Cattivissimo me 3

Ve li ricordate i film di Totò?

tot
La trama era solo un pretesto. Serviva a incastonare gag irresistibili, come quella in Piazza del Duomo o la lettera “Veniamo noi con questa mia…”
letter
Lo stesso si può dire del terzo episodio della serie Despicable me. La trama è solo un pretesto per una serie di gag, soprattutto riguardanti i Minions.

Comunque la storia dei 2 gemelli separati dalla nascita che si incontrano solo in età matura non è originalissima (era già in una commedia di Plauto)

Insomma… mi è piaciuto il giusto. Ma il successo di CATTIVISSIMO ME 3 (gli incassi continuano a salire, presto saranno superati i 18 milioni di euro) ripropone la solita domanda:

Qui in Italia i “film per famiglie” non li sappiamo fare?

Proverò a rispondere dopo l’immagine.

min
Sarebbe meglio dire che i produttori italieschi non vogliono investire i loro soldacci sul pubblico dei bambini. In passato (ai tempi di Budspencer & Terensill) non era così: il target under 12 interessava.

Oggi i giovanissimi sono visti solo come divoratori di merendine (mamme, attente agli asteroidi!) e precocissimi maniaci del selfie. E al cinema possono scegliere solo tra la produzione straniera (tra poco arriva CARS 3) e le farse sianesche e zalonesche di casa nostra.

P.S. La settimana prossima arriva nelle sale LA GATTA CENERENTOLA, film italiesco d’animazione. Chissà com’è…

Annunci
Published in: on settembre 8, 2017 at 6:48 am  Comments (4)  
Tags: , , ,