IL NOME DELLA NOIA (guardando una fiction rai in compagnia di Bernardo Gui, inquisitore)

Prima ancora che Frate Guglielmo arrivasse all’abbazia la noia si stava impadronendo di me. Soprattutto per la quintalata di spot pubblicitari che precedeva il programma.

Tra capsule per fare il caffè, Disneyland, gatti, automobili, biscotti, dentifrici e artigiani della qualità mi calava già la palpebra…
me cala

Ho pisolato un po’. Poi mi sono accorto che un vecchio nasuto guardava la tv accanto a me.

Era Bernardo, famoso inquisitore.
gui

Gli ho chiesto come giudicasse la fiction.

-Poco realistica! Molto poco realistica! A cominciare dal saio dei monaci: a quel tempo erano tutti una pezza! Mica andavamo in sartoria! Col passare degli anni il mio saio era pieno di pezze e di rammenti… per non parlare dei pidocchi! Era un continuo grattarsi! Qui invece questi fighetti non si grattano mai! Magari si lavano anche! Cosa che noi facevamo solo quando pioveva!

Effettivamente il suo odore testimoniava un uso poco frequente del binomio acqua&sapone… ma non mi sembrò gentile farlo notare.

Intanto era ripresa la pubblicità e l’inquisitore sembrò calmarsi. C’erano ancora gli artigiani della qualità. Mi chiese se fossero buoni cristiani.

-Della loro ortodossia non garantisco. Però costruiscono divani e poltrone come Dio comanda!”
divani

Published in: on marzo 6, 2019 at 12:20 am  Comments (3)  

The URI to TrackBack this entry is: https://ilbibliofilo.wordpress.com/2019/03/06/il-nome-della-noia-guardando-una-fiction-rai-in-compagnia-di-bernardo-gui-inquisitore/trackback/

RSS feed for comments on this post.

3 commentiLascia un commento

  1. Oh allora non mi son persa nulla. Lo dicevo io che stanno esagerando adesso. Ogni film sta diventando una serie. E basta!

    Piace a 1 persona

  2. Io vidi a suo tempo il film e mi piacque molto. Lo sceneggiato non l’ho guardato perchè non amo gli sceneggiati a puntate. Però leggendoti, devo dire come Amleta che non ho perso nulla. Meno male. Abbraccio

    Piace a 1 persona

    • Per il confronto tra il film del 1980 e questa versione aspetto il finale (magari nelle puntate successive si rialza, hai visto mai)
      Intanto, come era prevedibile, il linguaggio è molto televisivo: abbondanza di primi piani, battute brevi (tipo i Classici di Topolino) e tanta tanta noia!

      Piace a 1 persona


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: