al casello di Castello – dramma in due atti

Atto primo.

Eravamo partiti da Broni (Pavia) e avevamo imboccato l’autostrada alle 14.41 (ho le prove, vostro onore) dirigendoci verso est.

Arriviamo al casello successivo. Castel San Giovanni (Piacenza).
caste
Al casello si paga senza operatore umano. Tutto automatico: metti dentro il biglietto, paghi e te ne vai. Ma il Fato era in agguato.

Arrivati davanti alla Macchina ci accorgiamo che non si trova il biglietto. “Dov’è? Non l’avevi tu? “No, l’avevi tu!” Insomma un casino.

Non possiamo neppure fare retromarcia perché alle nostre spalle c’è già una fila.

La voce vellutata della Macchina continua a ripetere “Inserire il biglietto… Inserire il biglietto…” La fila si allunga. Percepisco il loro crescente incazzarsi.

A questo punto la Macchina non parla più. Subentra la voce, quasi militaresca, di una donna “Se non trova il biglietto dovrò addebitare la tariffa di massima percorrenza! E’ la legge!”

La legge va rispettata. Infilo nella Macchina due banconote per un totale di 70 euri, prendo il resto e oltrepasso il casello.

Fine del primo atto.
strada
Atto secondo.

Pochi secondi dopo la mia dolce Paola trova il biglietto.

Fermo l’auto e raggiungo a piedi l’ufficio dei Controllori della Macchina.

Non mi trovo però di fronte a una donna. C’è invece un impiegato della Società Autostrade. Mi spiega che hanno dovuto prendere questi provvedimenti per scoraggiare i furbetti, che magari sono partiti da Bari o da Trieste e dicono di essere entrati nell’autostrada a Broni (il pedaggio da Broni è di 1,30).

“Ma adesso ho trovato il biglietto…”

“Mi dispiace, ma non posso farci niente. Noi non possiamo restituire denaro in qualsiasi forma…”

Mi dà dei moduli in cui attesterò, in forma di autocertificazione, il mio nome cognome targa del veicolo codice fiscale segno zodiacale ecc.

Lo invierò via fax al numero 011.91415313, dove (spero) accoglieranno la mia richiesta di rimborso, calcolando la differenza tra 67,50 e 1,30 euro.

L’importante è la salute. Amen.

Published in: on ottobre 30, 2016 at 1:27 pm  Comments (4)  
Tags: , ,

The URI to TrackBack this entry is: https://ilbibliofilo.wordpress.com/2016/10/30/al-casello-di-castello-dramma-in-due-atti/trackback/

RSS feed for comments on this post.

4 commentiLascia un commento

  1. ahahah! solidarietà alla dolce Paola (che bel nome…😉 ) perché è tutta colpa tua! (guidavi, tu, vero?)😀 sappi che, dietro l’aletta parasole dell’autista, si nasconde un’apposita fascetta, nella quale è d’uopo ed è uso infilare il biglietto autostradale, onde non smarrirlo da casello a casello…😉

    Mi piace

  2. Stavo per suggerire anche io l’uso dell’apposita fascetta. La quale, peraltro, salva migliaia di rapporti di coppia ogni anno.

    Liked by 1 persona

  3. Succede quando ci si accelera e si “scappa” dal casello. Che ti frega se quello dietro aspetta un minuto? Alla fine questa storia ti insegna che, all’altro casello, hai causato una fila ben più lunga. E ti è costato €65 in più. Fammi sapere come si risolve il ricorso.

    Mi piace


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: