Ferragosto in città – olimpiadi davanti al televisore

Domanda preliminare. Che differenza c’è tra uno sportivo e un tifoso?

Rispondo. Lo sportivo apprezza le performances anche degli avversari, il tifoso spera che sbaglino (anzi, che si rompano i tendini e le ossa).

Servono esempi? Se l’avversaria di Sara Errani (Barbora Comesiscrive) centra un colpo spettacolare io (che mi ritengo sportivo) applaudo.

Poi naturalmente sono contento che Sara concluda vittoriosamente per 6-2 6-2.

Altro esempio. Clemente Pesomassimo Russo ha eliminato un tunisino ai punti. Verdetto discutibile: il match era in perfetto equilibrio. Lo sportivo dice “meglio così, ma Russo dovrà impegnarsi di più nel prossimo incontro”; il tifoso grida “evvai! e fanculo il tunisino!!”

Conclusa la premessa, vorrei rivolgere due raccomandazioni:

  • raccomando ai telecronisti RAI (che sono un esercito; pare che il numero degli inviati a Rio, tra giornalisti, tecnici, dirigenti ecc sia di poco inferiore al numero degli atleti) di essere un po’ meno tifosi e un po’ più sportivi (vedi sopra)
  • raccomando ai capi di governo (presenti e futuri) di starsene a casa; la presenza di un premier distrae e magari mena gramo (quando Renzi era là nessuna vittoria e Nibali si è fratturato; appena l’aereo presidenziale ha lasciato il Sudamerica le medaglie d’oro hanno cominciato a fioccare)
    alto
Published in: on agosto 9, 2016 at 11:22 am  Comments (1)  
Tags: , ,