Tre film (un BAH e 2 AL DI SOPRA DEL BAH) all’inizio di Novembre

Comincerò con il BAH (senza infamia e senza lode)
due
Due amiche sulla 40ina e un Toyboy. Un po’ si ride (più per merito della signora Virzì che della poco espressiva Cortellesi) ma nell’insieme manca il ritmo, come succede spesso in storie scritte per il teatro. Molte battute, poca azione: l’ultima battuta (preferisco le zie!) va benissimo mentre scende il sipario, ma al cinema non funziona.
guerrblunt
Al di sopra del BAH classifico IN GUERRA PER AMORE e LA RAGAZZA DEL TRENO

IN GUERRA PER AMORE parte molto bene (lo sbarco degli Americani in Sicilia con la benedizione della Mafia; le statue della Madonna e del Duce in competizione tra loro ecc); poi si perde con gag non necessarie, come la “strana coppia” del Cieco e dello Zoppo; infine la tragica fine del tenente Catelli, che è simbolicamente il primo delitto (impunito) della Mafia post bellica; ho apprezzato la citazione di una famosa foto di Robert Capa.

capa
Come avevo scritto qui, il treno è il più cinematografico dei mezzi di trasporto (soprattutto se non va troppo veloce). Dai finestrini puoi vedere molte più cose di quelle che si possono vedere da un’auto e da un autobus. Se sei H. Bogart, P. Newman, Fernandel o J. Irons.

In questo caso a scrutare la realtà e i suoi lati nascosti è Emily Blunt. Pendolare e ottima osservatrice (quando non beve troppo), scopre che Megan non è la fedelissima moglie che tutti credono.

Conoscevo il romanzo e posso dirvi che la versione cinematografica è fedele. Siamo nei sobborghi di NYC e non di Londra, ma a essere uccisa è sempre Megan, ad opera di…. (stavolta non ve lo dico! vedetevi il film; merita)
train

Published in: on novembre 6, 2016 at 10:51 am  Comments (1)  
Tags: , , , , ,