Cinquanta sfumature di Trump

Punto primo. Siamo sicuri che le primarie siano un buon sistema per selezionare i candidati alla presidenza?

C’erano dei personaggi più presentabili tra i repubblicani (ad esempio, Ben Carson) e più brillanti tra i democratici (ad esempio, Bernie Sanders)
benberni
Ma alle primarie non emergono i migliori. Almeno non sempre.

Ci vogliono MOLTI SOLDI per concorrere. Chi li ha, i soldi, va avanti anche se non ha niente da dire. Chi ha mezzi limitati prima o poi si ferma.

Punto secondo. La cultura è utile per diventare Presidente… oppure è un ostacolo?

Qui siamo convinti che in America tutti siano stati all’università (o almeno al college) e che facciano la fila per vedere i film di Woody Allen o dei fratelli Coen.

Mica vero. La maggior parte degli americani non ama la cultura e soprattutto non ama le persone colte. Successe 12 anni fa con John Kerry (che si è laureato a Yale e parla 4 lingue oltre all’inglese) e succede oggi a Hillary.

Hillary (anche lei laureata a Yale) è la classica “prima della classe” che suscita poche simpatie. Troppo brava, troppo colta, troppo in alto.

Meglio un rozzone come Trump: molti tra i suoi elettori firmano con la croce sono più rozzi di lui.

Punto terzo. Perché i sondaggi sono così poco attendibili?

Molti, quando sono intervistati, mentono (o semplicemente non vogliono essere intervistati). Succede anche da noi. Avete notato nelle edicole quelli che comprano un giornale berlusconesco? Lo chiedono a bassa voce e lo piegano in due, in modo che non si veda il titolo…

Beh, per oggi mi sono immagonito troppo e mi fermo.

Magari la prossima volta riprendo il tema.

Published in: on novembre 9, 2016 at 8:05 pm  Comments (7)  
Tags: , ,

The URI to TrackBack this entry is: https://ilbibliofilo.wordpress.com/2016/11/09/cinquanta-sfumature-di-trump/trackback/

RSS feed for comments on this post.

7 commentiLascia un commento

  1. Parto dal fondo.
    Secondo Zucconi, il ribaltone nei sondaggi è avvenuto il 1° novembre. Il 28 ottobre la FBI aveva riaperto l’inchiesta sulle mail di Hillary, chiusa con l’affermazione che ‘nessuna rilevanza penale nelle nuove email esaminate’, fatta il 6 novembre, quando il danno era ormai fatto. E lo scopo era stato raggiunto, aggiungo io.
    La ‘pancia’ dell’America, gli stati centrali, sono popolati da pochi vaccari e petrolieri, reazionari e incolti, per di più pieni di astio verso gli stati costieri, dove si concentra la popolazione, la cultura, l’imprenditoria, la civiltà. Ma il meccanismo elettorale fa sì che contino quasi alla pari.
    Bernie Sanders, di cui mio figlio ha l’adesivo sull’auto, era un completo outsider, incredulo egli stesso del successo ottenuto. Ha 80 anni e nessuno contava seriamente sulla sua nomination, lui per primo. Giovani in gamba, che osino dichiararsi francamente socialisti, per ora non se ne vede. Se vogliono sperare di rimontare, i democratici devono mettersi umilmente a cercarli e finalmente deporre la consueta puzza sotto il naso con cui hanno imposto l’impopolare Hillary.
    E per oggi mi fermo qui.

    Mi piace

    • Dici bene.
      Gli “stati centrali” hanno un peso elettorale sproporzionato. Ad esempio il WYOMING ha 3 voti per una popolazione esigua (poco più di 500mila abitanti). La CALIFORNIA ha una popolazione 70 volte superiore, ma solo 55 voti (dovrebbe averne 210, direi)
      Lo stesso vale per il MONTANA, l’IDAHO, il Nord e il Sud DAKOTA ecc; tutti stati che votano prevalentemente per i repubblicani
      Perché non modificare la legge elettorale?
      Ovvio: così com’è favorisce i repubblicani…

      Liked by 1 persona

  2. Non sarà che la democrazia è un po’ sopravvalutata? Scherzi a parte, ‘sti sistemi elettorali dove non è importante prendere più voti ma dove li si prende (vedi UK e USA) non hanno alcun senso nel mondo moderno.

    Mi piace

  3. Immagino che sia stata una scelta voluta dai costituenti, per dare una voce udibile anche agli Stati poco popolati, che hanno interessi molto diversi da tutti gli altri. Gli US sono una federazione di Stati, non un singolo Stato, è quello il problema.

    Mi piace

  4. Bell’articolo, non concordo solo su Ben Carson più presentabile di Trump… anzi, forse era persino più estremista😀 Contrario all’aborto anche nei casi di pericolo di vita per la madre, durissimo sull’immigrazione, negazionista totale sul cambiamento climatico, anti omosessuali, contrario all’istruzione e alla sanità pubblica, addirittura in campagna elettorale propose di utilizzare i droni per bombardare i messicani che cercano di entrare negli USA😀

    Mi piace

    • Carson è più presentabile dal punto di vista estetico!

      Liked by 1 persona

      • Esteticamente non posso dire nulla😀

        Mi piace


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: