TEMA: Come ho iniziato il nuovo anno. SVOLGIMENTO…

L’ho cominciato bene!

(un po’ corto come tema… aggiungerò qualcosa…)

Alle 8 siamo andati al cinema Chaplin per vedere COME UN GATTO IN TANGENZIALE. Ma era ancora il 2017 e quindi non c’entra (magari lo recensirò domani; comunque anticipo che mi è piaciuto).

A casa di Mario e Pasqualina abbiamo parlato di cinema tra un antipastino e una lenticchia (c’è la crisi, sapete…) e si accesa la discussione.

  • Quale il peggior film dell’anno? 
  • Quale il peggior film italiano?
  • Quale il miglior film in assoluto?
  • Quale in miglior film italiano?
  • Come mai l’Inter, che sembrava dover spaccare il mondo, ha fatto solo 1 punto in 4 partite? (ma non conviene parlare di calcio nei temi; non sai di sicuro come la pensa che li correggerà)

Peggior film in assoluto è stato proclamato 50 sfumature di nero (notate che ho usato le minuscole?); Paola e io non l’abbiamo visto e ci siamo astenuti nella votazione.

Peggior film italiesco del 2017: io avevo proposto TERAPIA DI COPPIA PER AMANTI; ma Giuliano ha giurato sulla testa dei suoi figli che in confronto a NATALE DA CHEF il mio VNAV è candidabile all’Oscar e che Alessio M. Federici di fronte a Neri Parenti è Bergman. Gli credo sulla parola e assegno al cinepanettone boldesco il premio SFDNAV (Sono Felice Di Non Averlo Visto)

Miglior film del 2017 in assoluto. La votazione ha premiato DUNKIRK; anch’io lo valuto il migliore degli ultimi mesi; però per la mia graduatoria de las mejores pelìculas aspetto luglio (probabilmente in gennaio arriverà in Italia il meglio della stagione, come l’anno scorso)

Miglior film italiano del 2017. Vale lo stesso del punto precedente. Abbiamo votato quasi all’unanimità TUTTO QUELLO CHE VUOI (di Francesco Bruni). Ma è uscito nelle sale in aprile. Per me THE PLACE è il più migliore (Fedeli docet) della stagione. Finora.

La mattina di Capodanno ci siamo alzati tardissimo. Prima di far onore ai tortellini di Paola ho dedicato un paio d’ore alla letteratura.

Prima le poesie di Saba, compresa quella delle gioie dei portieri; forse Saba presentiva Alberto Brignoli…

Poi l’Amore secondo Alessandro D’Avenia.

Un bel libro. Si naviga tra l’antichissima storia di Orfeo ad Euridice e quelle più moderne di Giulietta Masina e Federico Fellini, Alma Reville e Alfred Hitchcock, Edith Bratt e J.R.R. Tolkien, Zelda e F. Scott Fitzgerald, Antonietta Portulano e Luigi Pirandello, Giacomo Leopardi e Fanny Targioni Tozzetti, Antonio Machado…

Ma adesso il tema sta venendo troppo lungo. La recensione aveniesca la rimando alla settimana prossima.
aless

Annunci
Published in: on gennaio 3, 2018 at 12:46 pm  Lascia un commento  

The URI to TrackBack this entry is: https://ilbibliofilo.wordpress.com/2018/01/03/tema-come-ho-iniziato-il-nuovo-anno-svolgimento/trackback/

RSS feed for comments on this post.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: