Capitolo quarto: come l’avv. Azzeccagarbugli sciolse a don Mattarella il nodo dello SBARRAMENTO

“E’ frusco il lonfo! E’ pieno di lupigna

arrafferia malversa e sofolenta!

Se cionfi ti sbudiglia e ti arrupigna,

se lugri ti botalla e ti criventa.

Eppure il vecchio lonfo ammargelluto

che bete e zugghia e fonca nei trombazzi

fa lègica busìa, fa gisbuto;

e quasi quasi in segno di sberdazzi

gli affarferesti un gniffo; ma lui, zuto

t’alloppa, ti sbernecchia. E tu l’accazzi”

Così concluse il suo dire Pierferdinando Azzeccagarbugli. Ma il povero Mattarella non sembrava convinto, per cui P.F. fu più esplicito:

“A Mattarè, bisogna cambiarla ‘sta legge! Ci sono troppi partiti! Alle prossime elezioni lo sbarramento per entrare in parlamento lo dobbiamo alzare al 40%, così l’attuale stallo dei 3 partiti sarà cancellato per sempre!”

-E se nessuna lista arriva al 40%?– obiettò timidamente don Mattarella

“Ancora meglio! Avremo il parlamento vuoto, cioè il parlamento perfetto! Non capisci che nel mondo moderno il parlamento e i parlamentari sono solo un intralcio? Ci vuole un governo onnipotente, come in Russia e in Cina!”
puticinasbarram

Published in: on Maggio 10, 2018 at 12:43 PM  Lascia un commento  
Tags: , ,