Quasi morte in autostrada! (con annesso problema aritmetico)

Ascoltavo distrattamente un notiziario locale alla radio e ho capito male la notizia.

“Turista ferita questa mattina nella tangenziale di Bologna. Una pietra ha sfondato il parabrezza…”

Porca troia! I soliti teppisti che gettano sassi dai cavalcavia…
brezza

Ma poi ho capito che la pietra non era caduta dall’alto, tipo asteroide della pubblicità delle merendine.

E’ che il calcestruzzo si sgretola, soprattutto quando sui viadotti passano a gran velocità migliaia di camion al giorno. In questo caso uno dei suddetti bisonti dell’autostrada ha sollevato (senza malizia, ci mancherebbe!) una pietra di oltre 2kg che si è alzata a parabola fino a colpire il parabrezza dell’auto che seguiva.

  • quindi niente teppisti (Salvini, non occorre pattugliare i cavalcavia!)
  • potremmo dare la colpa ai camionisti che corrono troppo?
  • oppure al sistema capitalista che impone ritmi di lavoro stressanti?
  • oppure, più banalmente, alla Società Autostrade che crede di costruire ponti e viadotti indistruttibili e poi KRAK?

camion
Tempo fa scherzavo sui rischi che si corrono percorrendo il Paese dei Cachi. Ma ora occorre un approccio scientifico al problema viabilità.

Vi invito pertanto a risolvere il seguente

PROBLEMA

Un’autovettura A percorre alla velocità costante di 90 km/h l’autostrada B preceduta dal camion C di nazionalità da definire. Tenendo conto che la temperatura dell’aria è di 37° fahrenheit al momento dell’incidente, che la distanza tra A e C è di 42,05 m (se uno rispetta davvero la distanza di sicurezza salta fuori subito un furbetto che si inserisce garibaldinescamente nello spazio intermedio), che il peso specifico del calcestruzzo varia tra 1,4 a 2,5 a seconda di quanta sabbia ci hanno messo, che THESE ARE THE TIMES TO REMEMBER era la sigla di SENTIERI e che il ministro delle infrastrutture si chiama Toninelli calcolare quante probabilità ha il conducente dell’autovettura A di arrivare sano e salvo al termine del viaggio.

Nessun camionista è stato molestato nella stesura di questo post

Published in: on novembre 30, 2018 at 10:39 am  Comments (7)  
Tags: , , , ,

The URI to TrackBack this entry is: https://ilbibliofilo.wordpress.com/2018/11/30/quasi-morte-in-autostrada-con-annesso-problema-aritmetico/trackback/

RSS feed for comments on this post.

7 commentiLascia un commento

  1. Ricordo bene l’apprensione del periodo dei sassi dai cavalcavia. Ogni volta che si passava sotto a uno si guardava che non ci fosse nessuno sopra

    Piace a 1 persona

    • A ricordarci quel periodo di apprensioni contribuisce il gran numero di cartelli su autostrade e superstrade, davanti e dopo il cavalcavia.
      A pensarci bene è stata una grossa spesa; ma (toccando ferro) potrebbero essere ancora utili

      Piace a 1 persona

  2. Se il ministro delle infrastrutture si chiama Toninelli il conducente dell’autovettura A non ha alcuna probabilità di arrivare sano e salvo, neppure se indossasse un casco integrale mentre guida l’autovettura.

    Piace a 1 persona

  3. L’Italia è davvero il Paese dei Cachi. Però c’è una cosa che non capisco: perchè dare la colpa al ministro di turno, quando il problema non è stato risolto dai ministri precedenti? Se un ponte crolla o qualche pezzo viene giù, la colpa non è di Toninelli, visto che la manutenzione di quel dato ponte è ferma da una ventina d’anni.
    A mio parere, modesto per carità, la colpa, se vogliamo darla a qualcuno, è degli italiani che votano degli incapaci. Le ultime votazioni e i vent’anni di Berlu lo confermano o no?
    Abbraccio siempre

    "Mi piace"

    • Ricambio l’abbraccio.
      Perfettamente d’accordo che i precedenti governi hanno responsabilità enormi. Ma le “sparate” dell’attuale ministro sono IMPERDONABILI. Per limitarmi alle più recenti, come si fa a proporre il modello PEDONALE di Galata (ci passa il tram, ma soprattutto i pedoni) per sostituire il viadotto di Genova, dove devono passare i tir da Milano alla Spagna e viceversa? e come si fa a dire che il traforo sotto il Brennero è già funzionante? prima di parlare, ministro, assicurati che il cervello sia inserito!!!

      Piace a 1 persona


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: