Ciao, Jerry

Ero un marmocchio e mi facevi ridere in ARTISTI E MODELLE e nel NIPOTE PICCHIATELLO.

Andavo alle medie e tu eri IL CENERENTOLO.

Andavo al liceo e ti facevi applaudire in TRE SUL DIVANO.

RE PER UNA NOTTE è stato il primo film che ho visto con mia moglie.

Che devo dirti, carissimo Jerry?

Buona notte e arrivederci!

lewis

Published in: on agosto 20, 2017 at 11:25 pm  Comments (6)  

Vorrei Non Averlo Visto (ovvero, il film che non deve essere nominato)

Se tu che, per puro caso o per deliberata scelta, hai visto il film non occorre che ti dica niente.

Se non lo hai visto risparmia i soldi!

A meno che…

  • non ti piacciano le profanazioni, tipo riscrivere IL SIGNORE DEGLI ANELLI mettendo i Puffi al posto degli Hobbit o descrivere il fatale andare per i gironi infernali del Pulcino Pio
  • il Gran Muftì di Casal Pusterlengo ti abbia convinto che chi vede il film va direttamente in Paradiso dove sarà allietato da un numero imprecisato di sventolone (consiglio però di leggere bene le clausole del contratto)

Dopo la foto rivolgerò a mr. King una domanda CLITCT (che lascia il tempo che trova)
kin
Domanda CLIecc: Signor King, capisco che i $ piacciono a tutti; ma lasciar profanare un vero capolavoro in codesta guisa non le sembra troppo?

Non sarebbe stato meglio un remake di SHINING?

Donald Trump nel ruolo che fu di Jack Nicholson, la Casa Bianca al posto dell’Overlook Hotel, Melania al posto di Wendy…
shining
P. S. Nessuno è stato maltrattato nella stesura di questo post (chi ha visto LA TORRE NERA ha sofferto troppo e non è il caso di infierire)

Published in: on agosto 18, 2017 at 10:08 am  Lascia un commento  
Tags: , ,

L’estate sta finendo (male)

L’inizio l’avevo salutato a fine maggio.

Ora, terminati Giro, Wimbledon, Tour e i Mondiali di Atletica ecco un indizio importante per dedurre che la Bella Estate sta finendo.

Dopo aver parlato per mesi di doping nel tennis, nel ciclismo e nell’atletica si ricomincia a parlare di doping nel calcio!

Evviva!!!!! Evviva!!!!!!!

Nessun atleta e nessun addetto ai controlli antidoping è stato maltrattato nella stesura di questo post
dop
dp

Published in: on agosto 16, 2017 at 9:07 am  Comments (2)  

come Leopardi può salvarti la vita

Libro non facile da recensire, L’ARTE DI ESSERE FRAGILI di A. D’Avenia.

E’ a metà strada tra un trattato filosofico sulla felicità e un’analisi delle più belle pagine di Leopardi.

Come analisi letteraria è veramente brillante, direi di livello universitario.

Basterebbero le pagine dedicate al Canto notturno o al terribile endecasillabo che conclude A se stesso.

Quanto alla filosofia della felicità non convince del tutto, ma merita attenzione.

Come essere felici nella sventura?

Leopardi fu sventuratissimo, ma era talmente “innamorato della bellezza” (D’Avenia dixit) da superare l’infelicità.

Chi è veramente disperato, infatti, non scrive poesie così belle. E non imbrocca rime musicali come animale, vale, assale, male, immortale ecc proprio in una delle composizioni più pessimiste della nostra letteratura.

P. S. Nessuna poetessa italiana (e nessun poeta) sono stati maltrattati nella stesura di questo post
fragili

Published in: on agosto 12, 2017 at 5:05 pm  Lascia un commento  
Tags: , ,

truffe telefoniche

Guidavo. Suona il telefonino.

Buongiorno, sig. Frangini. Sono l’avvocato XY dello studio legale YZ. Ci risulta che lei non è in regola sui pagamenti…

Mi scusi, sto guidando; mi richiami tra mezz’ora.

D’accordo!

Avevo risposto d’istinto (e infatti stavo proprio guidando). Ma un vago sapore d’imbroglio l’avevo già in bocca. Un avvocato serio scrive lettere, non telefona.

Comunque XY non si è più fatto vivo…

Concludo con l’esortazione a non dire mai SI’ (monosillabo che può essere estrapolato e utilizzato in modi truffaldini) e a fingere di essere al volante.

Siete capaci di fare brum brum con la bocca o a imitare il clacson?

P.S. Nessun avvocato onesto è stato maltrattato nella stesura di questo post
truff

Published in: on agosto 10, 2017 at 12:17 am  Lascia un commento  

Anche stavolta copiamo un film straniero. In Germania hanno girato ER IST WIEDER DA? e noi risuscitiamo Mussolini

Massimo Popolizio interpreterà Mussolini nel film SONO TORNATO (di Luca Miniero)

Popolizio è bravo nei ruoli di cattivo (ricordate L’ABBIAMO FATTA GROSSA, CUORE CATTIVO, IL GIOVANE FAVOLOSO?) perciò il film non lo voglio perdere.

Ma c’è una controindicazione. E’ il remake di un film tedesco e sospetto che seguano l’originale scena per scena, tipo quel BENVENUTI AL SUD (diretto guarda caso dallo stesso Miniero) che ricalcava senza pudore l’originale francese.

Perciò lasciatemi riassumere la trama di ER IST WIEDER DA, anche perché è comparso come una meteora sui nostri schermi nell’aprile del 2016 (al cinema Rialto durò solo 3 giorni).

Premessa. Non è un film politico; è una commedia grottesca sulla tv spazzatura e su you tube, un mondo sbirolato in cui più sei stronzo più hai successo. Fine della premessa.

Berlino. In un’emittente privata fa furore un tizio vestito come Hitler, che parla e si muove come Hitler, e che affascina i telespettatori con le sue tirate contro gli stranieri. La bionda direttrice dei programmi ammira la sua professionalità: “è talmente calato nella parte da non uscirne mai!”
belli
Non mancano gli ostacoli alla resistibile ascesa di Arturo Ui del Tizio. I Naziskin lo gonfiano di botte (come osa fingersi LUI?) e la sua popolarità scende a zero quando si scopre che ha sparato a un cane. Però alla fine…

Dopo l’immagine spoiler a volontà!
adol
Finisce che un poveraccio che lavora in quella tv scopre che quel tizio è VERAMENTE Hitler, vomitato dall’inferno. Naturalmente finisce in un manicomio (chi può credere a un terminator che appare tra le aiuole dei giardini pubblici?). Tizio e la bionda di cui sopra viaggiano trionfalmente per i viali di Berlino su una Mercedes d’epoca. Qualcuno li insulta, qualcuno alza il dito medio, qualcuno ride… qualcuno saluta col braccio teso.

Quando sei in televisione qualcuno finisce con l’adorarti. In Italia ne sappiamo qualcosa…

Published in: on agosto 8, 2017 at 7:49 am  Comments (2)  
Tags: , ,

LA TORRE NERA, di S. King

Sta per apparire sugli schermi italieschi la versione di un romanzo (meglio, di una serie di romanzi) che a suo tempo mi appassionò.

Sento dire che il film è una ciofeca immane. Come, per rimanere nel mondo kinghiano, la serie 22/11/1963 che ha ridotto a una pappetta omogeneizzata un bellissimo romanzo. Comunque andrò a vederlo (forse per puro masochismo, forse perché sono curioso).

Già… perché le avventure di Roland di Gilead mi hanno affascinato? 

I casi sono 2:

  1. Avete già letto i romanzi della Torre Nera. Quindi non c’è bisogno che vi dica che è roba fina.
  2. Non li avete letti? Ahi, ahi, ahi! Comunque vi dirò qualcosa dopo l’immagine.

torre
La DARK TOWER è il punto d’intersezione di numerosi universi paralleli.

Non sapete cosa siano gli universi paralleli?

Immaginate un giovane che viene ucciso a New York, ma continua a vivere in un altro universo, simile ai deserti del far west.

Immaginate che in questo deserto Roland, il Pistolero (chiaramente ispirato al Clint Eastwood degli inizi), insegua l’Uomo Nero, potentissimo demone capace di assumere diverse identità (e anche quando lo uccidi rinasce in un’altra forma).
clint
Immaginate un megacattivissimo, il Re Rosso (Crimson King), di cui l’Uomo in Nero è un tirapiedi. Pensate all’Oscuro Signore Sauron? 

Beh, Crimson King è peggio! Almeno Sauron era un creativo. Aveva creato gli Anelli e fatto costruire Barad-Dur. Crimson King sa solo distruggere e il suo massimo desiderio è di distruggere la Torre Nera.

Ma la Torre è indistruttibile, la Torre è (forse) eterna. Forse la Torre è Dio.
king

Published in: on agosto 6, 2017 at 12:02 am  Comments (3)  
Tags:

le località di villeggiatura prese d’assalto dai turisti…

Espressione militaresca. Fa pensare a una sanguinosa battaglia in cui gli eroici paesani sono soverchiati dagli invasori.

Chi l’ha usata la prima volta era un originale. Tutti i giornalisti che hanno copiato “l’assalto dei villeggianti” andrebbero multati. Comunque, per una volta, copierò anch’io un mio post di 5 anni fa.

La prima vittima dell’Invasione fu Pietro Micca, assessore al turismo. Vedendo avanzare le avanguardie nemiche decise di far saltare il ponte di Serravalle. Ciò avrebbe reso praticamente impossibile l’accesso a Valdisopra.

Diede fuoco personalmente alla miccia. Diceva sempre che non ci si poteva fidare del telecomando (una “robaccia made in China”). Ma calcolò male i tempi.

Crollato il ponte, il generale Patton lanciò un attacco con la sua Camper Division lungo il sentiero Casserini, ma fu respinto con forti perdite.

Contemporaneamente, però, gli ardimentosi deltaplanisti del Battaglione Weekend si lanciarono dalla Cresta del Drago e planarono nella Piana di Marcesina, cogliendo di sorpresa i difensori.

Nella stessa giornata i paracadutisti della Brigata Picnic occuparono l’intera Piana, compresa la chiesetta di Santa Brunechilde.

Don Brufolon, il parroco, nell’intento di risparmiare ulteriori e più gravi sciagure alla popolazione civile, si offriva come intermediario e accompagnava il plenipotenziario Darcy Osborne dal sindaco, rag. Pietro Badoglio.

Alle ore 20 venne diramato, dai microfoni di Radio Altipiano, il seguente comunicato: “Il consiglio comunale, riconosciuta l’impossibilità di proseguire l’impari lotta contro la soverchiante potenza avversaria ha chiesto un armistizio al gen. Eisenhower, comandante in capo delle FAV (Forze Alleate Villeggianti). La richiesta è stata accolta”

Subito dopo l’armistizio veniva firmato sul bancone del bar BEPI, in località Costa.

Nell’entusiasmo della vittoria il generale Eisenhower dettava questo BOLLETTINO.

I resti di quello che fu uno degli eserciti più tosti delle Alpi Erciniche ritornano in disordine e senza speranza sulle malghe da cui erano discesi con tanta orgogliosa sicurezza.”

Ma sui muri delle case e dei fienili che conducono alle dette malghe per tutta l’estate comparvero le scritte degli Irriducibili: TURISTI GO HOME, BOIA CHI MOLLA (qualche volta con una L sola) e PADRONI A CASA NOSTRA.altipiano

Published in: on agosto 3, 2017 at 12:21 pm  Comments (1)  
Tags: , , , , , ,