Ci sarà un perché…

Facciamo che tu sei un attore.

Non giovanissimo: sei nato il 29 aprile del 1957.

In oltre 30 anni di carriera hai interpretato un Presidente degli U.S.A., un tiratore infallibile, un ufficiale della Marina di Sua Maestà, un elegantissimo gentiluomo dell’800, uno spietato avventuriero del West, il Macellaio di Five Points…

Hai meritato 3 Oscar come attore protagonista più altre 3 nominations, per non parlare dei Globi Dorati, dei BAFTA e di altri premi.

Come spiegare questi successi?

Avanzo un paio di ipotesi.

  1. gli Dei della Recitazione ti hanno donato un immenso talento
  2. non hai sprecato questo talento girando troppi film (o lavorando per la televisione)

Non ti sei buttato via come certi APEG italieschi che avrebbero potuto essere grandi se non avessero girato decine di filmuzzi “per un pugno di dollari”.

Mi limito a 3 esempi.

  • J. Dorelli: più di 30 titoli dal 1956 al 1984
  • A. Celentano: più di 40 titoli dal 1959 al 1986
  • A. Sordi: più di 100 titoli, limitandomi al periodo dal 1951 al 1990!

Grazie, Daniel, per non essere come loro.

butcher

Published in: on marzo 6, 2018 at 11:09 am  Comments (4)  

IL FILO NASCOSTO (Phantom Thread)

La prima cosa da dire è che non vincerà l’Oscar for best picture. Me l’ha detto Joe.

Joe (naturalmente non è il suo vero nome) lavora per la C.I.A.

Sa molte cose: cosa si nasconde nell’Area 51, chi ha pagato Lee Oswald, chi ha messo la bomba alla stazione di Bologna, come il tiro di Sasha Danilovic a 16” dalla fine cambiò il risultato della finale del 1998 ecc.

La C.I.A. sa molte cose…
ciagengy
Sa anche che IFN è un film troppo inglese per portare a casa la statuetta.

  • il regista è californiano, ma il cast no (eccettuata Harriet S. Harris, in un ruolo secondario)
  • la storia è ambientata interamente nel Regno Disunito; non si mangiano torte di mele né si usa tomato ketchup e a tavola si avvicina il cucchiaio alla bocca e non viceversa
  • il protagonista raffinato e la sua “niente-seno” modella fanno sesso (of course!) ma con tale discrezione che non si vede niente!
  • le opere create dal raffinato protagonista assomigliano ai vestiti che si vedono a Los Angeles come Winston Churchill assomiglia ad Antonio Razzi
  • le case sono arredate con sobria eleganza e non assomigliano a quella di Melania Trump, sottodescritta

trum

A questo punto ho chiesto a Joe: “Già che sapete tutto, posso sapere chi vincerà l’Oscar?”

  • I TRE PORCELLINI A EBBING?
  • LADY BIRD?
  • ZUCCHERO MIELE E PEPERONCINO?

Risposta: Se te lo dicessi poi dovrei ucciderti! C’è un giro di scommesse ultramiliardarie su chi vincerà… e non so se posso fidarmi del tuo silenzio!

Per cui non so dirvi chi dei 3 film 2 film sopra elencati (il terzo è stato escluso perché troppo sperimentale) sarà premiato stanotte.

Io tiferò per IFN (ve lo racconto dopo la locandina).
thread

C’è questo sarto (interpretato da D. Day-Lewis, bravissimo), maniaco della perfezione.

Ma non maniaco maniaco. MANIACO!!!!!

Grazie anche alla sua efficientissima manager (che poi si scopre essere sua sorella; interpretata da Lesley Manville, bravissima) veste il granmondo degli anni ’50.

Si innamora di una giovane cameriera e la sua vita cambia da così a così. Lei (interpretata da Vicky Krieps) è inesperta del granmondo, ma è tosta e non si lascia mettere sotto. Si sposano e lei gli cucina una deliziosa omelette ai funghi.

-Che strano sapore, tesoro…-

-E’ il sapore dell’amore, caro!-

Published in: on marzo 4, 2018 at 1:34 PM  Comments (7)  

Ginevra sa già leggere!

Prova ne sia che, guardando il manifesto, ha chiesto:

Mamma, chi è quella bella signora accanto al tuo nome?
mel

Published in: on marzo 3, 2018 at 11:51 am  Comments (3)  
Tags:

Lista dei nuovi ministri (ho in mente di recensire IL FILO NASCOSTO, ma lo farò un’altra volta; anticipo soltanto che mi è piaciuto… magari non vincerà l’Oscar perché è poco americano… e poi la statuetta sarà contesa tra i 3 porcellini a Ebbing, Missouri e i 2 porcellini della Bassa bergamasca)

Signor Presidente Mattarella, non si offenda se le propongo una lista di ministri. Ormai lo fanno tutti…

Ministero della Difesa dell’Attacco (è la miglior difesa!): affidato ad Alberto Brignoli, portiere del Benevento.
brignoli

Ministero della Guerra delle Guerre Stellari: affidato a Obi One Kenobi
obi
Ministero delle Infrastrutture Facciali: affidato a Elisabetta Gregoraci.

gregor

Ministero dell’Economia delle Pezze sul Culo: affidato a Mario Draghi (tra poco sarà disoccupato, troviamogli un posto!)
dreg

Ministero della Storia e della Filosofia della Noia Pura: affidato a Barack Obama (anche lui non sa come passare il tempo)
obama
Ministero degli Interni del Sottobanco: affidato a P. F. Casini
casin
Ministero dei Lavori Pubblici delle Strade ridotte a Groviera: volevamo affidarlo a Virginia Raggi, ma è caduta in un buco e non riusciamo a tirarla fuori.
roma

Ministero della Felicità (negli Emirati Arabi c’è già… e ci vorrebbe anche qua): affidato a Robert De Niro
infelic
Ministero dell’Istruzione e della Cultura dell’Aria Fritta: riaffidato a Valeria Fedeli (non è un granché, ma almeno fa ridere)
fedel

Published in: on marzo 1, 2018 at 4:25 PM  Comments (1)