956)
  38. il leone, la strega e l’armadio (2005)
  39. il marito in collegio (1977)
  40. il mucchio selvaggio (1969)
  41. il padrino – parte II (1974)
  42. il verdetto (2017)
  43. Indiana Jones e l’ultima crociata (1989)
  44. Innamorarsi (1984)
  45. Intrigo internazionale (1959)
  46. Io faccio il morto (2013)
  47. Io ti salverò (1945)
  48. I villeggianti (2018)
  49. La bestia nel cuore (2005)
  50. La cena dei cretini (1998)
  51. La conseguenza (2019)
  52. La famiglia Addams (1991)
  53. La famiglia omicidi (2005)
  54. L’altro uomo (1951)
  55. La signora scompare (1938)
  56. La stangata (1973)
  57. La terrazza (1980)
  58. La tregua (1997)
  59. La vedova allegra (1952)
  60. La versione di Barney (2010)
  61. Lawrence d’Arabia (1962)
  62. L’erba del vicino è sempre più verde (1960)
  63. L’importanza di chiamarsi Ernest (2002)
  64. L’ombra del dubbio (1943)
  65. L’uomo che uccise Liberty Valance (1962)
  66. Marigold Hotel (2012)
  67. Mezzogiorno di fuoco (1952)
  68. Momenti di gloria (1981)
  69. Morto Stalin se ne fa un altro (2017)
  70. Mr. Holmes (2015)
  71. Non sposate le mie figlie 2 (2018)
  72. Notte prima degli esami – Oggi (2007)
  73. Old man & the gun (2018)
  74. Parlami di te (2018)
  75. Priest (2011)
  76. Remember me (2010)
  77. Ritorno al futuro – Parte III (1990)
  78. Ritorno al Marigold Hotel (2015)
  79. Scusi, dov’è il west? (1979)
  80. Scoop (2006)
  81. Se mi lasci ti cancello (2004)
  82. Senza indizio (1988)
  83. Sherlock Holmes – Gioco di ombre (2011)
  84. Skyfall (2012)
  85. Snowpiercer (2013)
  86. Source code (2011)
  87. Stanlio e Ollio (2018)
  88. Suffragette (2015)
  89. The commuter (2018)
  90. The grand Budapest hotel (2014)
  91. The millionaire (2008)
  92. The prestige (2006)
  93. The life of David Gale (2003)
  94. Totò a colori (1952)
  95. Tutti a casa (1960)
  96. Un’avventura (2019)
  97. Unbreakable – il predestinato (2000)
  98. Un’ottima annata (2006)
  99. Viaggi di nozze (1995)
  100. Viaggio in India (2006)

 

Published in: on novembre 8, 2019 at 12:10 am  Comments (3)  

STATE BENONE (diceva Gianfranco Civolani)

civ

Se tu che leggi queste righe sei bolognese o comunque hai bazzicato negli ultimi decenni tra il Palazzo di Piazza Azzarita e il Gran Bar di via D’Azeglio non hai bisogno che ti dica chi era il CIV.

In caso contrario ti dirò che CIV era giornalista, scrittore, dirigente sportivo e direttore artistico del teatro La Ribalta.

Era un buon diavolo.

Diavolo ma buono.

Buono ma diavolo (mi riesce difficile immaginarlo in paradiso, a meno che il paradiso sia un bar frequentato esclusivamente da patiti del basket e del calcio)

Mi piace pensare che i suoi ultimi pensieri siano andati alla sua prediletta Virtus che quest’anno si è rimessa a vincere.

State benone!!!!
virt

Published in: on novembre 5, 2019 at 9:25 am  Lascia un commento  
Tags: ,

a chi andrà l’Oscar per il miglior attore? (ritorno a parlare di JOKER, come promesso)

Vedo bene Joaquin Fenix (o come si scrive).
osca

Naturalmente non ci scommetto il collo (ne ho uno solo) perché non conosco gli altri concorrenti alla statuetta. 

Ma l’interpretazione di Joaquin (il progressivo sprofondare nella follia di Joker) è veramente maiuscola. Dopo aver rivisto i dvd degli altri suoi film, che ora elencherò, giudico che questo è il suo culmine.

  • GLADIATOR – J interpreta il bastardissimo imperatore Commodo (nomination all’Oscar)
  • SIGNS – J interpreta Merrill, fratello del rev. Hess (tutti e due con notevoli problemi)
  • THE VILLAGE – J interpreta Lucius, altro personaggio problematico
  • THE MASTER – J interpreta Freddie, reduce dalla WWII, sociopatico e col vizio di parlare tra i denti (altra nomination)
  • HER – J interpreta Theodore, innamorato di un’Intelligenza Artificiale (meno male che poi c’è Amy Adams…)
  • MARY MAGDALENE – J interpreta Gesù Cristo, personaggio senza dubbio molto complesso.

Insomma, un grande attore che finora non ha portato a casa la Statuetta Dorata.

Forse questa è la volta buona!

Ma, ripeto, bisognerebbe conoscere gli altri concorrenti. Come per prevedere il premio al Miglior Film bisognerebbe conoscere tutto quello che passa il convento anglosassone.

Come ho già scritto io applaudirei un Oscar a C’ERA UNA VOLTA A HOLLYWOOD, filmone (un po’ lungo) in cui si possono ammirare Al Pacino, Di Caprio, Brad Pitt e chi più ne ha più ne metta… ma contro la bravura di J. Phoenix (stavolta l’ho scritto bene) non c’è gara.
jokerupon

Published in: on novembre 4, 2019 at 9:29 am  Lascia un commento  
Tags: , ,

Vi saluto, cari vecchi amici

Come negli anni passati, oggi rendo omaggio a chi ci ha lasciati dal 2 novembre scorso:

  • Rutger Hauer (1944-2019)
  • Andrea Camilleri (1925-2019)
  • Carlo Delle Piane (1936-2019)
  • Albert Finney (1936-2019)
  • Mario Marenco (1933-2019)
  • Bruno Ganz (1941-2019)
  • Bibi Andersson (1935-2019)
  • Carlo Croccolo (1927-2019)

rutgerandrdellefinneymarenganzbibcarlo

Published in: on novembre 2, 2019 at 9:39 am  Lascia un commento